Diritto e Fisco | Articoli

Multa falsa: che rischio se il vigile chiede l’abbreviato?

19 Ottobre 2017
Multa falsa: che rischio se il vigile chiede l’abbreviato?

Ho denunciato un vigile perché ha redatto un verbale falso affermando che la mia macchina era in divieto quando invece era in officina. Hanno chiesto l’abbreviato. Che cosa rischio?

La Corte di Cassazione [1] ha stabilito che in tema di dichiarazioni indizianti, le sanzioni contenute codice di procedura penale [2], seppur attuative del principio del nemo tenetur se detegere, non possono essere estese al di fuori dei confini applicativi del processo penale, sino ad inficiare l’utilizzabilità di atti raccolti dinanzi al giudice civile (in applicazione del principio, la Corte ha rigettato il ricorso avverso la sentenza del tribunale per i minorenni che, ai fini della propria decisione, aveva utilizzato un verbale di dichiarazioni indizianti rese dall’imputato in un procedimento di volontaria giurisdizione). Questa sentenza sancisce il principio della non estensibilità agli atti (e, ovviamente, alle dichiarazioni in essi contenute) raccolti dinanzi al giudice civile delle sanzioni di inutilizzabilità. Ovviamente, l’applicabilità al caso della lettrice del principio contenuto nella sentenza citata andrà valutata tenuto conto che ogni sentenza è sempre riferita a singoli casi concreti. Quanto al rapporto con il giudizio abbreviato, la Corte di Cassazione [3] ha chiaramente stabilito che i divieti sanciti dall’articolo di procedura in questione si applicano anche nel caso di giudizio abbreviato.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Angelo Forte


note

[1] Cass. sent. n. 24653 dello 01.04.2014.

[2] Nell’art. 63 cod. proc. pen.

[3] Cass. sent. nn. 34512 del 29.04.2009 e 36596 del 2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube