Diritto e Fisco | Articoli

Morte del congiunto: come gestire il momento della successione

14 ottobre 2017


Morte del congiunto: come gestire il momento della successione

> Diritto e Fisco Pubblicato il 14 ottobre 2017



Breve guida agli adempimenti burocratici in caso di successione ereditaria. Incombenze e particolarità in Trentino – Alto Adige e Friuli Venezia – Giulia, ove vige il Sistema tavolare.

La morte di un congiunto non è mai un momento facile da affrontare, anche dal punto di vista degli adempimenti burocratici richiesti ai congiunti e, generalmente, a tutti coloro che sono chiamati alla divisione del patrimonio ereditario. Molti enti pubblici sono infatti interessati alla notizia del decesso, poiché dall’esistenza di ciascuno di noi dipendono i nostri rapporti giuridici: in caso di decesso, la maggior parte di questi viene trasmessa agli eredi e, ovviamente, si tratta di un passaggio che conserva rilevanza pubblica.

Gli adempimenti sono gli stessi sia nel caso di successione testamentaria sia nel caso di successione legittima, ovvero la successione che si svolge nelle forme previste dalla legge senza testamento.

Alla morte di un congiunto, i chiamati all’eredità sono in primo luogo tenuti a reperire il certificato di morte, documento che si richiede presso l’ufficio anagrafe dell’ultimo comune di residenza.

Ovviamente ogni atto che ha valore certificativo esige l’apposizione della debita marca da bollo (oggi di euro 16,00).

Il passaggio successivo, comune a tutta Italia, è la presentazione della dichiarazione di successione alla Agenzia delle Entrate: si tratta di un adempimento obbligatorio di carattere fiscale, che nei territori di tradizione austro-ungarica ha fondamentale importanza anche sotto altri profili, da presentare entro 12 mesi dalla data di apertura della successione (di regola coincidente con il decesso) presso l’ufficio della circoscrizione ove era fissata l’ultima residenza del defunto. Questa dichiarazione elenca tutti i beni nel patrimonio del defunto e comunica all’Agenzia delle Entrate chi sono gli eredi e quindi chi subentrerà nel patrimonio al momento privo del suo originario titolare.

L’esito fiscale è la quantificazione delle imposte dovute per questo passaggio. Ad oggi sono previste tre aliquote distinte, a seconda del grado di parentela degli eredi, e conseguenti franchigie, cioè soglie entro le quali l’imposta non è dovuta:

  • coniuge e parenti in linea retta (figli, genitori, ascendenti e discendenti): 4%, con franchigia fino a € 1.000.000,00 di valore dell’eredità;
  • fratelli e sorelle, 6%, con franchigia di € 100.000,00;
  • altri parenti fino al 4° grado, affini in linea retta, affini in linea collaterale fino al 3° grado: 6% senza franchigia;
  • tutti gli altri soggetti, 8% senza franchigia.

Non sono solo gli eredi a dover presentare la dichiarazione di successione

La dichiarazione di successione è un documento fondamentale che deve essere presentato in generale da tutti coloro che si trovano in un rapporto di disponibilità dei beni ereditari.

Oltre agli eredi e ai legatari [1], gli obbligati a presentare la dichiarazione di successione sono i rappresentanti legali [2], gli immessi nel possesso dei beni in caso di assenza del defunto o di dichiarazione di morte presunta, gli amministratori dell’eredità, i curatori delle eredità giacenti [3], gli esecutori testamentari e i trust.

In ogni caso, basta che la dichiarazione sia sottoscritta da uno solo dei soggetti obbligati.

L’imposta di successione

Una volta presentata la dichiarazione, l’Agenzia delle Entrate liquida l’imposta di successione ed emette l’apposito avviso che viene notificato agli eredi e agli altri soggetti interessati entro 3 anni dalla data di presentazione della dichiarazione stessa. Se la dichiarazione non viene presentata, l’Agenzia delle Entrate notifica comunque l’avviso di liquidazione entro 5 anni dalla scadenza del termine.

Attenzione, si tratta di un’obbligazione solidale: tutti gli eredi sono obbligati a pagare l’intera imposta complessivamente dovuta da loro e dagli altri, sia per la parte attinente all’asse globale sia per quella relativa alle singole quote. L’Agenzia delle Entrate può chiedere il pagamento integrale a ciascun erede: se uno di loro non paga la propria quota, gli altri non saranno al sicuro da eventuali azioni esecutive di riscossione esattoriale. Il destinatario di un legato, invece, è obbligato solo per la propria quota.

Solo la rinuncia all’eredità permette di non essere destinatari dell’avviso e di evitare il pagamento dell’imposta: ma in tal caso, ovviamente, non si diventa eredi e non si partecipa alla divisione ereditaria.

La dichiarazione di successione non sempre va presentata

In alcuni casi particolari la dichiarazione di successione può non essere presentata.

Innanzitutto, non sono obbligati a presentare la dichiarazione di successione i soggetti che rinunciano all’eredità (o al legato); la rinuncia deve avvenire entro 10 anni, altrimenti non ha effetti e l’erede si considera come se avesse accettato. La comunicazione all’Agenzia delle Entrate deve avvenire a mezzo raccomandata, allegando una copia autentica della dichiarazione di rinuncia all’eredità, oppure una copia dell’istanza di nomina del curatore, autenticata dal cancelliere del tribunale. Dato che la dichiarazione di successione va presentata nei 12 mesi successivi alla morte del congiunto, è preferibile non attendere troppo tempo se si desidera rinunciare al lascito ereditario.

Non sono obbligati a presentare la dichiarazione di successione il coniuge, i figli, i genitori e/o altri parenti in linea retta se il patrimonio ereditario è di modico valore, ossia se complessivamente non supera euro 25.823 euro e non comprende beni immobili o diritti reali di godimento.

Per chi accetta l’eredità con beneficio di inventario, il termine di 12 mesi per la presentazione della dichiarazione di successione decorre dalla scadenza del termine stabilito per la formazione dell’inventario (o dalla sua chiusura).

Per l’eredità di immobili, vanno forniti ulteriori documenti

Generalmente, in Italia per ogni bene immobile di proprietà del defunto sarà necessario reperire i seguenti documenti da presentare per la redazione della dichiarazione di successione:

– una copia del titolo di provenienza o visura nota trascrizione digitale;

– visura catastale per soggetto (il defunto);

– licenza edilizia, concessioni e condoni nonché eventuali accertamenti di valore.

Qualora i beni immobili fossero privi di rendita catastale, è opportuno richiedere preventivamente l’attribuzione della rendita catastale, allo scopo di evitare futuri accertamenti da parte della Agenzia delle Entrate

In Trentino – Alto Adige e in Friuli –  Venezia Giulia: il Sistema tavolare

Quanto sinora detto va integrato con un ulteriore adempimento che caratterizza i territori italiani un tempo appartenenti all’Impero austro-ungarico e annessi all’Italia dopo la prima guerra mondiale: qui vige un sistema diverso di censimento, pubblicità e circolazione della proprietà immobiliare, il cosiddetto Sistema tavolare. I territori in questione sono:

  • Friuli – Venezia Giulia (nelle province di Trieste e Gorizia, nonché nei comuni di Cervignano e Pontebba in provincia di Udine);
  • Trentino – Alto Adige (province di Trento e Bolzano);
  • Cortina d’Ampezzo, Pieve di Livinallongo, Colle Santa Lucia (provincia di Belluno);
  • Valvestino (in provincia di Brescia).

Il Sistema tavolare, articolato in Uffici tavolari territoriali, raccoglie tutti i dati relativi alla consistenza ed all’ubicazione di ogni bene immobile, alla sua titolarità e ai vincoli su di esso insistenti [4]. Sono inoltre rinvenibili annotazioni concernenti i negozi ed i provvedimenti giudiziali o amministrativi riguardanti il bene immobile: in questo modo, con una visura tavolare si possono conoscere tutte le informazioni utili concernenti i beni immobili in questi territori, comprese la titolarità del diritto di proprietà e qualsiasi altro “peso” gravante sull’immobile, come un’ipoteca.

Si tratta di un apparato forse più macchinoso rispetto a quello italiano ma che garantisce chiarezza e certezza nella circolazione degli immobili: le iscrizioni riportate sui libri fondiari hanno una valenza costitutiva oltre che pubblicitaria rispetto ai diritti in esse vengono trascritti. Ciò significa che la circolazione dei beni immobili non può utilmente avvenire se non vi è iscrizione nel libro fondiario e, in sostanza, i diritti reali non esistono se non sono intavolati.

Quando nell’asse ereditario sono compresi immobili ricadenti nei territori soggetti al regime tavolare l’iter risulta più complesso rispetto al resto d’Italia: mentre nel sistema nazionale la presentazione della dichiarazione di successione all’Agenzia delle Entrate è sufficiente a provocarne la trascrizione d’ufficio e agli eredi rimane da chiedere solo la voltura catastale, nei territori ove vige il Sistema tavolare è necessario avviare un procedimento giurisdizionale, nel quale un giudice accerta la qualifica di erede sulla base della dichiarazione di successione e dispone le iscrizioni tavolari sulla base della documentazione prodotta. Si tratta della procedura per il rilascio del cosiddetto Certificato di eredità.

La Legge Tavolare impone, infatti, che chiunque vanti diritti ereditari in una successione ove ricadono beni immobili debba richiedere al Tribunale competente l’emissione di un certificato dal quale risulti la qualità di erede e la quota d’eredità, oppure il bene destinato all’erede, in caso di lascito testamentario.  Per la procedura può essere incaricato un avvocato munito di espressa procura dagli interessati o un notaio.

Le forme sono quelle del ricorso, che va sottoscritto con firma autenticata e depositato nella cancelleria del Tribunale con una serie di documenti:

  • copia della dichiarazione di successione (con timbro e numero di presentazione);
  • copia conforme dell’eventuale testamento pubblicato o registrato;
  • eventuale verbale di rinuncia all’eredità;
  • visure tavolari inerenti i beni immobili ricadenti nell’asse ereditario;
  • i certificati anagrafici (di morte e storico di famiglia).

Nel ricorso devono essere indicati tutti soggetti che si pretendono eredi o legatari, oltre alle quote o ai beni ad essi spettanti, gli estremi dell’apertura della successione e se penda o meno lite sul proprio diritto a succedere.

Il procedimento presso il Tribunale segue l’iter dei procedimenti di volontaria giurisdizione, con contributo unificato dovuto in misura fissa e marca da bollo per spese[5]: in caso di esito positivo viene emesso il Certificato di eredità che attesta la qualità di erede o legatario e dispone le necessarie iscrizioni tavolari.

Di norma, se non vi sono problemi fra coeredi o liti sui diritti a succedere, il giudice procede d’ufficio senza sentire le parti; altrimenti può fissare apposita udienza prima dell’emissione del certificato.

Una volta ottenuto il decreto, gli eredi potranno recarsi all’Ufficio tavolare territorialmente competente per chiedere la voltura tavolare, ossia l’intestazione del bene immobile in capo all’erede o al legatario.

note

[1] I legatari sono i soggetti che subentrano nei diritti solo su un singolo bene e non partecipano all’eredità complessiva.

[2] Si tratta del caso in cui erede è un soggetto minore.

[3] Il curatore dell’eredità giacente è un soggetto nominato dal Tribunale quando tutti gli eredi rinunciano all’eredità o comunque il patrimonio ereditario non può essere trasmesso a nessuno.

[4] Diritti reali minori come servitù ed ipoteche.

[5] oggi euro 98,00 + euro 27,00.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI