HOME Articoli

Lo sai che? Quando la banca revoca il fido

Lo sai che? Pubblicato il 2 ottobre 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 2 ottobre 2017

Revoca del fido conto corrente: giusta causa e preavviso.

La banca, qualora vi siano giustificati motivi (per esempio grave diminuzione delle garanzie patrimoniali del beneficiario), può revocare in qualsiasi momento il fido, obbligando il correntista alla restituzione delle somme già utilizzate, oltre agli interessi.

Non sempre, tuttavia, il recesso della banca è legittimo ed è pertanto opportuno conoscere le regole di legge e fare attenzione alle clausole del contratto di conto corrente.

Cosa prevede la legge

La legge [1] stabilisce che, salvo patto contrario (bisogna prestare attenzione alle clausole contrattuali), la banca non può recedere dal contratto di apertura del credito a tempo determinato, prima della scadenza del termine, se non per giusta causa.

Il recesso sospende immediatamente l’utilizzazione del credito, ma la banca deve concedere un termine di almeno quindici giorni per la restituzione delle somme utilizzate e dei relativi accessori.

Se, invece, l’apertura di credito è a tempo indeterminato, ciascuna delle parti può recedere dal contratto, mediante preavviso nel termine stabilito dal contratto, dagli usi o, in mancanza, in quello di quindici giorni.

Cosa può prevedere il contratto di conto corrente

Nei contratti di apertura di credito sul conto corrente (chiamata anche fido affidamento) la banca spesso si riserva di revocare in qualsiasi momento e con effetto immediato il credito concesso, imponendo al correntista di rientrare nello scoperto. Simili clausole non possono però legittimare la banca a decidere arbitrariamente quando e come recedere dal contratto.

Secondo la Cassazione [2], infatti, è sempre necessaria l’indicazione di una giusta causa di recesso dal fido, soprattutto nell’ipotesi di apertura di credito a tempo determinato (in quanto la giusta causa è espressamente richiesta dalla legge).

Revoca fido a tempo indeterminato

Come sopra accennato, la legge prevede che se l’apertura di credito è a tempo indeterminato, ciascuna delle parti può recedere dal contratto, mediante preavviso nel termine stabilito dal contratto, dagli usi o, in mancanza, in quello di quindici giorni. Non si fa menzione della giusta causa ma ciò non legittima in ogni caso la banca ad interrompere bruscamente e senza preavviso il fido.

Secondo la giurisprudenza, la banca può esercitare il diritto contrattuale di recedere anche senza giusta causa purchè rispetti il principio generale di correttezza e buona fede nell’esecuzione del contratto. È quindi in ogni caso illegittimo il recesso della banca quando avvenga con modalità impreviste ed arbitrarie ed in contrasto con la ragionevole aspettativa del cliente [3].

Come difendersi dalla banca

La revoca illegittima del fido, per assenza di giusta causa e/o per mancato preavviso, possono essere contestati dal correntista ricorrendo all’Arbitro Bancario Finanziario o avviando una vera e propria causa di risarcimento danni dinanzi al giudice.

Per provare la revoca abusiva del fido, il correntista dovrebbe dimostrare, attraverso prove documentali, che non sussistono giustificati motivi di recesso, che la propria situazione economico-finanziaria è stabile e che la banca ha violato i doveri di correttezza e buona fede nell’esecuzione del rapporto contrattuale.

Molto più complessa è la prova ai fini della richiesta di risarcimento del danno. Il correntista deve infatti dimostrare che la revoca del fido – imprevista e illegittima – ha causato danni patrimoniali e non patrimoniali. La mancanza di prova concreta dei pregiudizi comporta il rigetto della domanda di risarcimento [4].

note

[1] Art. 1845 cod. civ.

[2] Cass. sent. n. 17291/16.

[3] Cass. sent. n. 21250/2008.

[4] ABF, decisione n. 10596/2016.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI