HOME Articoli

Lo sai che? Cosa copre assicurazione condominio

Lo sai che? Pubblicato il 3 settembre 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 3 settembre 2017

L’assicurazione condominio copre i danni causati dall’edificio a persone o cose e quelli che hanno colpito il condominio stesso: scopriamola nel dettaglio.

Al giorno d’oggi in molti scelgono di assicurare la propria abitazione, stipulando una polizza casa contro furti o incendi, e per i danni che dalla struttura possano causarsi a terzi.

È però possibile, se si vive in un condominio, sottoscrivere una assicurazione apposita per il condominio, che copra quindi tutto l’edificio e le abitazioni che lo compongono per i danni causati sul fabbricato nonché dal fabbricato. Tale assicurazione ha il nome di polizza globale fabbricati.

Questa particolare tipologia di polizza prevede la stessa modalità di pagamento annuale del premio di una classica assicurazione casa, ma cosa copre l’assicurazione per il condominio? In cosa consiste e a carico di chi è?

Assicurazione condominio: cos’è?

L’assicurazione condominio è, come anticipato, una polizza assicurativa che può essere stipulata da un condominio, in persona del suo amministratore (come da previsione del regolamento condominiale, o previa delibera assembleare che lo autorizzi a procedere in tal senso) a copertura totale o parziale dei danni che l’edificio può causare a persone o cose, nonchè dei danni che vengano causati da persone o da fattori esterni allo stesso fabbricato.

Stipulata annualmente, il premio viene calcolato sulla base delle dimensioni, dello stato e dell’ubicazione dell’edificio, nonché del numero di appartamenti che lo compongono. La cifra viene suddivisa fra i condomini, parametrandola in base ai millesimi delle proprietà di ognuna delle loro abitazioni.

La finalità è quella di tutelare ogni condomino in caso di danni provocati dal fabbricato o arrecati allo stesso edificio, che sfortunatamente in molte occasioni possono essere anche ingenti, richiedendo di far fronte a spese improvvise ed impreviste anche abbastanza onerose da sostenere. Anche nelle ipotesi in cui la copertura assicurativa non fosse totale, ma soltanto parziale, è indubbiamente vantaggioso ridurre le spese da sostenere in caso di danni.

Altra questione è comprendere se l’assicurazione condominio è obbligatoria. La risposta è negativa, in quanto non esiste ad oggi una disciplina di legge che obblighi a stipulare questa assicurazione. Nei casi in cui si verificassero danni a persone o cose creati da una parte comune dell’edificio condominiale non assicurato (se infatti i danni sono riconducibili ad uno degli appartamenti, i costi del risarcimento saranno a carico del proprietario di quell’unità immobiliare) i costi ricadrebbero sui condomini, che dovrebbero farvi fronte.

Non sussiste quindi un obbligo di legge di assicurazione per il condominio, ma questo non significa che la stipula della polizza non possa in concreto essere obbligatoria, di suo, nel caso di uno specifico edificio, e questo avviene nelle ipotesi in cui sia lo stesso regolamento di condominio dell’edificio a prevederla.

Assicurazione condominio: cosa copre?

L’assicurazione del condominio comporta che sia la società assicuratrice a provvedere al risarcimento, integrale o parziale, dei costi derivanti dai danni verificatisi. Bisogna naturalmente che tali danni rientrino nelle ipotesi contemplate dal contratto assicurativo, che può avere coperture variabili: è possibile infatti stipulare un contratto che preveda una copertura assicurativa base essenziale, al quale poi aggiungere eventuali garanzie specificamente concordate tra assicuratore e assicurato. Queste garanzie aggiuntive varieranno a seconda delle esigenze del singolo condominio.

Per quanto riguarda la copertura assicurativa di base, la polizza globale fabbricati copre l’edificio per i danni che si possano abbattere sul condominio, come nelle ipotesi di calamità naturale, e prevede generalmente la copertura essenziale per i casi di responsabilità civile del condominio e la copertura per la polizza incendio, furto e rapina, comprendendo quindi tutti i danni provocati ai terzi ed agli stessi condomini dalle parti comuni dell’edificio e dalle abitazioni private che lo compongono. Analizziamo le tipologie separatamente.

Assicurazione condominio: cosa copre la polizza base?

Per quanto concerne la responsabilità civile, ci si riferisce ai danni causati a terzi, nonché quelli causati ai lavoratori che prestano la loro attività professionale sull’edificio, ed ai danni causati dalle abitazioni private.

Si pensi ad esempio alla caduta di un calcinaccio dalla facciata dell’edificio, al crollo di un balcone sulla sottostante via pedonale, ai danni da infiltrazioni o perdite d’acqua.

In relazione poi all’assicurazione contro gli incendi, in generale include anche i danni da esplosione, da fulmine e scoppio.

La polizza condominio non copre unicamente i danni causati alle parti comuni, ma anche quelli che abbiano interessato le singole abitazioni, sempre che chiaramente esse rientrino nella copertura assicurativa. L’assicurazione non copre in genere i danni causati da trascuratezza o distrazione, che siano imputabili al condominio.

Assicurazione condominio: cosa copre la garanzia aggiuntiva?

Le coperture aggiuntive, come anticipato, sono invece connesse alle specifiche necessità degli edifici condominiali, pertanto l’assicurazione si può personalizzare, modellandola sulle richieste del condominio e le caratteristiche dell’edificio, aggiungendo ulteriori voci con conseguente aumento dei massimali previsti dalla polizza base.

Le garanzie aggiuntive scelte dal condominio potranno riguardare particolari tipologie di danni, come nelle ipotesi di danni idrici o da infiltrazioni di acqua, o specifici eventi legati alla struttura e composizione dell’edificio stesso (si pensi alla rottura degli impianti domestici, come per esempio tubi corrosi, o alla rottura dei pannelli solari, di quelli fotovoltaici o dei pannelli termici).

Si può inoltre stipulare una copertura a garanzia dell’assistenza legale, in modo da ricevere tutela da un avvocato in caso di eventuali spese legali, dovute di necessità qualora il condominio dovesse andare in causa per vertenze su parti comuni dell’immobile. Non rientrano nella tutela legale le liti riguardanti i singoli condomini fra loro.

Altra tipologia di copertura aggiuntiva riguarda poi la ricerca di guasti, che copre le spese da sostenere per risalire all’origine di un guasto, e derivanti quindi dalla manodopera necessaria per l’individuazione dello stesso, oppure ancora la garanzia a copertura delle spese per l’assistenza tecnica in caso di interventi professionali (elettricisti, idraulici, manutentori).

note

Autore immagine: Pixabay.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. Il nostro condominio sono due palazzine di 6 appartamenti,separati , con un giardino in comune.; con un unico amministrataore.
    la palaziina A(dove risiedo) vuole stipulare una polizza base, a parte (solo per i 6 condomini) (non avendo a che fare con la palazzina b).

  2. Io abito in un residence di 5 abitazioni abbiamo un assicurazione condominiale è arrivato un fulmine e mi ha bruciato due TV un PC e un modem.CHI RISPONDE

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI