Diritto e Fisco | Articoli

Divorzio e separazione: trattamento fiscale degli assegni

19 Settembre 2017 | Autore:
Divorzio e separazione: trattamento fiscale degli assegni

Vediamo come funziona il trattamento fiscale degli assegni che il coniuge più debole ha diritto di percepire in caso di separazione o divorzio.

Come noto, in caso di separazione personale fra i coniugi o di divorzio è possibile – a date condizioni – che uno dei coniugi sia obbligato dal giudice a corrispondere all’altro coniuge, economicamente più debole, un assegno per contribuire alle sue esigenze ed al suo mantenimento.

L’assegno disposto in caso di divorzio o separazione consiste nel trasferimento mensile di una somma di danaro dall’uno all’altro coniuge.

Bisogna quindi capire come l’assegno di separazione o di divorzio è trattato dal fisco: comprendere il trattamento fiscale dell’assegno di separazione o divorzio è infatti importante per evitare errori e la notifica di avvisi di accertamento.

Trattamento fiscale del coniuge che eroga l’assegno di separazione o di divorzio

Innanzitutto, bisogna dire che il coniuge obbligato al pagamento periodico dell’assegno al coniuge economicamente più debole ha diritto a dedurlo dalle tasse: infatti, il versamento periodico della somma disposta dal tribunale in favore del coniuge nelle ipotesi di divorzio o separazione (consensuale o giudiziale) è a tutti gli effetti, per la legislazione fiscale [1], un onere deducibile.

È importante ricordare che può esserci la deducibilità dell’assegno di divorzio o di separazione perché vi è un provvedimento giudiziario che lo impone: dunque, non c’è deducibilità nelle ipotesi di separazione di fatto fra i coniugi, in cui i coniugi stessi volontariamente ma senza l’intervento del giudice decidono di vivere separati. In quest’ultimo caso le somme che spontaneamente e senza ordine giudiziale un coniuge versa all’altro non sono deducibili.

La deducibilità dell’assegno di divorzio o di separazione segue il principio di cassa: potranno quindi essere dedotte le somme versate a titolo di assegno di separazione o di divorzio in un dato periodo di imposta.

Se il provvedimento del giudice impone l’adeguamento Istat dell’assegno, anche queste somme potranno essere dedotte dal coniuge che le paga [2].

Trattamento fiscale del coniuge che riceve l’assegno di separazione o di divorzio

Il coniuge che riceve l’assegno di separazione o di divorzio deve invece dichiarare le somme che a tale titolo percepisce nella propria dichiarazione dei redditi. Le somme che si percepiscono a titolo di assegno periodico di separazione o divorzio, infatti, sono considerate equivalenti alle cifre che si percepiscono come stipendio dal datore di lavoro: quindi vanno dichiarate e sono tassate.

Anche per il coniuge che percepisce l’assegno di separazione o di divorzio vale il principio di cassa: quindi egli deve dichiarare le somme che percepisce come assegno di separazione o di divorzio in un dato periodo di imposta per non incorrere in avvisi di accertamento.

Trattamento fiscale dell’assegno versato in unica soluzione

I principi esposti si riferiscono al versamento periodico, ovvero mensile, dell’assegno di separazione o divorzio.

Quando invece l’assegno di separazione o divorzio è versato in unica soluzione, queste  sono le regole ribadite anche di recente dalla giurisprudenza [3]:

  • il coniuge che versa l’assegno di separazione o divorzio in unica soluzione non può dedurlo dalle tasse
  • il coniuge che riceve l’assegno di separazione o di divorzio in unica soluzione non deve dichiararlo come reddito percepito

Queste regole si applicano anche quando i coniugi o il giudice dispongono il pagamento dell’assegno di separazione o di divorzio in unica soluzione, ma poi le parti si accordano per una dazione rateale di questa cifra.


note

[1] Art. 10, comma 1, lett. c, del D.P.R. 917/1986.

[2] Risoluzione Agenzia delle Entrate n. 448/E/2008 del 19.11.2008.

[3] Cass. sent. n. 9336/2015 del 08.05.2015.

Autore immagine: Pixabay


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube