Diritto e Fisco | Articoli

Prova palloncino: cosa rischio se il colore è giallo

12 settembre 2017


Prova palloncino: cosa rischio se il colore è giallo

> Diritto e Fisco Pubblicato il 12 settembre 2017



Alcoltest: solo se il colore del palloncino è rosso si rischia la sanzione e la guida in stato di ebbrezza.

Anche se il nome corretto è «pretest» o «precursore», tutti la chiamano «prova del palloncino» (ed è una cosa diversa dall’etilometro): si tratta dello strumento, in dotazione alla polizia e ai carabinieri, per eseguire i controlli su strada e verificare il quantitativo di alcool nel sangue del conducente. All’esito del risultato, che sostituisce le analisi del sangue, si procede a contestare eventualmente la guida in stato di ebbrezza, comportamento che, per quanto viola una norma del codice della strada, può costituire un reato e comportare un procedimento penale. In particolare, la sanzione è commisurata al quantitativo di alcool nell’organismo: tanto più questo è elevato, tanto più è pesante la sanzione. Si passa da una prima e più leggera soglia per la quale viene inflitta solo una pena pecuniaria di tipo amministrativo per finire a sanzioni penali. Nel primo caso, ovviamente, la fedina penale resta immacolata (la conseguenza è la stessa di una ordinaria multa per eccesso di velocità), mentre nel secondo caso si commette un reato. Il colore del palloncino, all’esito della prova, quantifica il quantitativo di alcool e, quindi, lo stato di ubriachezza. I colori possono essere verde, giallo e rosso. Da essi dipende il tipo di sanzione che verrà applicata. Ma procediamo con ordine e vediamo in caso di prova palloncino, cosa si rischia se il colore è giallo, oppure se è rosso o verde.

Il significato dei colori del palloncino

Come abbiamo appena detto, la prova palloncino può dare, come risultato, tre tipi di colore:

  • verde: indica che non sono state rilevate tracce di alcool nel sangue e il conducente non ha bevuto;
  • giallo: si accende se il livello di alcool è compreso tra 0,01 e 0,49 g/l;
  • rosso: si accende se rileva più di 0,5 g/l.

 

Le sanzioni a seconda del colore del palloncino

Le sanzioni però scattano solo se il palloncino è di colore rosso. Difatti, la guida in stato di ebbrezza è sanzionata nel seguente modo:

  1. tasso alcolemico pari o superiore a 0,5 e non superiore a 0,8%: scatta la sanzione amministrativa da euro 500 a 2.000 e la sospensione della patente di guida da tre a sei mesi. In questo caso, quindi, non si è in presenza di un reato, ma di un illecito amministrativo che non comporta procedimenti in tribunale, né macchia la fedina penale. Nessuno potrà mai sapere della sanzione perché non risultante dal casellario giudiziario;
  2. tasso alcolemico superiore a 0,8 e non superiore a 1,5%: in questo caso si rientra nel penale e la legge prevede l’arresto fino a sei mesi, l’ammenda da 800 a 3.200 euro; all’accertamento del reato consegue in ogni caso la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida da sei mesi ad un anno;
  3. tasso alcolemico superiore a 1,5%: siamo nell’ambito della soglia penale più grave. La condotta è punita con l’arresto da sei mesi a un anno, l’ammenda da 1.500 a 6.000 euro e la sospensione della patente da uno a due anni. Il provvedimento giudiziale di condanna determina, inoltre, la confisca del veicolo con il quale è stato commesso il reato, salvo che il veicolo stesso appartenga a persona estranea al reato.

Leggi anche Alcoltest: come contestare la multa

Che succede se la prova palloncino è verde?

Se, all’esito del test, il colore del palloncino dovesse risultare verde, il conducente è salvo e non subisce alcuna sanzione in quanto significa che non sono state rilevate tracce di alcool nel sangue.

Che succede se la prova palloncino è gialla?

Diverso è il discorso se il palloncino dovesse risultare giallo. In tal caso significa che il livello di alcool è compreso tra 0,01 e 0,49 g/l. Si tratta, come detto sopra, di una soglia che non fa scattare alcun tipo di sanzione, neanche quella minima amministrativa. Tuttavia è discrezione della polizia decidere se sottoporre o meno il conducente al successivo test dell’etilometro. Difatti il precursore non ha valore legale.

Che succede se la prova palloncino è rossa?

Se il palloncino diventa di colore rosso significa che il livello di alcool nel sangue è di 0,5 g/l. Il palloncino però non dice se esso rientra nella soglia della sanzione amministrativa (da 0,5 a 0,8 gr/l), in quella penale più lieve (da 0,8 gr a 1,5 gr/l) o in quella penale più grave (da 1,6 gr/l in su). Quindi a tal fine l’automobilista verrà sottoposto all’alcoltest vero e proprio. Egli non può rifiutarsi di eseguire l’etilometro: se lo fa – posto che la coercizione fisica è vietata – gli verrà applicata la sanzione penale più grave, quella per chi ha superato la soglia di 1,5 gr/l. Si tratta sempre di un reato, ma se per il colpevole è la prima volta che commette tale infrazione, può godere del beneficio della «particolare tenuità del fatto»: significa che, pur restando macchiata la fedina penale, il procedimento in tribunale viene archiviato e non subirà alcuna sanzione. Paradossalmente questo trattamento di favore non vale invece per chi è soggetto alla semplice sanzione amministrativa.

note

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI