Diritto e Fisco | Articoli

Posso avere dall’amministratore i dati di tutti i condomini?

4 ottobre 2017


Posso avere dall’amministratore i dati di tutti i condomini?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 4 ottobre 2017



Anagrafe condominiale: l’amministratore è tenuto a fornire a chiunque ne faccia richiesta i dati contenuti nel registro da lui tenuto.

Il nuovo vicino di casa fa rumore dalla sera alla mattina e vorresti denunciarlo, ma non sai come si chiama, né se, all’interno dell’appartamento, vi è davvero lui o un affittuario. Dall’appartamento di sopra piove acqua ed è tua intenzione chiedere i danni per le infiltrazioni, ma non sai né il suo nome né il cognome. Alcuni condomini non pagano le spese e vorresti conoscere i loro dati perché, nel caso in cui un creditore dovesse pignorarti il conto in banca per colpa loro, intendi rivalerti nei loro confronti. Sia che tu abbia fondate ragioni, sia che tu agisca per curiosità o per la maniacale volontà di sapere chi ti sta accanto, la legge ti riconosce il diritto di avere dall’amministratore i dati di tutti i condomini, dati che sono contenuti nell’anagrafe condominiale. Tra i documenti, infatti, che il codice civile consente a ogni condomino di visionare ci sono quelli relativi agli elenchi dei proprietari e inquilini degli appartamenti. Vediamo qual è la norma di riferimento e cosa prevede la relativa disciplina.

Tra i compiti che il codice civile [1] attribuisce all’amministratore di condominio vi è quello di curare la tenuta della cosiddetta anagrafe condominiale. Tale registro contiene le generalità di chi vive dentro gli appartamenti (siano essi proprietari, affittuari, usufruttuari, comodatari, titolari di un diritto di abitazione come quello del coniuge vedovo/a o della moglie coi figli all’esito del divorzio). Insieme al nome e cognome di ciascun condomino l’anagrafe comprende anche il relativo codice fiscale, la residenza o domicilio, i dati catastali di ciascuna unità immobiliare, nonché ogni dato relativo alle condizioni di sicurezza delle parti comuni dell’edificio. In caso di variazione dei dati, il proprietario dell’immobile deve darne comunicazione all’amministratore per iscritto entro 60 giorni. Se non vi si provvede o se le informazioni fornite sono incomplete, l’amministratore invia una raccomandata al titolare dell’appartamento con cui gli intima di fornire le informazioni necessarie alla tenuta del registro di anagrafe. Decorsi trenta giorni, in caso di omessa o incompleta risposta, l’amministratore acquisisce le informazioni necessarie, addebitandone il costo ai responsabili.

Tra obblighi di trasparenza cui è tenuto l’amministratore nei confronti dei condomini vi è quello di fornire loro la possibilità di visionare tutta la documentazione contabile, lo stato dei pagamenti degli oneri condominiali e delle eventuali cause in corso, nonché il registro dell’Anagrafe condominiale con i dati di tutti i condomini. L’amministratore non può sottrarsi a quest’obbligo trincerandosi dietro un’ipotetica tutela dell’altrui privacy. Al contrario, se non vi provvede può essere revocato per gravi motivi, così come previsto dal codice civile [2]. Infatti, ogni condomino può ricorrere al giudice affinché dichiari decaduto l’amministratore che non ha rispettato i propri doveri tra cui anche quello di comunicare con completezza i propri dati anagrafici e professionali, il codice fiscale, la sede legale e denominazione, il locale ove si trovano i registri condominiali nonché i giorni e ore nei quali ogni condomino può prenderne visione e chiederne copie (previo rimborso della spesa sostenuta).

Così, in sintesi, è diritto di ogni condomino conoscere i dati degli altri proprietari degli appartamenti o dei relativi inquilini o di chiunque altro li abiti, nonché se questi hanno provveduto a pagare le spese condominiali (se, cioè, sono morosi o in regola) ed ogni altra informazione sulla gestione del condominio, ivi compreso il registro con le delibere dell’assemblea e i documenti contabili dai quali risultano le spese sostenute.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI