| Editoriale

Recesso società: che fare per ottenere rimborso quote sociali?

16 settembre 2017


Recesso società: che fare per ottenere rimborso quote sociali?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 16 settembre 2017



Ho comunicato con raccomandata a/r il recesso ed il relativo rimborso delle quote sociali ad una cooperativa artigiana di garanzia dopo un mutuo estinto. Silenzio assoluto. Che posso fare?

Il lettore ha esercitato il diritto di recesso, con contestuale richiesta di rimborso delle quote sociali, nei modi e nei termini previsti dalla legge, che è stata regolarmente trasmessa a mezzo raccomandata alla società. Gli amministratori hanno l’obbligo di accertare innanzitutto la causa di recesso entro il termine di 60 giorni dalla ricezione della dichiarazione del socio e, qualora l’esito di tale accertamento sia negativo, devono dare immediata comunicazione del diniego. In questo caso il socio ha 60 giorni di tempo, dalla ricezione della comunicazione della società, per proporre eventuale opposizione davanti al tribunale. In un’interpretazione letterale della norma, il termine di 60 giorni, attribuito agli amministratori, si intende per il solo esame della dichiarazione di recesso, mentre la comunicazione al socio dovrebbe aver luogo immediatamente in caso di diniego e senza limiti di tempo in caso di accettazione. Questa interpretazione, però, renderebbe il socio “ostaggio” a tempo indefinito dell’arbitrio degli amministratori, in quanto gli stessi potrebbero rimandare lo scioglimento del rapporto sociale che si produce al momento della comunicazione del provvedimento di accoglimento della domanda di recesso. L’esigenza di tutelare il socio fa invece preferire una diversa interpretazione, il termine previsto per l’esame della dichiarazione di recesso deve essere inteso quale termine entro il quale l’organo amministrativo deve comunicare al socio la propria decisione. Che cosa accade se l’organo amministrativo non si pronuncia entro il termine di 60 giorni? Pur nel silenzio della norma, è opinione diffusa che, alla scadenza del termine, il recesso debba considerarsi accettato e il vincolo sociale sciolto. Il consenso dell’organo amministrativo funge da condizione che sospende il recesso e la mancata pronuncia, entro il termine previsto, sia a norma di legge che a norma di statuto, legittima il socio ad adire l’autorità giudiziaria al fine di fare dichiarare che la condizione deve considerarsi avverata e produttiva degli effetti. In altre parole, decorso il termine per la comunicazione, il lettore ha facoltà di ricorrere presso il tribunale territorialmente competente per ottenere il riconoscimento dello stato di recesso e i diritti ad esso collegati, in primis la liquidazione delle quote.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Rossella Blaiotta

Corte di Cassazione,  sez. I Civile, sentenza n. 5126, dello 06.04.2001

Oltre al recesso legale del socio, previsto dagli artt. 2523 e 2437 cod. civ. (norma quest’ultima dettata per le società per azioni, ma estensibile alle società cooperative) l’ordinamento prevede il recesso convenzionale (artt.2518 e 2526 cod. civ.) e se il primo non può essere limitato o soppresso neppure da clausole statutarie, attraverso la previsione dell’approvazione degli organi statutari (la quale finirebbe per trasformare l’esercizio di un diritto potestativo in una proposta negoziale e per rimetterne l’efficacia alla discrezione di un terzo), non altrettanto può affermarsi per il recesso statutario, il quale, nascendo con l’atto costitutivo, come atto di manifestazione della volontà negoziale, dalla stessa volontà può essere disciplinato attraverso clausole, determinative del contenuto, sia quando attribuiscono al socio la facoltà di recedere in situazioni specifiche, sia quando questa stessa facoltà limitano o condizionano. Ne consegue che è legittima la disciplina convenzionale che subordina il recesso a determinati presupposti o condizioni, tra i quali l’autorizzazione o l’approvazione del consiglio d’amministrazione o dell’assemblea dei soci.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI