Diritto e Fisco | Articoli

Ticket non esposto: nulla la multa presa sulle strisce blu

24 ottobre 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 24 ottobre 2017



Se si paga il parcheggio sulle strisce blu ma non si espone il tagliando la multa è comunque nulla.

Come tutti sappiamo, in ogni città italiana gran parte dei parcheggi sono a pagamento: abbondano infatti le cosiddette strisce blu, cioè gli stalli ove parcheggiare la propria automobile dietro pagamento di un prezzo in moneta calcolato sulla base del tempo per il quale si parcheggia la vettura.

Il costo del parcheggio  può essere pagato acquistando dei tagliandi prestampati o utilizzando dei macchinari elettronici che rilasciano uno speciale ticket. Può accadere che l’automobilista non esponga il ticket o il tagliando che costituisce il titolo autorizzativo del parcheggio. Ebbene, anche quando non si espone il ticket o il tagliando di parcheggio la multa elevata dal vigile urbano o dall’ausiliario è nulla. Vediamo cosa dice la Cassazione quando l’automobilista dimentica di esporre il ticket di parcheggio sulle strisce blu.

Ticket di parcheggio non esposto: perché annullare la multa

Quando si paga il ticket o il tagliando di parcheggio comunque si è adempiuto all’obbligo che la legge impone quando si parcheggia sulle strisce blu: quindi, l’automobilista – avendo pagato il costo del ticket o del tagliando – può parcheggiare senza commettere illeciti amministrativi.

Il parcheggio è legittimo anche quando, dopo pagato il ticket o il tagliando, questo non viene esposto sul cruscotto ed il vigile, non vedendolo, fa la multa.

Dice a tale riguardo la Cassazione [1] che in questi casi l’automobilista che ha pagato il tagliando di parcheggio ma non lo ha esposto non può essere paragonato a chi parcheggia senza pagare: quando si paga il ticket di parcheggio, infatti, viene meno il motivo per cui l’automobilista che parcheggia sulle strisce blu dovrebbe essere multato. Dicono i giudici, infatti, che la sanzione può essere applicata solo se la legge viene violata: ma dato che la legge dice che bisogna pagare il ticket di parcheggio, ma non dice dove esporlo, chi paga il tagliando ma dimentica di esporlo non viola nessuna norma e quindi non può essere sanzionato.

Come fare per annullare la multa

Chi  ha pagato il ticket di parcheggio ma ha dimenticato di esporlo, ed ha visto arrivare a casa la multa, ha due strade per difendersi.

Innanzitutto, entro 30 giorni dalla data di notifica della multa, può fare ricorso al Giudice di pace competente per territorio, e chiedere l’annullamento totale del verbale che irroga l’ingiusta sanzione: nel ricorso in opposizione a sanzione amministrativa si dedurrà proprio che è assente qualsiasi violazione di legge, poiché i diritti di parcheggio sono stati corrisposti alle casse comunali.

Il secondo metodo per difendersi contro la multa fatta per non aver esposto il ticket di parcheggio è il ricorso al Prefetto competente per territorio: in questo caso il cittadino dovrà inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno alla Prefettura deducendo che la multa è da annullare perché nessuna norma è stata violata. Il termine per il ricorso al Prefetto è di 60 giorni dalla notifica della multa.

Spese processuali

In caso di ricorso al Giudice di pace, però, la Cassazione dice che anche se il giudice annulla la multa fatta per non aver esposto il ticket di parcheggio, comunque non vanno restituite le spese processuali (che ammontano a 43 euro per il contributo unificato).

Infatti, dice la Cassazione, è vero che non esiste una norma che stabilisca come va esposto il tagliando di parcheggio: tuttavia, c’è un obbligo di esporlo. Dunque, se il tagliando non viene esposto, o viene esposto senza accortezza ed il vigile urbano non lo vede, sussistono giusti motivi per compensare le spese del giudizio, che resteranno quindi a carico dell’automobilista.

note

[1] Cass. sent.  n. 8282/2016 del 27.04.2016.

Autore immagine: Pixabay

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. Alla luce di quanto esposto allora potrebbe essere una scappatoia il fatto di non pagare il parcheggio e solo in caso di multa andare a comprare un tagliando e compilarlo con l’ora e data della sosta. Anche in questo caso la multa verrebbe annullata perchè non ci sarebbe modo per dimostrare che il pagamento è avvenuto dopo la multa?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI