Business | Articoli

Milleproroghe: riforma degli esami da avvocato

21 Febbraio 2017
Milleproroghe: riforma degli esami da avvocato

Il Milleproroghe rinvia la riforma dell’esame di stato per l’accesso alla professione forense e porta modifiche al sistema giudiziario.

Il Milleproroghe rinvia la riforma dell’esame da avvocato: anche per quest’anno si seguiranno le modalità d’esame precedente. Vediamo tutte le modifiche al sistema giudiziario apportate dal decreto

Esame da avvocato: si rinvia la riforma

L’esame da avvocato resterà anche per quest’anno con le precedenti modalità. Si potranno pertanto utilizzare i codici commentati con la giurisprudenza e l’esame sarà come i precedenti su tre prove in tre giorni diversi: un parere civile, un parere penale, un atto a scelta tra civile e penale. Sventato dunque anche per quest’anno il divieto di uso dei codici commentati.

Norme nuove in materia di trasferimento dei magistrati

Il decreto interviene anche sul trasferimento dei magistrati assegnati in prima sede.

Diminuisce il periodo minimo di permanenza in un tribunale prima del trasferimento: dai quattro anni precedenti si passa a tre anni. Ciò varrà anche per i magistrati assegnati in prima sede nell’anno in corso.

Ecco le altre modifiche:

GIUSTIZIA
Patrocinio
in grandi giurisdizioni
Possibile l’iscrizione nell’albo speciale agli avvocati che, entro 5 anni dall’entrata in vigore della riforma – in luogo degli attuali 4 anni – maturino i requisiti previsti prima della riforma forense
Esame da avvocato Per i primi 5 anni (in luogo degli attuali 4) dall’entrata in vigore della riforma l’esame di abilitazione all’esercizio della professione di avvocato sia svolto, sia per quanto riguarda le prove scritte e le prove orali, sia per quanto riguarda le modalità di esame, secondo le norme previgenti alla riforma del 2012.
Uffici
giudiziari
Il Cipe, nell’ambito della programmazione delle risorse del Fondo per lo sviluppo e la coesione per il periodo 2014-2020, può destinare risorse, nel limite complessivo di 30 milioni,
Trasferimenti magistratiTrasferimenti dei magistrati assegnati in prima sede, subordinandone il trasferimento ad altra sede (o l’assegnazione ad altre funzioni) ad un periodo di permanenza triennale e non quadriennale. La modifica si applica anche ai magistrati ai quali la prima sede è assegnata nell’anno 2017

 

 

Segui La Legge per Tutti Business

Se credi che La Legge per Tutti Business possa essere la pagina che fa per te ecco come fare in pochi passi per averla sempre al top della tua timeline di Facebook: clicca qui, ti si aprirà la pagina nella nuova scheda.

Clicca su mi piace e poi nella sezione «seguici»  clicca su «mostra sempre per primi». Non perderai neanche uno dei nostri pezzi e sarai sempre aggiornato. Ti aspettiamo.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube