Diritto e Fisco | Articoli

Successione: chi sono i legatari

30 ottobre 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 30 ottobre 2017



Chi sono i legatari e quali sono i tipi di legato.

I legatari sono coloro che acquistano diritti o beni specifici del defunto. A differenza degli eredi universali, che succedono nell’intero patrimonio (o quota) del defunto, i legatari (che possono essere contemporaneamente eredi, ma non necessariamente) sono destinatari di precise disposizioni testamentarie (denominate disposizioni “a titolo particolare” per distinguerle da quelle a “titolo universale”).

Per esempio, un genitore può nominare eredi i figli e la moglie e disporre un legato a favore di un nipote (diritto di riscuotere un credito presso un altro soggetto oppure diritto di ricevere in eredità un determinato gioiello).

Il legato si acquista senza bisogno di accettazione, ma il legatario può rinunciarvi.

Tipi di legato

Il codice prevede diversi tipi di legato e ad essi si affiancano anche fattispecie atipiche che, seppur non espressamente previste dal legislatore, si verificano nella realtà e sono disciplinate dalle norme sui legati.

I legati previsti dal codice civile (legati atipici) sono i seguenti:

  • legato di cosa dell’onerato o di un terzo: questo tipo di legato è nullo, a meno che il testatore fosse a conoscenza dell’appartenenza ad altri del bene oppure la cosa legata non sia divenuta di proprietà del testatore prima della sua morte;
  • legato di cosa solo in parte del testatore: se al testatore appartiene una parte della cosa legata o un diritto sulla medesima, il legato è valido solo relativamente a questa parte o a questo diritto, salvo che risulti la volontà del testatore di legare la cosa per intero;
  • legato di cosa generica: si ha quando il testatore lascia al legatario una cosa determinata solo nel genere (per esempio oro, libri, ecc.).  Il legato di specie, invece, ha ad oggetto una cosa ben individuata;
  • legato di cosa non esistente nell’asse ereditario: quando il testatore ha lasciato una sua cosa particolare, o una cosa determinata soltanto nel genere da prendersi dal suo patrimonio, il legato non ha effetto se la cosa non si trova nel patrimonio del testatore al tempo della sua morte. Se la cosa si trova nel patrimonio del testatore al tempo della sua morte, ma non nella quantità determinata, il legato ha effetto per la quantità che vi si trova;
  • legato di cosa da prendersi da un certo luogo: esso ha effetto soltanto se le cose vi si trovano, e per la parte che vi si trova; ha tuttavia effetto per l’intero quando, alla morte del testatore, le cose non vi si trovano, in tutto o in parte, perché erano state rimosse temporaneamente dal luogo in cui di solito erano custodite;
  • legato di cosa del legatario: il legato di cosa che al tempo in cui fu fatto il testamento era già di proprietà del legatario è nullo, se la cosa si trova in proprietà di lui anche al tempo dell’apertura della successione. Se al tempo dell’apertura della successione la cosa si trova in proprietà del testatore, il legato è valido, ed è altresì valido se in questo tempo la cosa si trova in proprietà dell’onerato o di un terzo, e dal testamento risulta che essa fu legata in previsione di tale avvenimento;
  • il legato di cosa acquistata dal legatario: questo tipo di legato è senza effetto;
  • il legato di credito: si ha quando il testatore lascia al legatario un diritto di credito nei confronti di un terzo, ovviamente solo per la parte che ancora sussiste al momento della morte del testatore;
  • legato di liberazione dal debito: si ha quando il testatore rimette il debito del legatario nei confronti del testatore stesso;
  • il legato a favore del creditore: se il testatore, senza fare menzione del debito, fa un legato al suo creditore, il legato non si presume fatto per soddisfare il credito;
  • il legato di alimenti: prevede prestazioni periodiche a favore di una persona;
  • il prelegato: si tratta di un legato a favore di un coerede e a carico dell’eredità.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI