Diritto e Fisco | Articoli

Prelevare soldi dal conto per tenerli in casa: che rischi?

24 settembre 2017


Prelevare soldi dal conto per tenerli in casa: che rischi?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 24 settembre 2017



Come viene considerato chi preleva soldi dal conto corrente per tenerli in casa al riparo dalle banche? È sufficiente dimostrare i prelievi tramite estratto conto?

Il lettore dovrà tenere conto innanzitutto del fatto che, al contrario di quanto avviene con i versamenti in banca (che vanno sempre giustificati), il correntista è libero di prelevare quanti soldi vuole dal proprio conto corrente senza che ciò possa destare sospetti nel fisco. Dopodiché ne può fare quel che vuole: li può tenere a casa o versarli su un altro conto. L’unico limite che la legge impone è di non utilizzare tale contante, se pari o superiore a 3mila euro, per darlo ad altre persone; se infatti i contanti servono per fare un regalo (donazione) o per acquistare qualcosa (compravendita di beni o servizi), per cifre superiori a 2.999,99 euro è necessario utilizzare strumenti tracciabili come assegni non trasferibili e bonifici. Pertanto prelevare soldi dal conto per tenerli a casa non comporta alcun rischio proprio perché non viene in rilievo alcun passaggio di denaro tra soggetti diversi.

Non ci sono leggi che vietano al cittadino di tenere grosse somme di contanti in casa

Il correntista è libero non solo di prelevare una somma cospicua dal proprio conto, ma anche di estinguerlo e ottenere il denaro in contanti. Come però abbiamo già detto nell’articolo Come prelevare contanti senza essere segnalati, l’unica difficoltà che potrebbe porsi nel momento in cui si svuota il conto corrente è quella della richiesta di chiarimenti presentata dal dipendente di banca. Quest’ultimo può esigere dal cliente di spiegare per quali ragioni e quali scopi avviene il prelievo. Nessuna difficoltà potrà avere la persona in buona fede nel dire che preferisce tenerli con sé in casa, salvo ovviamente – per questioni di prudenza – trovare una soluzione linguistica meno esplicita. La dichiarazione non viene trasmessa al fisco – e quindi non serve per ragioni di accertamento di eventuali evasioni – ma alla direzione della banca che valuterà se notiziarne la Uif, l’Unità di Informazione Finanziaria (la quale a sua volta potrebbe, ma non è detto che lo faccia, eseguire una segnalazione alla Procura ma solo qualora vi siano rischi di riciclaggio di denaro).

Che succede se dovessero arrivare i carabinieri o la finanza in casa e trovare un ingente ammontare di contanti nascosti magari nella cassaforte, nel soppalco o sotto il mattone? Innanzitutto, polizia, Guardia di Finanza o carabinieri non possono presentarsi in casa dei cittadini in assenza di: 1) gravi indizi di un fatto illecito; 2) autorizzazione della Procura della Repubblica. Detto ciò, l’eventuale rinvenimento di contanti potrà essere agevolmente giustificato con l’estratto del conto corrente dal quale risulta il prelievo della somma e, quindi, la disponibilità dei soldi in contanti. Come detto, infatti, nessuna legge vieta di tenere contanti in casa.

note

Autore immagine: 123rf com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI