Il fisco prende di mira le pagine Facebook

10 Settembre 2017


Il fisco prende di mira le pagine Facebook

> Diritto e Fisco Pubblicato il 10 Settembre 2017



Le dichiarazioni e le millanterie fatte su internet possono essere considerate confessioni e fanno scattare un accertamento fiscale.

Chi ha una pagina Facebook per pubblicizzare la propria attività (professionale o commerciale), vantandosi di essere leader del mercato o di avere molta esperienza nel settore, potrebbe a sorpresa trovare, alla porta dell’ufficio, non già un cliente ma l’Agenzia delle Entrate. Questo perché il fisco ha iniziato a prendere di mira siti internet e le fanpage di Facebook. Le dichiarazioni fatte su internet dal contribuente sono infatti delle «confessioni» e consentono di avviare l’accertamento fiscale. A dirlo sono due interessantissime sentenze di questi ultimi mesi [1].

Così, l’incauto commerciante, l’organizzatore di gite o l’intrattenitore per bambini durante le feste, il piccolo bar, il dee-jay o anche lo studio professionale che millanta professionalità ed esperienza pluriennale nel settore, facendo capire al pubblico che il proprio parco clienti è ampio, non sta facendo altro che tirarsi “la zappa sui piedi”: le sue confessioni possono essere utilizzate dal fisco per inviare un accertamento e saranno difficilmente confutabili in una successiva causa. L’articolo prosegue in Chi guadagna da un sito internet che rischia col fisco?


note

[1] Ctp Trento, sent. n. 236 del 13.10.2016. Ctp Sardegna, sent. n. 101 del 31.03.2017.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

1 Commento

  1. Vi prego , controllate tutti i vari “info-truffatori” (ossia) infomarketer, che truffano usando l’internet marketing.

    Sono tutti che hanno a che fare con:

    -> Il Marketing
    -> La Vendita
    -> Il Network Marketing
    -> Trading Online
    -> Internet o Infomarketing

    Tutto ciò che ha a che fare con la nicchia del guadagnare (online e non). Vi posso assicurare che di gente “truffata” da questi “guru” ne conosco. Tutte le testimonianze sono FALSE (usano la famosa riprova sociale) di Cialdini per “abbassare” la diffidenza dei “clienti”.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI