Diritto e Fisco | Articoli

Se mi rubano l’auto nel parcheggio vengo risarcito?

26 Ottobre 2017 | Autore:
Se mi rubano l’auto nel parcheggio vengo risarcito?

La sosta a pagamento non ci garantisce, di per sé, dal furto. Il risarcimento è dovuto solo se è previsto l’obbligo di custodia e di restituzione dell’auto.

In Italia, il triste fenomeno dei furti d’auto è purtroppo assai diffuso. Soprattutto nelle grandi città esiste questo problema. Il rimedio naturale è la copertura assicurativa del veicolo, ma si tratta di una soluzione non tutte le volte conveniente, visti i costi del premio assicurativo ed alcune condizioni contrattuali non proprio favorevoli (ad esempio, per le franchigie previste). Per queste ragioni e per altri motivi, non sempre si sceglie di assicurare il proprio mezzo. Magari sostiamo l’auto all’interno del nostro garage e pertanto le possibilità di un furto sono limitate. Magari quando usciamo, abbiamo cura di lasciare l’auto all’interno di un parcheggio a pagamento e perciò siamo tranquilli. Ma, in quest’ultimo caso, cosa accade se nonostante tutto, ci rubano l’auto? Il fatto che il veicolo era in sosta in un parcheggio a pagamento, ci garantisce sempre dal furto? Saremo sempre e in ogni caso risarciti? Vediamo insieme le risposte.

Se parcheggio a pagamento, il furto dell’auto è sempre risarcito?

La risposta purtroppo è negativa. Infatti è un errore pensare che la sosta a pagamento ci garantisca sempre dalla tanto odiosa quanto delinquenziale sottrazione della nostra auto. Ad ogni modo è necessario distinguere tre situazione differenti per chiarire bene gli aspetti di questa situazione.

Se parcheggio a pagamento per strada, il furto è risarcito?

Quasi certamente no. La legge [1] è molto chiara nel prevedere la possibilità per i comuni, di stabilire della aree territoriali destinate alla sosta dei veicoli a pagamento, ma senza assumersi la responsabilità della custodia. In termini più tecnici, ma si spera comprensibili, quando sostiamo l’auto nelle cosiddette strisce blu e ne paghiamo il corrispettivo per la durata necessaria, concludiamo un contratto con il comune o con il gestore dell’area pubblica, ma senza che questi si assuma il rischio del furto (cioè l’obbligo di custodire e restituire l’auto parcheggiata). Ovviamente la presenza delle opportune informazioni in merito (ad esempio la dicitura chiara ed evidente “parcheggio non custodito”) saranno sufficienti ad escludere ogni contestazione.

Se parcheggio a pagamento in un’area chiusa, il furto è risarcito?

Anche in questo caso, se vi rubano l’auto, non è detto che verrete risarciti. Infatti, il regolamento del gestore del parcheggio (pubblico o privato che sia) potrebbe escludere l’obbligo di custodia e quindi di restituzione del mezzo parcheggiato. Fate pertanto molta attenzione ai cartelli esposti nell’area di sosta e in particolar modo a quelli posti all’ingresso: se indicano chiaramente la dicitura “parcheggio non custodito”, nel caso di furto della vostra auto non sarete risarciti. Questa conclusione è stata sostenuta dalla Cassazione [2].

Se consegno le chiavi al parcheggiatore, il furto è risarcito?

Incominciamo con una battuta: se consegnate le chiavi al parcheggiatore abusivo dimenticatevi ogni risarcimento in caso di furto. Battute a parte, quando entriamo in un garage oppure in un’area di sosta molto affollata di macchine è assai frequente che il gestore ci chieda di lasciargli le chiavi. In questo caso, non può esserci regolamento che tenga. Appare evidente che il il parcheggiatore si è assunto l’obbligo di custodire e restituire il mezzo consegnatogli. In caso di furto abbiamo diritto al risarcimento. Anche a questo proposito, le sentenza della Cassazione [3] sostengono la predetta conclusione.


note

[1] Art. 7, co. 1 lett. f) cod. della strada.

[2] Cass. S.U. sent. n. 14319 del 28.06.2011.

[3] Cass. sent. n. 6048 del 12.03.2010Cass. S.U. sent. n. 14319 del 28.06.2011.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube