Diritto e Fisco | Articoli

Rinuncia all’eredità: come e dove si fa

30 Ottobre 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 30 Ottobre 2017



A chi rivolgersi e come fare per rinunciare all’eredità.

Con la rinuncia all’eredità il chiamato dichiara formalmente di non volerla accettare. La dichiarazione di rinuncia deve essere ricevuta dal notaio o dal cancelliere del tribunale del circondario in cui si è aperta la successione, altrimenti si considera come non avvenuta.

La rinuncia vale per l’intera eredità: non si può sottoporre la rinuncia ad una condizione o ad un termine, né può essere limitata solo ad una quota parte dell’eredità stessa.

Termini rinuncia eredità

La rinuncia deve essere effettuata entro tre mesi dalla morte se si è nel possesso dei beni o entro dieci anni se non si è nel possesso dei beni.

È opportuno effettuare la rinuncia prima della presentazione della denuncia di successione o comunque prima di dividere l’eredità. È possibile presentare una domanda unica di rinuncia per ogni grado di parentela (es. tutti i fratelli insieme). Tutti i rinuncianti però devono comparire personalmente (in caso di impossibilità, può essere conferita procura notarile ad uno dei rinuncianti).

La rinuncia, a differenza dell’accettazione, è sempre revocabile; il rinunziante, se non è passato il termine di prescrizione di dieci anni, ha il diritto di accettare fino a che, in seguito al suo rifiuto, un chiamato di grado ulteriore non abbia a sua volta accettato.

Chi può rinunciare all’eredità

I rinuncianti si devono presentare personalmente dal notaio o dal cancelliere del tribunale, se maggiorenni. Nel caso di minorenni si devono presentare entrambi i genitori in loro rappresentanza.

Nel caso di interdetti, inabilitati o minori, il tutore o il genitore deve chiedere l’autorizzazione per la rinuncia all’eredità del minore al Giudice Tutelare del luogo di residenza del minore o del tutore.

La rinuncia può essere ricevuta solo dal Tribunale del luogo in cui si è aperta la successione (ultimo domicilio del defunto) o da un notaio su tutto il territorio dello Stato.

Come funziona la rinuncia all’eredità

La rinuncia all’eredità si deve fare con una dichiarazione ricevuta dal notaio o dal cancelliere del tribunale competente dell’ultimo domicilio del defunto.

La documentazione necessaria ai fini della formalizzazione della rinuncia è la seguente:

  • certificato di morte in carta semplice (il coniuge, gli ascendenti e i discendenti possono presentare dichiarazione sostitutiva di certificazione)
  • certificato dell’ultima residenza del defunto
  • copia del codice fiscale del rinunciante e del defunto
  • copia del documento d’identità del rinunciante e del defunto
  • autorizzazione del Giudice Tutelare (per gli eredi minorenni, interdetti e inabilitati.

scarica gratis il tuo contratto su misura

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

5 Commenti

  1. C’e’ una contraddizione:

    “Nel caso di minorenni si devono presentare entrambi i genitori in loro rappresentanza.”

    “Nel caso di interdetti, inabilitati o minori, il tutore o il genitore deve chiedere l’autorizzazione per la rinuncia all’eredità del minore al Giudice Tutelare del luogo di residenza del minore o del tutore.”

    In caso di minori, basta quindi che si presentino con entrambi i genitori o c’e’ bisogno dell’autorizzazione del giudice tutelare?

    Nell’articolo non viene spiegato cosa succede se gli eredi hanno figli (minorenni, eventualmente)

  2. Se non si riesce ad avere la copia del codice fiscale e della carta di identità del defunto da presentare al notaio per la rinuncia all’eredità come si deve fare? grazie

  3. Nel mio caso non è stata fatta alcuna successione, in quanto mio padre godeva dell usufrutto dell immobile e io e mio fratello eravamo gli intestatari. A questo punto in quale ribunale devo presentar la domanda? L immobile ed il mio indirizzo di residenza sono sotto la giurisdizione di Verona. Posso presentarla a Verona?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA