Vuoto a rendere: 0,3 centesimi a chi restituisce le bottiglie

27 Settembre 2017
Vuoto a rendere: 0,3 centesimi a chi restituisce le bottiglie

Verrà restituita una cauzione su ogni bottiglia di birra o acqua minerale acquistata presso bar, ristoranti e altri punti di consumo.

Torna il «vuoto a rendere», una pratica che in altri paesi europei ha avuto risultati positivi sull’ambiente e che ora viene reintrodotta in Italia (anche se per il momento in via sperimentale) grazie a un decreto del Ministero dell’Ambiente [1] pubblicato l’altro ieri in Gazzetta Ufficiale [2]. I consumatori che, dopo aver acquistato cassette di birra, di acqua minerale o di altri prodotti alimentari in imballaggi non riutilizzabili, riceveranno da 0,05 a 0,3 euro all’atto della restituzione delle bottiglie vuote al negozio.

Per il momento la reintroduzione del vuoto a rendere riguarderà solo quegli esercizi commerciali che vorranno aderirvi e, pertanto, è su base volontaria. Per cui spetterà al negozio informare previamente i clienti con appositi adesivi e indicazioni poste all’interno o all’esterno del locale. I tempi di restituzione dei vuoti a rendere potranno essere concordati di volta in volta. In generale, il servizio sarà disponibile per quei prodotti di volume compreso tra 0,20 e 1,5 litri, serviti al  pubblico da alberghi e residenze di villeggiatura, ristoranti, bar e altri punti di consumo.

Come funziona il nuovo «vuoto a rendere»?  Gli esercenti aderenti alla filiera versano una cauzione contestualmente all’acquisto dell’imballaggio riutilizzabile con diritto di rimborso della stessa al momento della restituzione dell’imballaggio vuoto. Ovviamente, il consumatore finale è il perno di questo meccanismo in quanto su di lui compete la restituzione dell’imballaggio vuoto.

Il valore unitario della cauzione è proporzionale al volume dell’imballaggio e ricompreso tra 0,05 e 0,3 euro.

La sperimentazione avrà una durata di 12 mesi. Essa ha l’obiettivo di prevenire la produzione di rifiuti di imballaggio e di favorire il riutilizzo degli imballaggi usati. Al termine della fase sperimentale si valuterà, sulla base degli esiti della stessa e sentite le categorie interessate, se confermare e se estendere il sistema del vuoto a rendere  ad  altri tipi di prodotto nonché ad altre tipologie di consumo.


note

[1] Decr. Min. Ambiente n. 142/17 del 3.07.2017.

[2] Gazz. Uff. n. 224 del 25.09.2017.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. bellissimo ma questo non sposta il problema: fino a quando ci sarà una imposta rifiuti che assme come dogna incostestabile il fatto che ad ogni metro quadro corrisponde un tot di kg di rifiuti prodotti, nessuno si impegnerà mai a fare la raccolta differenziata come si deve se alla fine chi la fa e chi non la fa paga uguale, e sempre una cifra che non ha alcun nesso con il volume di rifiuti effettivamente prodotto. Ricordiamo sempre che 1 tonnellata di rifiuti conferiti in discarica costa non più di 200 euro

  2. So per antica esperienza che ci rimetteranno i consumatori che dovranno prima pagare il”vuoto a rendere” e poi se si ricordano di ritornare a restituire la bottiglia , dovranno adattarsi agli orari sicuramente impossibili stabiliti dal negoziante per le restituzioni. Meglio le macchine che danno i buoni-spesa.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube