Diritto e Fisco | Articoli

Multe e atti giudiziari: con posta privata solo se ha la licenza

29 settembre 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 29 settembre 2017



Legittime le notifiche di atti giudiziari e multe con poste private ma solo se queste hanno la licenza rilasciata dal Mise in conformità al regolamento Agcom.

La Legge annuale per il mercato e la concorrenza 2017 ha liberalizzato il settore postale mettendo fine al monopolio di Poste Italiane per la notifica degli atti giudiziari e delle multe. Ciò significa che saranno legittime anche le notifiche degli atti giudiziari (per esempio ricorsi, sentenze, decreti ingiuntivi) e delle multe per violazione al codice della strada, effettuate per il tramite delle poste private.

Tuttavia, non tutte le poste private potranno effettuare la notifica di atti giudiziari e multe, ma soltanto quelle titolari di apposita licenza individuale (da tenersi distinta e ultronea rispetto alla licenza individuale ordinaria  concessa per lo svolgimento dei servizi postali tradizionali).

Il rilascio della licenza dovrà essere subordinato a specifici obblighi di servizio universale con riguardo alla sicurezza, alla qualità, alla disponibilità e all’esecuzione dei servizi medesimi.

La regolamentazione del servizio postale è affidata all’Agcom (Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni) e al Ministero dello Sviluppo Economico (Mise). In particolare:

  • spetta all’Agcom la regolamentazione della materia, sotto il profilo del regime per il conseguimento della licenza individuale, dei requisiti, degli obblighi, dei controlli e delle procedure di diffida, sospensione o revoca (interdizione) dei titoli;
  • spetta al Mise la definizione, consequenziale alla regolamentazione, della procedura per il rilascio dei titoli abilitativi e delle connesse vicende estintive e modificative: durata, modalità di rinnovo, variazioni della domanda di rilascio e cessione a terzi, decadenza.

Licenza notifica atti giudiziari: avvio consultazione Agcom

L’Agcom ha avviato il procedimento di consultazione pubblica [1] sulla regolamentazione del rilascio delle licenze per svolgere il servizio di notificazione a mezzo posta di atti giudiziari e di violazioni del codice della strada.

L’Autorità ha riconosciuto la necessità di fissare requisiti tali da consentire un servizio di notificazione efficiente e idoneo a garantire le tutele del destinatario (trattandosi di spedizione di atti particolarmente importanti e delicati).

Deve essere infatti assicurato l’interesse pubblico alla massima sicurezza e correttezza nello svolgimento di tale attività. Il destinatario della notificazione ha infatti diritto ad essere messo in condizione di conoscere il contenuto dell’atto attraverso l’opera di un soggetto qualificato, imponendo l’adozione di misure volte ex ante a scongiurare qualsiasi tipo di disservizio o criticità.

Vi è inoltre l’indubbio interesse del mittente di poter scegliere l’offerta individuando, a priori, con garanzie di certezza e trasparenza, il soggetto al quale affidarsi anche al fine di determinare eventuali responsabilità.

È lo stesso legislatore, del resto, che ha dimostrato di voler presidiare, con particolare rigore, tale settore ritenendo necessario e giustificato imporre obblighi e requisiti specifici – in merito alla qualità, alla disponibilità e all’esecuzione – rispetto a quelli previsti per il rilascio della licenza ordinaria.

In tale ottica, proprio perché l’attività di notificazione, svolta attraverso il servizio postale, deve essere in grado di assicurare la certezza legale della conoscenza da parte del destinatario attraverso un procedimento che si svolga in modo lineare e con il massimo livello di garanzia del suo buon esito, secondo l’Agcom non è opportuno consentire una segmentazione del processo di notifica attraverso il coinvolgimento di più operatori postali nel medesimo processo di lavorazione o nel medesimo procedimento di notifica.

Requisiti licenza notifica atti giudiziari e multe 

Tra i requisiti necessari per ottenere la licenza per la notifica di atti giudiziari e multe si richiedono:

  • Affidabilità: con riguardo a parametri di tipo economico e finanziario in grado di attestare la solidità dell’impresa. Anche il possesso di specifiche certificazioni di qualità contribuisce alla qualificazione del soggetto come affidabile per lo svolgimento del servizio;
  • Professionalità: da ricondursi al possesso di un’adeguata esperienza nel settore postale che possa dimostrare l’idoneità a gestire una procedura complessa e articolata come quella delle notificazioni;
  • Onorabilità: l’Agcom ritiene che l’operatore debba fornire adeguate garanzie circa la correttezza della propria condotta professionale (per esempio essere in regola con contributi e tasse, aver adempiuto agli obblighi di sicurezza sula lavoro, poter contrarre con la Pubblica Amministrazione ecc.);
  • Sicurezza: con riguardo alla tipologia di rapporto di lavoro del personale dipendente nonché, in considerazione della particolare riservatezza degli invii destinati alla notificazione, dell’adeguatezza dei locali e delle strutture presso le quali avvengono le lavorazioni;
  • Qualità del servizio: l’importanza di definire obiettivi di qualità relativi al recapito dell’invio, determinando i giorni intercorrenti tra la data del deposito e quella di consegna al destinatario.
  • Esecuzione dei servizi: fermo restando l’obbligo, per tutti gli operatori che intendono offrire il servizio, dell’uso di buste e moduli di colore verde, è assolutamente necessario, ai fini dell’immediata identificabilità dell’operatore postale incaricato del servizio, che sulle buste e sui moduli sia apposto il logo e la denominazione dell’operatore stesso. È poi necessario consentire la tracciabilità del plico;
  • Continuità e disponibilità: obblighi relativi alla capillarità dei punti di raccolta e di consegna degli invii, nonché alla possibilità per il destinatario di ritirare l’invio inesitato anche nelle ore pomeridiane.

Regolamentazione in corso e avvio notifica da parte delle poste private

Si attende, all’esito della consultazione pubblica, la regolamentazione definitiva dell’Agcom in materia di licenza per la notificazione degli atti giudiziari e delle multe da parte degli operatori postali privati.

Dunque, pur essendo prevista la data del 10 settembre per l’entrata in vigore della liberalizzazione del settore postale, deve comunque ritenersi che le notifiche degli atti giudiziari e delle multe da parte delle poste private sarà di fatto possibile solo quando queste otterranno l’apposita licenza (e, prima ancora, che questa venga definitivamente regolamentata).

Ciò vuol dire che, per il momento, le uniche notifiche valide per atti giudiziari e multe sono ancora esclusivamente quelle effettuate tramite Poste Italiane.

note

[1] Delibera n. 348/17/CONS.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

  1. salve vorrei sapere se è stato approvato il regolamento agcom per il rilascio delle apposite licenze individuali per le notifiche da parte di poste private. e se sono state già rilasciate licenze a poste private per effettuare notifiche. Infine come posso fare per sapere se Olimpo Posta privata con sede a Palermo ha ottenuto la licenza per l e notifiche? per favore rispobdetemi presto perchè ho ricevuto molte multe per avere dimenticato il pass della ZTL e se la notifiche è regolare vorrei pagare entro i 5 giorni per avere la riduzione del 30%. Grazie

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI