Diritto e Fisco | Articoli

Notifica accertamento fiscale residenti all’estero

5 Settembre 2017 | Autore:
Notifica accertamento fiscale residenti all’estero

Valida la notifica degli atti fiscali con raccomandata a/r all’indirizzo estero del contribuente.

Il Fisco, senza troppe formalità, può notificare l’avviso di accertamento mediante raccomandata con avviso di ricevimento all’indirizzo estero del contribuente, tratto dai registri Aire (Anagrafe italiani residenti all’estero).

Secondo una recente sentenza della Cassazione [1], tale modalità di notifica è pienamente valida poiché espressamente prevista dalla legge.

La regola generale prevista dal codice di procedura civile [2] è quella secondo cui, se il destinatario non ha residenza, dimora o domicilio nello Stato italiano e non vi ha eletto domicilio o costituito un procuratore, l’atto giudiziario è notificato mediante spedizione al destinatario per mezzo della posta con raccomandata e mediante consegna di altra copia al pubblico ministero che ne cura la trasmissione al Ministero degli affari esteri per la consegna alla persona alla quale è diretta.

In materia fiscale, vige però una regola speciale [3] secondo la quale, in alternativa alla procedura di notifica prevista dal codice di procedura civile, la notificazione degli atti impostivi (avvisi di accertamento, avvisi di liquidazione ecc.) ai contribuenti non residenti è validamente effettuata mediante spedizione di lettera raccomandata con avviso di ricevimento all’indirizzo della residenza estera rilevato dai registri dell’Anagrafe degli italiani residenti all’estero.

La norma, che non fa distinzioni fra il caso del contribuente residente in paese della UE e il caso del contribuente residente in paese extra UE – quindi, applicabile anche per il cittadino residente in Svizzera, come nel caso deciso dalla sentenza in esame – è applicabile alla notifica di ogni atto impositivo fiscale.

E’ dunque sufficiente, ai fini della validità della notifica di un avviso di accertamento al contribuente residente all’estero, la spedizione a mezzo raccomandata a/r all’indirizzo risultante dai registri Aire. Non è invece necessario il rispetto della particolare procedura di notifica degli atti giudiziari che richiederebbe l’intervento del pubblico ministero.

Si precisa che l’eventuale vizio di notifica è comunque sanato qualora il contribuente impugni l’avviso di accertamento, dato che con l’opposizione si dimostra l’avvenuta conoscenza dell’atto e si esercita il diritto di difesa (a tutela del quale sono formulate le regole procedimentali di notificazione).


note

[1] Cass. sent. n. 20256 del 22.08.2017.

[2] Art. 142 cod. proc. civ.

[3] Art. 60 DPR. N. 600/1973.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

3 Commenti

  1. Una semplice domanda, sono residente all’estero e iscritto all’AIRE, posseggo una casa in Italia, che cosa succede se non ricevo la raccomandata con ricevuta di ritorno? Il comune può procedere al pignoramento senza aver ricevuto la conferma di avvenuta consegna dell’accertamento? Ringrazio sentitamente.

    1. Leggi i nostri articoli:
      -Residenza all’estero e obbligo di iscrizione all’AIRE https://www.laleggepertutti.it/201958_residenza-allestero-e-obbligo-di-iscrizione-allaire
      -Iscrizione Aire: a cosa serve e cosa comporta https://www.laleggepertutti.it/199049_iscrizione-aire-a-cosa-serve-e-cosa-comporta
      -AIRE: devo comunicare il trasferimento all’Anagrafe Italiani Residenti all’Estero? https://www.laleggepertutti.it/172526_aire-devo-comunicare-il-trasferimento-allanagrafe-italiani-residenti-allestero
      -Iscrizione all’Aire e residenza fiscale in Italia https://www.laleggepertutti.it/161538_iscrizione-allaire-e-residenza-fiscale-in-italia
      -Lavorare all’estero, redditi, tassazione e Aire https://www.laleggepertutti.it/96034_lavorare-allestero-redditi-tassazione-e-aire
      -Lavoro all’estero, residenza in Italia: dove pagare le tasse? https://www.laleggepertutti.it/148616_lavoro-allestero-residenza-in-italia-dove-pagare-le-tasse
      Se desideri sottoporre il tuo caso specifico all’attenzione dei professionisti del nostro network, puoi richiedere una consulenza legale cliccando qui https://www.laleggepertutti.it/richiesta-di-consulenza

      1. Grazie per la risposta e per le informazioni che già in generale conosco. Il mio quesito era sulla mancata ricevuta dell’accertamento. In sostanza, Il comune può’ procedere al pignoramento se non riceve la conferma dell’avvenuta consegna dell’accertamento (se non riceve indietro la RR della raccomandata). Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube