HOME Articoli

Lo sai che? Come riscuotere buoni postali ereditati

Lo sai che? Pubblicato il 12 settembre 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 12 settembre 2017

Alla morte dell’intestatario i buoni postali cadono in successione: subentrano pertanto gli eredi, i quali dovranno dimostrare la loro legittimazione.

I buoni postali sono strumenti di risparmio che garantiscono sempre la restituzione del capitale versato, maggiorato degli interessi eventualmente maturati. A differenza di molti altri strumenti finanziari, i buoni fruttiferi postali (Bfp) sono un’esclusiva delle Poste Italiane. Si tratta di titoli emessi dalla Cassa depositi e prestiti, società per azioni a partecipazione statale controllata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. I buoni postali, pertanto, sono garantiti direttamente dallo Stato e vengono collocati presso gli uffici delle Poste Italiane. I buoni postali sono strumenti finanziari equiparabili ai Buoni del Tesoro ma, a differenza di questi ultimi, la cui oscillazione sul mercato può comportare dei rischi per l’investitore, sono sicuri perché sono sempre rimborsati al loro valore nominale: in altre parole, il capitale versato viene sempre restituito. Vediamo ora come riscuotere i buoni postali ereditati.

Successione

Il buono postale rientra pacificamente tra i rapporti giuridici patrimoniali del titolare; pertanto, alla sua morte, esso cade in successione così come tutti gli altri suoi beni. Le persone interessate al rimborso del titolo dovranno presentare il certificato di morte del defunto e compilare tutti documenti inerenti all’apertura della successione. Nel caso di più intestatari, i superstiti dovranno convocare gli eventuali eredi, i quali, come detto, subentrano nei diritti nel deceduto. I moduli da sottoscrivere saranno somministrati dal responsabile dell’ufficio postale chiamato ad effettuare il rimborso. Gli eredi dovranno dimostrare la propria qualità presentando il testamento o, in assenza, certificazione che comprovi la loro parentela con il defunto. Ad ogni modo, ai fini della presentazione dell’atto notorio, le poste italiane, dispongono di appositi modelli prestampati. V’è da dire che la pratica difficilmente verrà sbrigata in pochi giorni: normalmente si tratta di un’attesa di almeno due o tre settimane.

Documentazione

Per avere un’idea di ciò che gli eredi dovranno presentare agli uffici postali, si riporta la documentazione normalmente richiesta in questi casi. Occorre innanzitutto l’estratto dell’atto di morte del defunto titolare dei buoni, dal quale risultino le generalità della persona deceduta, la data e il luogo dove è avvenuto il decesso, il suo ultimo domicilio o residenza e il nominativo del coniuge (ove vi sia). Serve poi un atto notorio o una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà che indichi tutti gli eredi legittimi e le loro generalità. Se la successione è testamentaria, invece, occorrerà munirsi del verbale di pubblicazione del testamento olografo o del testamento segreto in copia conforme all’originale o, nel caso di testamento pubblico, copia conforme all’originale dell’atto pubblico. Serviranno poi i documenti (carta d’identità e codice fiscale) di tutti gli aventi diritto

Cointestazione, successione e clausola di pari facoltà di rimborso

Nel caso in cui i buoni siano cointestati, cioè siano stati sottoscritti da più persone, le Poste bloccano il loro rimborso fintantoché non si sia completata la successione come sopra brevemente descritta. La procedura illustrata, tuttavia, dovrebbe di gran lunga semplificarsi nel caso in cui sul buono vi sia la clausola di pari facoltà rimborso: in questa circostanza, ogni cointestatario può autonomamente richiedere il rimborso dell’intera cifra. Eppure non sempre è così facile. Se la suddetta clausola non incontra limitazioni quando tutti i cointestatari siano viventi, è prassi frequente delle Poste Italiane negare il rimborso quando uno di loro sia deceduto. In altre parole, in caso di decesso di uno dei titolari, la clausola di pari facoltà di rimborso viene resa inefficace. Il punto è molto discusso ma la giurisprudenza sembra essersi schierata dalla parte del cittadino: la Corte di Cassazione, infatti, ha ritenuto illegittima la condotta delle Poste Italiane che, pur in presenza della clausola “Pfr”, neghi il rimborso del buono ad uno dei titolari [1]. Quanto sostenuto dalla giurisprudenza è pienamente in linea con quanto affermato dalla legge a proposito dei titoli garantiti dallo Stato, i quali non devono essere inseriti nella dichiarazione di successione.

Buoni postali e dichiarazione di successione

In caso di decesso dell’unico intestatario del buono fruttifero postale, gli eredi non dovranno menzionare il titolo nella dichiarazione di successione. Secondo il testo unico delle successioni, infatti, non rientrano nella dichiarazione di successione gli altri titoli di Stato, garantiti dallo Stato o equiparati, nonché ogni altro bene o diritto, dichiarati esenti dall’imposta da norme di legge[2]. Secondo la legge, quindi, i buoni postali non concorrono a formare l’attivo ereditario, per cui essi non devono essere dichiarati.

note

[1] Cass. sent. n. 12385 del 03.06.2014; n. 15231/2002 e n. 13979/07 (sezioni unite).

[2] Art. 12, lettera i), Decreto legislativo n. 346/1990 del 31.10.1990 (testo unico sulle successioni).


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

5 Commenti

  1. Se i buoni fruttiferi sono dello stato,la posta dovrebbe accettare l autocertificazsione per quello che riguarda questi,altrimenti vengano gastiti da un ente statale ,se quando io ho messo i buoni la posta era statale lo stato ne risponde fino a quando io non lo ritiro

  2. I buoni fruttiferi inseriti in successione possono essere rimborsati agli eredi legittimi con accredito diretto ad ognuno o con vaglia? Il direttore dell’ufficio postale ci ha comunicato che il rimborso deve avvenire con pagamento diretto ad ogni erede presente nell’ufficio il giorno stabilito. Se gli eredi sono que indicati in successione non è possibile l’invio del vaglio o semplice te un accredito su cc

  3. Il rimborso dei buoni fruttiferi agli eredi presenti in successione, è possibile farlo tramite vaglia da inviare agli eredi o bisogna essere tutti presenti? Il direttore dell’ufficio postale, per gli eredi non residenti nel comune, chiede procura notarile. Limporto dei buoni fruttuferi a onta a euro 11.000,00 da ripartire a 28 eredi

  4. Il mio caso è il seguente:
    Buoni cointestati ad entrambi i genitori. Entrambi deceduti. Non c’è testamento.
    I buoni scadono tra 7 anni (sono del ’95).
    Gli eredi (i 3 figli) possono già dividersi i buoni presentando i documenti di successione alle poste ma non cambiarli?
    Alla scadenza sarà comunque necessaria la presenza di tutti gli eredi per cambiare i buoni?
    Grazie

  5. Buongiorno,
    Sono una dei tanti eredi dei miei zii deceduti entrambi .dopo anni sono stati ritrovati dei buoni postali di cui nessuno era a conoscenza .chiedo questi buoni vengono divisi in parti uguali a tutti gli eredi o seguono le regole della vecchia successione visto che era morto prima lo zio e dopo anni la zia.
    Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI