Diritto e Fisco | Articoli

Un padre può escludere un figlio dalla eredità?

15 settembre 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 15 settembre 2017



Successione eredità: i casi di indegnità del figlio.

Nel nostro ordinamento non è ammessa la diseredazione e la quota di eredità dei discendenti, essendo legittimari, è intangibile (cosiddetta Legittima).

Il diritto alla legittima non può mai essere sacrificato dal testatore.

Chi sono i legittimari?

I legittimari sono le persone a favore delle quali la legge riserva una quota di eredità o altri diritti nella successione e precisamente il coniuge, i figli e gli ascendenti.

Ai figli sono equiparati gli adottivi.

A favore dei discendenti dei figli, la legge riserva gli stessi diritti che sono riservati ai figli, poiché le disposizioni testamentarie non possono pregiudicare i diritti che la legge riserva ai legittimari; nel caso ciò avvenga, i figli avranno facoltà di impugnarlo per lesione della quota cosiddetta di legittima, cioè per lesione di quella quota che la legge riserva ai legittimari (un padre, per testamento, può disporre soltanto della quota cosiddetta disponibile del suo patrimonio, ma non può disporre della cosiddetta quota di riserva che spetta al coniuge e ai figli in quanto “legittimari”).

In cosa consiste l’azione di riduzione?

Al fine di impedire che il divieto di disporre della legittima venga eluso dal soggetto in vita, il nostro ordinamento prevede il rimedio dell’azione di riduzione, che è finalizzata a far dichiarare invalidi gli atti lesivi della suddetta quota di legittima sia che essi siano stati compiuti in vita (ad esempio donazioni) che a causa di morte, ad esempio con il testamento.

In quanto legittimario, il figlio che si ritiene leso dal testamento ha diritto alla cosiddetta «riserva», che non può essere tolta nemmeno con un testamento contenente una clausola di diseredazione. Tale azione, in caso di esito vittorioso, darà diritto alla sola quota di riserva e a null’ altro.

Esistono dei casi in cui un padre può escludere un figlio dall’ eredita?

Gli unici casi in cui un padre può legalmente e unilateralmente escludere dall’eredità sono casi tassativi di indegnità come ad esempio:

  • chi ha volontariamente ucciso o tentato di uccidere la persona della cui successione si tratta, o il coniuge, o un discendente, o un ascendente della medesima, purché non ricorra alcuna delle cause che escludono la punibilità a norma della legge penale;
  • chi ha commesso, in danno di una di tali persone, un fatto al quale la legge dichiara applicabili le disposizioni sull’omicidio;
  • chi ha denunziato una di tali persone per reato punibile con l’ergastolo o con la reclusione per un tempo non inferiore nel minimo a tre anni, se la denunzia è stata dichiarata calunniosa in giudizio penale; ovvero ha testimoniato contro le persone medesime imputate dei predetti reati, se la testimonianza è stata dichiarata, nei confronti di lui, falsa in giudizio penale;
  • chi, essendo decaduto dalla potestà genitoriale nei confronti della persona della cui successione si tratta a norma dell’articolo 330, non e’ stato reintegrato nella potestà alla data di apertura della successione della medesima.
  • chi ha indotto con dolo o violenza la persona, della cui successione si tratta, a fare, revocare o mutare il testamento, o ne l’ha impedita;
  • chi ha soppresso, celato o alterato il testamento dal quale la successione sarebbe stata regolata;
  • chi ha formato un testamento falso o ne ha fatto scientemente uso.

di dott. Giovanni Greco

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

4 Commenti

  1. buon giorno sono potenzano antonino di misilmeri palermo o un appartamento di proprieta con la mia defunta mogli io sono pensionato e vivo con 900 euro al mese e dovrei pagare il mutuo ancora per 8 anni di 600 euro al mese e da 6 mesi che non o potuto piu pagare o un figlio anche lui conproprietario al 25 per cento che lavora alla atm di milano la moglie lavora pure e non hanno figli o chiesto un aiuto e non vogliono dare dopo la morte di mia mogli mia nuora che mi vergogno a dirlo vuole che lasci la casa per sua sorella che deve sposarsi e pagare il mutuo lei cosa posso fare per levare mio figlio dalla successione cosi posso vendere ma me lo impediscono per avere una casa piu piccola perche la mia e di 146 metri oppure io posso vendere la mia parte perche non pagando non che non voglio pagare non posso la banca si prende la casa ed e cosi che mi ricattano io ho 67 anni e sono malato diabetico per tutto quello che mi stanno facendo questi disonesti il mio cell. 3493449604

  2. Buongiorno mi chiamo vincenzo vorre una spiegazione un padre a un conto bancario e fa un testamento segreto con nominativi a sei figli tre vengono aggiunti nel testamento e tre no e valido questo testamento non si deve fare parti uguali vorrei una risposta grazie

  3. Un’esclusione può anche derivare dal fatto che un figlio è economicamente stabile e uno è senza lavoro e senza casa e quindi dovrebbe in quel caso essere tutelato, o no?

  4. Una madre ha tre figlie ma vuole lasciare, con testamento olografo, un capannone agricolo di circa 100 mq. a due figlie soltanto, in quanto la terza figlia ha avuto già, sia dal padre in vita che dopo la morte dello stesso, beni di gran lunga superiori al capannone oggetto del testamento.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI