Diritto e Fisco | Articoli

Reversibilità, quando viene ridotta?

14 Ottobre 2017 | Autore:
Reversibilità, quando viene ridotta?

In quali casi la pensione ai superstiti può subire delle decurtazioni?

La pensione di reversibilità, che è ridotta già di per sé, in quanto corrisponde a una percentuale della pensione che il deceduto avrebbe percepito se fosse rimasto in vita, può subire un’ulteriore riduzione nel caso in cui i redditi posseduti superino determinate soglie.

L’abolizione del cumulo tra pensione e altri redditi, difatti, ha risparmiato soltanto le pensioni dirette e derivanti dalla contribuzione versata dal titolare, come la pensione di vecchiaia e di anzianità, mentre non ha risparmiato le prestazioni di assistenza come l’assegno d’invalidità, né la pensione ai superstiti, che può essere di reversibilità (nel caso in cui il deceduto fosse già pensionato) o indiretta (nel caso in cui il dante causa lavorasse ancora).

A chi non è applicata la riduzione della reversibilità

La pensione di reversibilità o indiretta, in ogni caso, non viene ridotta se nel nucleo familiare sono presenti figli minori, studenti o inabili. Inoltre, nessuna riduzione può essere operata ai trattamenti in essere alla data del 16 agosto 1995, anche se questi ultimi hanno l’importo bloccato senza adeguamento per futuri miglioramenti, fino a completo riassorbimento della differenza.

A quanto ammonta la riduzione della reversibilità

La riduzione della pensione di reversibilità non viene effettuata se il reddito del titolare della prestazione non supera di 3 volte il trattamento minimo Inps, ossia sino a 19.573,71 euro annui (importo valido per l’anno 2017).

Se tale soglia è superata, la reversibilità è ridotta del:

  • 25%, nel caso in cui il reddito non superi 26.098,28 euro (4 volte il minimo Inps); questo perché, per tale fascia di reddito, la percentuale di cumulabilità del trattamento di reversibilità è pari al 75%;
  • 40%, se il reddito dell’interessato supera i 26.098,28 euro ma non i 32.622,85 euro (5 volte il minimo Inps); questo perché, se il reddito del pensionato è superiore a 4 volte il trattamento minimo annuo Fpld, la percentuale di cumulabilità del trattamento di reversibilità è pari al 60%;
  • 50% se il reddito del pensionato supera i 32.622,85 euro: in pratica, la percentuale di cumulabilità del trattamento di reversibilità è pari al 50% nel caso in cui il reddito superi 5 volte il minimo Inps.

Il trattamento che deriva dal cumulo dei redditi con la reversibilità ridotta non può comunque essere inferiore a quello spettante per il reddito pari al limite massimo della fascia immediatamente precedente.

Quali redditi non contano per la riduzione della reversibilità

In ogni caso, non tutti i redditi prodotti dal beneficiario della reversibilità sono contati ai fini dei limiti di cumulo.

Anche se la Legge Dini [1], che ha istituito tali soglie, non chiarisce quali siano i redditi del beneficiario da valutare ai fini della cumulabilità con la pensione ai superstiti, la specifica è arrivata dall’Inps con una successiva circolare [2].

L’Inps, nel dettaglio, ha chiarito che devono essere considerati tutti i redditi assoggettabili all’Irpef, al netto dei contributi previdenziali e assistenziali.

Devono invece essere esclusi:

  • il Tfr, i trattamenti assimilati e le relative anticipazioni;
  • il reddito della casa di abitazione;
  • gli arretrati sottoposti a tassazione separata;
  • l’importo della pensione ai superstiti su cui deve essere eventualmente operata la riduzione.

Sono stati successivamente esclusi anche pensione e assegno sociale, rendite Inail, assegni di accompagnamento, pensioni privilegiate, pensioni e assegni per invalidi, ciechi e sordomuti.


note

[1] L. 335/1995.

[2] Inps Circ. 234/1995.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. Sono , in ansia,lo sapete il perche’,sto aspettando l’arrivo del mio merito,e non mi e’ancora arrivato a domicilio,

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube