Business | Articoli

Samsung: sanzioni per 3 milioni di euro. Condanna dell’Agcm

16 Febbraio 2017
Samsung: sanzioni per 3 milioni di euro. Condanna dell’Agcm

Si è concluso il procedimento avviato dalla Agcm nei confronti del colosso della telefonia, Samsung People viola la normativa sull’uso dati personali.

Lo scorso 25 gennaio l’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha irrogato una pesante sanzione alla Samsung, constatando promozioni ingannevoli e pratiche aggressive.

La segnalazione delle associazioni a tutela del consumatore

Ancora una volta sono risultati fondamentali le segnalazioni delle associazioni a tutela del consumatore, in tal caso la Federconsumatori Palermo e l’Unione Nazionale Consumatori, che segnalarono le irregolari modalità promozionali della Samsung.

Carenze informative e pratiche agrgessive: l’Agcm si schiera col consumatore

Secondo quanto denunciato dalle associazioni dei consumatori ed accertato dall’Autorità, i messaggi pubblicitari della Samsung presentavano gravi carenze informative sulla natura della promozione, sulle condizioni attuative della stessa, le limitazioni e le modalità da seguire per ottenere il premio/vantaggio promesso.

Messaggi promozionali ingannevoli: nessuno sconto automatico

Secondo quanto accertato dall’Agcm, nei messaggi promozionali della Samsung si lasciava intendere che con l’acquisto del prodotto si sarebbe ottenuto in modo automatico il rimborso/sconto promesso. Così non era, dal momento che tale beneficio si sarebbe potuto ottenere solo in una seconda fase, seguendo una particolare procedura, della quale, tuttavia, il consumatore veniva pienamente a conoscenza solo dopo avere acquistato il prodotto e dopo aver letto i termini e le condizioni integrali del Regolamento della manifestazione a premio.

Troppi ostacoli: l’Agcm sanziona gli adempimenti eccessivi richiesti al consumatore

L’aggressività del comportamento di Samsung sta anche nella complessità della procedura predisposta. Troppi adempimenti, spesso ripetitivi e da effettuare in tempi eccessivamente brevi, con documentazioni di difficile reperimento e non accessibile ad utenti non particolarmente informatizzati.

Consenso dei dati personali e marketing: non basta informare in un unico momento il consumatore

L’Autorità ha rintracciato poi un’ulteriore pratica aggressiva consistita nell’aver utilizzato per finalità di marketing i dati personali dei propri clienti, richiesti per registrarsi sulla piattaforma Samsung People. Questa volta non è bastato richiedere il consenso al cliente, poiché, secondo quanto sancito dall’autorità, il consumatore, che aveva acquistato il prodotto in promozione al fine di ottenere un premio, non avrebbe potuto esimersi dal fornire quei dati senza altrimenti rinunciare al premio.

Un consenso prestato in tali circostanze, sembra sostenere l’Agcm, non ha valore alcuno, e tantomeno consente l’utilizzo per finalità di marketing.

La sanzione: circa 3milioni di euro

Duro colpo per la Samsung: 3 milioni di euro di sanzione, avendo goduto, in corso d’opera, delle misure correttive. La Samsung interruppe spontaneamente la pratica relativa al consenso dei dati, diminuendo a “soli” 975mila euro l’importo della sanzione. A questi si aggiungono 2.125.000 euro di sanzione amministrativa relativamente alla pratica delle pubblicità ingannevoli.

Segui La Legge per Tutti Business

Se credi che La Legge per Tutti Business possa essere la pagina che fa per te ecco come fare in pochi passi per averla sempre al top della tua timeline di Facebook: clicca qui, ti si aprirà la pagina nella nuova scheda.

Clicca su mi piace e poi nella sezione «seguici»  clicca su «mostra sempre per primi». Non perderai neanche uno dei nostri pezzi e sarai sempre aggiornato. Ti aspettiamo.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube