Diritto e Fisco | Articoli

Quando controllo caldaia

18 ottobre 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 18 ottobre 2017



La legge non individua un termine fisso per il controllo della caldaia, in quanto la manutenzione dipende dalle caratteristiche dell’impianto stesso.

Chi non si è mai chiesto, semmai oziando sul divano in un pigro pomeriggio di domenica, se non fosse giunto il momento di chiamare il tecnico per un controllo della propria caldaia? Tutti sanno che la caldaia può essere pericolosa se presenta dei vizi o dei difetti, oppure se non ben manotenuta, così come tutti sanno che la legge impone dei controlli. Pochi, però, sanno con precisione quando il controllo della caldaia debba essere effettuato. Cerchiamo di fornire qualche risposta.

Il controllo e la manutenzione della caldaia

La legge non stabilisce un termine entro cui la caldaia debba essere controllata; va pertanto sfatato il mito, abbastanza diffuso, secondo cui il controllo è sempre annuale. La normativa di riferimento, infatti, dice che le “operazioni  di controllo ed eventuale manutenzione” degli impianti debbano essere effettuate “conformemente alle prescrizioni e con la periodicità contenute nelle istruzioni tecniche per l’uso e la manutenzione rese disponibili dall’impresa installatrice dell’impianto“ [1]. Ciò significa che dovrà essere il cittadino a rendersi conto di quando c’è bisogno della manutenzione, semmai consultando il libretto d’istruzioni della caldaia. È possibile (ma improbabile) che suddetto libretto nulla dica a riguardo. Cosa fare in questo caso? È possibile contattare direttamente il tecnico che ha installato l’impianto, oppure la casa di fabbricazione della caldaia, al fine di ottenere delucidazioni. Va detto, comunque, che normalmente il periodo indicato per effettuare la revisione è di uno o, al massimo, due anni. Si considerino, inoltre, altri due aspetti: 1. la revisione dell’impianto deve essere sempre eseguita da un tecnico specializzato autorizzato al rilascio della documentazione attestante il buon funzionamento della caldaia; 2. L’ordinamento italiano ha consentito alle Regioni di prevedere una regolamentazione autonoma. Pertanto, è opportuno verificare che la propria Regione di appartenenza non abbia stabilito controlli con periodicità diverse da quelle indicate.

Il controllo dell’efficienza energetica

Se per il controllo e la manutenzione della caldaia la legge non stabilisce un termine preciso, rimettendosi alle peculiarità del singolo impianto, discorso a parte merita il controllo dell’efficienza energetica, cioè quello riguardante i fumi della caldaia e il rendimento di combustione. In questo caso la legge prevede un periodo compreso da uno a quattro anni a seconda della potenza e del tipo di combustibile. Nello specifico, la normativa prevede un controllo: ogni 2 anni per gli impianti termici a combustibile liquido o solido con potenza inferiore o uguale a 100kw; ogni 4 anni per gli impianti a gas metano o GPL con potenza inferiore a uguale a 100kw; 1 anno per gli impianti termici a combustibile liquido o solido con potenza superiore a 100kw; 2 anni per quelli a gas metano o GPL con potenza superiore a 100kw.

Sanzioni

I proprietari di caldaie non soggette a regolari controlli rischiano sanzioni di elevato importo: la multa che può essere comminata ai trasgressori va dai 500,00 ai 3.000,00 euro [2]; a ciò segue l’obbligo di provvedere al controllo, pena ulteriore sanzione.

note

[1] D.p.r. n. 74/2013 del 16 aprile 2013.

[2] D.lgs. n. 192/2005.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. Vorrei sapere se l’inquilino non mette i bollini per la manutenzione ordinaria della caldaia chi ne risponde? L’inquilino o il proprietario? Grazie

    1. la responsabilità della caldaia e dei vari controlli a lei annessa, di conseguenza anche del bollino è a carico dell’inquilino.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI