Business | Articoli

Milleproroghe: novità sui contributi per l’editoria

20 Febbraio 2017
Milleproroghe: novità sui contributi per l’editoria

Contributi all’editoria: proroga della riforma del mercato dei diritti televisivi sullo sport e nuove regole di calcolo

Milleproroghe approvato al Senato, si va verso l’ultima approvazione della Camera. Modifiche introdotte ai contributi all’editoria e in materia di editoriadiritti televisivi.

Contributi all’editoria: più contributi pubblici

Cambiano le regole di calcolo dei contributi all’editoria. In particolare il Milleproroghe aumenta la soglia limite dei contributi pubblici alle imprese editrici. Il contributo non potrà superare il 50% del fatturato, che, però, verrà calcolato al lordo del contributo, e non più al netto.

Slitta quindi la riforma relativa al sostegno pubblico all’editoria [1].

Tracciabilità delle vendite e delle rese

Viene differito al 31 dicembre 2017 il termine a decorrere dal quale sarà obbligatorio assicurare la tracciabilità delle vendite e delle rese. Verrà riconosciuto per tutto l’anno in corso il credito di imposta previsto per sostenere l’adeguamento tecnologico degli operatori della rete, distributori ed edicolanti.

Regime agevolato sulle spedizioni

Il testo interviene sulle spedizioni dei prodotti editoriali effettuati da imprese editoriali di quotidiani e periodici, imprese editrici di libri, associazioni e organizzazioni senza fini di lucro iscritte al Registro degli operatori di comunicazioni ed associazioni d’arma e combattentistiche.

Per tutti questi operatori si prevede infatti il regime agevolato per le tariffe postali, applicando le tariffe più basse per la spedizione dei periodici con tiratura superiore alle 20mila copie.

Modifiche in materia di agevolazioni

Il decreto ha abrogato le norme che stabilivano la riduzione del 7% per gli importi annui relativi a ciascuna impresa beneficiaria di agevolazioni fino a un milione di euro, e del 12% per gli importi annui relativi ad imprese con agevolazioni superiori al milione di euro.

Rinvio sui diritti Tv

È slittato al 10 luglio 2017 l’entrata in vigore delle norme che destinano il 10% delle risorse derivanti dal mercato dei diritti tv sullo sport alla mutualità generale.

EDITORIA
Contributi all’editoriaSlitta l’applicazione della riforma nella parte relativa al riordino dei contributi alle imprese. Cambiano le regole di calcolo, che diventano più favorevoli per le aziende. La nuova disciplina stabilisce che i contributi pubblici possano arrivare fino al 50% del totale dei ricavi non più al netto dei contributi stessi
Diritti televisivi sullo sportSlitta al 10 luglio 2017 l’entrata in vigore della norma che destina il 10% delle risorse assicurate dal mercato dei diritti audiovisivi sportivi alla mutualità generale.

note

[1] Legge n. 198 del 2016


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube