HOME Articoli

Lo sai che? Fatturato aziendale tenuto nascosto: risarcimento possibile?

Lo sai che? Pubblicato il 21 ottobre 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 21 ottobre 2017

Le mie sorelle mi hanno nascosto il fatturato dell’azienda dicendomi che era in negativo e che non c’era nulla da distribuire. Mi è arrivata una cartella esattoriale da cui risulta il contrario. Posso pretendere un risarcimento?

Il lettore ha di fatto consentito, tollerandola, la condotta tenuta dalle sorelle. Infatti, pur essendo tutti e tre soci amministratori della società, il lettore ebbe a effettuare la scelta (personale e legittima) di lasciare che le sorelle compissero tutti gli atti rientranti nell’oggetto sociale [1] come ad esempio la vendita dell’oro. Atti che lo stesso lettore ebbe poi a ratificare con la sottoscrizione dell’atto notarile con il quale venne sciolta la loro società, rinunciando così al proprio 20% dei ricavi. Trattasi infatti di atto pubblico che fa piena prova [2], fino a querela di falso, delle dichiarazioni delle parti che il pubblico ufficiale attesta essere avvenute in sua presenza; nel caso in esame quella che tutti e tre i soci ebbero a rilasciare riconoscendo di non dover dar luogo alla messa in liquidazione non esistendo crediti sociali ed essendosi provveduto in precedenza all’estinzione di tutte le passività e al riparto tra di loro delle attività sociali.

Ciò premesso, è possibile ritenere lecita la condotta tenuta dalle sorelle per legittima scelta del lettore tollerata e consentita prima nonché ratificata poi con la sottoscrizione dell’atto notarile di scioglimento della società. Atto notarile a seguito del quale si ritiene che il lettore abbia anche perso il diritto a richiedere e ottenere la restituzione del 20% sui ricavi. Ad ogni modo, qualora il lettore lo ritenesse opportuno, potrebbe comunque agire in giudizio nei confronti delle sorelle avendo con le due raccomandate inviate loro interrotto il decorso del termine prescrizionale di cinque anni previsto.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Alessandro Marescotti

note

[1] Art. 2298 cod. civ.

[2] Ai sensi degli artt. 2699 e 2700 cod. civ.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI