Diritto e Fisco | Articoli

Cassazione: no all’ergastolo se ad essere ucciso è il figlio adottivo

28 Settembre 2017 | Autore:
Cassazione: no all’ergastolo se ad essere ucciso è il figlio adottivo

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione: ciò che rileva per l’aggravante nel delitto di omicidio è solo il vincolo di sangue.

Al padre che uccide il figlio adottivo non si applica l’ergastolo. È questo quello che ha stabilito oggi la Corte di Cassazione: la sentenza shock di poche ore fa ha infatti escluso l’aggravante della discendenza nel cruento caso che ha riguardato l’uccisione del figlio da parte del padre adottivo. Secondo la Suprema Corte, infatti, l’aggravante prevista dal codice penale per l’omicidio del discendente o dell’ascendente (cioè, del figlio o del padre, per intenderci) [1] presuppone necessariamente la consanguineità, cioè il vincolo di sangue; vincolo che, ovviamente, non può sussistere nel caso di un legame prettamente giuridico come quello adottivo.

La Corte di Cassazione, pertanto, escludendo l’aggravante, ha respinto automaticamente anche la pena massima dell’ergastolo, che ora dovrà essere rideterminata dalla Corte di assise di appello, entro il limite minimo di sedici anni fissato dalla Corte stessa.

La sentenza non può che far storcere il naso, soprattutto dopo che la riforma del diritto di famiglia operata dal legislatore nel 2012 [2] che ha del tutto equiparato tra loro i figli naturali, legittimi e adottivi. Nel settore penale, però, almeno a detta della Suprema Corte, non è così: vale ancora il vincolo “effettivo” dettato dallo ius sanguinis.

A ben vedere, però, il ragionamento della Corte non è poi così criticabile: nel diritto penale vige il divieto di analogia in malam partem, cioè il divieto di applicare estensivamente al reo istituti giuridici previsti per altri settori e a lui sfavorevoli. Pertanto, ai fini della valutazione di un reato tremendo come l’omicidio, il rapporto che rileva tra vittima e carnefice è solamente quello naturale.


note

[1] Art. 577 cod. pen.

[2] L. n. 219/2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

Rispondi a Enrico Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube