Diritto e Fisco | Articoli

Notifiche nelle cause: da oggi o via PEC o con deposito in cancelleria

6 Novembre 2012 | Autore:
Notifiche nelle cause: da oggi o via PEC o con deposito in cancelleria

Da oggi tutte le comunicazioni o notifiche, a cura della cancelleria, nei confronti degli avvocati o degli altri professionisti coinvolti nel processo, saranno effettuate solo a mezzo di Pec o con deposito in cancelleria.

L’agenda digitale del Governo ha cambiato le carte in tavola anche in materia di notifiche effettuate dalle cancellerie dei tribunali nel corso dei giudizi [1]: tutte le comunicazioni o notifiche, a cura della cancelleria, nei confronti degli avvocati o degli altri professionisti coinvolti nel processo, saranno effettuato solo a mezzo di Pec.

Ove ciò non sia possibile (per es., se il professionista non abbia provveduto a istituire o comunicare un indirizzo di Pec) la notifica avverrà unicamente con il deposito dell’atto in cancelleria. Se però l’impossibilità non dipende da causa imputabile al destinatario, si procede – come da tradizione – con l’ufficiale giudiziario [2].

Per i soggetti non obbligati a munirsi di Pec (nel caso in cui essa non sia disponibile in pubblici elenchi) le comunicazioni e notificazioni verranno effettuate via fax o con l’ufficiale giudiziario.

La regola vale sia nei procedimento civili che per le notificazioni a persona diversa dall’imputato [3].

La novità, dunque, è che le parti possono eleggere un vero e proprio “domicilio elettronico”.

Ciò vale anche per coloro che stanno in giudizio personalmente (senza cioè l’assistenza dell’avvocato): essi potranno indicare un indirizzo Pec ove ricevere le notifiche e le comunicazioni del procedimento.

Non si sottraggono alla nuova regola neanche le notifiche nei confronti delle Pubbliche amministrazioni, che stanno in giudizio avvalendosi direttamente dei propri dipendenti: anche esse riceveranno le comunicazioni e le notifiche sulla relativa casella di posta certificata.

Il tutto si tramuterà in un notevole risparmio di tempi e di costi per i nostri uffici giudiziari.

 

 


note

[1] D.L. 179/2012, art. 16.

[2] Ai sensi degli artt. 137 ss. cod. proc. civ.

[3] A norma degli  articoli 148, comma 2-bis, 149, 150 e 151, comma 2, del  codice  di  procedura penale.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube