Diritto e Fisco | Articoli

Omicidio colposo per il motociclista che non obbliga il passeggero a indossare il casco

9 novembre 2012


Omicidio colposo per il motociclista che non obbliga il passeggero a indossare il casco

> Diritto e Fisco Pubblicato il 9 novembre 2012



Rischia la condanna per omicidio colposo il conducente della moto che non ha obbligato il passeggero, poi morto a causa di un incidente, ad indossare il casco.

È responsabile per omicidio colposo il motociclista che non abbia obbligato il passeggero, seduto dietro di lui, a indossare il casco se, per colpa di incidente stradale, quest’ultimo abbia perso la vita. Non rileva neanche il fatto che il terzo trasportato sia maggiorenne e quindi pienamente capace e responsabile delle proprie azioni.

Il giro di vite lo pone una recentissima sentenza della Cassazione [1], con cui è stato condannato un centauro per non aver costretto la ragazza, dietro di lui e maggiore di età, a vestire il casco: la giovane, a seguito di un impatto con un’auto, è balzata e caduta a terra dove ha sbattuto la testa e perso la vita.

I giudici della Suprema Corte hanno sottolineato un elemento essenziale: sebbene il codice della strada [2] stabilisca che il conducente è responsabile per il mancato rispetto dell’obbligo del casco da parte del passeggero solo se quest’ultimo è minorenne, il conducente è comunque responsabile per omesso controllo e a nulla rileva che manchi una specifica violazione contravvenzionale.

 

 

note

[1] Cass. sent. n. 43449 del 8.11.2012.

[2] Cod. Str. Art. 171 comma 2.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI