Referendum Lombardia e Veneto: cosa cambia con l’autonomia

18 settembre 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 18 settembre 2017



Il 22 ottobre si vota nelle due Regioni per avere più competenze. Ma se vince il sì l’iter sarà lungo. Che cos’è una Regione a statuto speciale.

Statuto speciale o statuto regionale: che cosa cambia? Il referendum del 22 ottobre con il quale Lombardia e Veneto chiedono di entrare nel ristretto club delle regioni autonome, di cui fanno parte appena cinque realtà territoriali italiane, è davvero in grado di cambiare la vita dei suoi abitanti o si tratta soltanto di una mossa politica per rafforzare il distacco dallo Stato centrale?

Per rispondere a questa domanda, bisogna capire che cosa attribuisce la legge ad una Regione a statuto speciale, tenendo conto che, dopo il referendum, il risultato non è immediato ma bisogna attendere l’esito della trattativa tra l’Ente sovracomunale ed il Governo ed il parere del Parlameto. Insomma, un eventuale «sì» non fa diventare automaticamente Lombardia o Veneto delle Regioni autonome, ma autorizza l’avvio di un meccanismo politico che arrivi a concretizzare ciò che i cittadini hanno deciso alle urne.

Vediamo, allora, cosa cambia con l’autonomia dopo i referendum in Lombardia e Veneto, quali sono le conseguenze e quali vantaggi comporta (se li comporta) diventare una Regione a statuto speciale.

Che cos’è una Regione autonoma

Una Regione a statuto speciale [1] è quella che gode di una particolare autonomia su determinate competenze trasferite dallo Stato centrale. Le condizioni sono definite dallo statuto regionale, adottato con legge costituzionale, così come qualsiasi sua modifica.

La legge costituzionale del 2001 ha previsto la possibilità per le Regioni a Statuto speciale di deliberare leggi statutarie, diverse da quelle di una normale legge regionale in quanto:

  • hanno bisogno di una sola approvazione a maggioranza assoluta del Consiglio regionale;
  • possono essere sottoposte a referendum confermativo preventivo su richiesta entro 3 mesi dalla pubblicazione da parte di 1/5 dei consiglieri regionali o di 50.000 iscritti agli albi elettorali regionali;
  • possono essere sottoposte a controllo preventivo di costituzionalità su richiesta entro 30 giorni dalla pubblicazione da parte del Governo.

Quali sono le competenze di una Regione autonoma

Quindi, dopo il referendum di Lombardia e Veneto, cosa cambia con l’autonomia? Ecco le competenze di una regione a statuto speciale.

Autonomia legislativa

Le Regioni a statuto speciale godono di tre tipi di potere legislativo:

  • la potestà esclusiva;
  • la potestà legislativa concorrente in determinate aree, nel rispetto dello Statuto di autonomia, ad esclusione della determinazione dei princìpi generali che competono allo Stato centrale;
  • la potestà integrativa e attuativa: permette di approvare delle norme su certe materie per adattare la legislazione nazionale alla realtà del territorio, mantenendo il potere dello Stato.

Autonomia amministrativa

In virtù dell’autonomia amministrativa, le Regioni a statuto speciale ha la competenza nelle materie in cui esercita la potestà legislativa. Quindi, la competenza amministrativa generale non è attribuita ai Comuni, come invece accade nelle Regioni a Statuto ordinario, ma prevale il concetto di amministrazione indiretta necessaria.

La legge [2] prevede il trasferimento di ulteriori competenze amministrative da parte dello Stato grazie ad appositi decreti legislativi di attuazione.

Autonomia finanziaria

Attualmente, in seguito alle riforme del 2001, la differenza tra Regioni a statuto speciale ed ordinarie si è attenuata anche nel campo dell’autonomia finanziaria. La normativa [3], prevede che l’ulteriore disciplina di coordinamento della finanza per le autonomie speciali venga individuata da decreti legislativi di attuazione, fonti speciali alla cui formazione partecipa una Commissione paritetica Stato-autonomia speciale.

Che cosa prevede il referendum di Lombardia e Veneto

Quella che abbiamo appena visto è la realtà che vivono le cinque Regioni (o province autonome, nel caso di Trento e Bolzano) a statuto speciale: Val d’Aosta, Trentino-Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Sardegna e Sicilia. Realtà che, a guardarci bene, non è quella che chiedono i promotori del referendum del 22 ottobre in Lombardia e Veneto.

I rispettivi governatori, Roberto Maroni e Luca Zaia, a dire il vero, non citano mai nella domanda posta ai cittadini l’espressione “Regione a statuto speciale”.

Di fatto, sulle schede della Lombardia, la domanda posta è: «Volete voi che la Regione Lombardia, nel quadro dell’unità nazionale, intraprenda le iniziative istituzionali necessarie per richiedere allo Stato l’attribuzione di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, con le relative risorse, ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 116, terzo comma della Costituzione?», mentre la domanda in Veneto recita: «Vuoi che alla regione del Veneto siano attribuite ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia?»

C’è un altro particolare non trascurabile che abbiamo accennato prima: il risultato del referendum non converte automaticamente e di fatto Lombardia e Veneto in Regioni a statuto speciale ma – come del resto recitano i quesiti – autorizza le autorità regionali ad avviare un percorso per ottenere «ulteriori forme e condizioni di autonomia». Quali, nello specifico, verranno stabilite in un secondo momento.

Le due Regioni, peraltro, si appoggiano all’articolo 116 del Titolo V della Costituzione che regola i rapporti tra Stato e autonomie locali citando letteralmente la formula appena citata. Ed è la prima volta che succede in Italia.

Infine, l’esperienza insegna che le attuali Regioni a statuto speciale non hanno le stesse competenze, ma variano a seconda dei propri statuti e del territorio in cui sono collocate. Prendere da loro un riferimento da trasportare a quelle che ora aspirano ad un’autonomia sarebbe una perdita di tempo.

In sostanza: che cosa cambia per i cittadini il 23 ottobre, cioè il giorno dopo il referendum sull’autonomia di Lombardia e Veneto? Nulla. Non cambia assolutamente nulla. Cambierà (sempre se vincerà il sì) nel momento in cui si concluderà quella trattativa tra le Regioni e lo Stato per definire i livelli di autonomia. L’esito dovrà essere sottoposto al Parlamento affinché venga approvato da Camera e Senato a maggioranza assoluta. Con i tempi istituzionali che tutti conosciamo.

note

[1] Costituzione italiana, art. 116.

[2] Legge n. 131/2001.

[3] Legge n. 42/2009.

Autore immagine: 123rf.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

2 Commenti

  1. Posso dire che l’autonomia in questione causerà fortissimi disguidi con le altre Regioni e lo Stato Centrale ed anche l’aumento delle tasse regionali, le quali inesorabilmente non saranno sufficienti a mantenere le connesse gestioni autonome. Quindi, è meglio votare NO a questo referendum consultivo.

    1. Credo che non ci si debba nemmeno recare alle urne!
      50 milioni di euro spesi per 24000 ipad e per il set up di questo referendum consultivo, chi rimpiazzerà quei soldi mancanti dalle casse della regione?
      Sono molto curioso di vedere i dati sull’affluenza.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI