Diritto e Fisco | Articoli

Disoccupazione lavoratori stagionali, come funziona

9 Ottobre 2017 | Autore:
Disoccupazione lavoratori stagionali, come funziona

Naspi per dipendenti con contratto di lavoro stagionale: chi ne ha diritto, quanto dura, a quanto ammonta.

La formula 6 mesi di lavoro più 6 mesi di disoccupazione per gli stagionali non funziona ormai da tempo: con l’introduzione della Naspi, cioè della nuova indennità di disoccupazione, il trattamento dura soltanto per la metà del periodo lavorato. La Naspi, difatti, a contrario della vecchia disoccupazione e dell’Aspi, non ha una durata prestabilita, ma la sua durata varia a seconda dei contributi posseduti: ad esempio, se il disoccupato ha alle spalle 6 mesi di lavoro, percepirà la disoccupazione per 3 mesi; se il periodo lavorato è di 3 mesi, la disoccupazione spetterà per un mese e mezzo soltanto. Inoltre, se il periodo di lavoro alle spalle ha già dato luogo a un’altra indennità di disoccupazione, non può essere contato due volte, a differenza di quanto accadeva in passato.

Ma procediamo per ordine e facciamo un breve punto della situazione sulla disoccupazione per i lavoratori stagionali.

Quali stagionali hanno diritto alla disoccupazione

Tutti i lavoratori dipendenti stagionali hanno diritto alla Naspi, purché:

  • abbiano perso involontariamente il lavoro: possono, cioè, essere stati licenziati o cessati per scadenza del termine del contratto; può prendere la disoccupazione anche chi si è dimesso per giusta causa o nel periodo tutelato di maternità, o, ancora, chi ha firmato una risoluzione consensuale nell’ambito della procedura di conciliazione; niente Naspi, invece, per chi ha presentato le dimissioni volontarie;
  • abbiano reso la Did, la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro e a svolgere le attività di formazione e orientamento prescritte dal centro per l’impiego;
  • possiedano almeno 30 giornate di effettivo lavoro nell’anno;
  • possiedano almeno 13 settimane di contributi negli ultimi 4 anni, purché non abbiano già dato luogo a un’altra prestazione di disoccupazione.

Quanto dura la disoccupazione degli stagionali

La durata della Naspi degli stagionali, come abbiamo detto, è pari alla metà del periodo lavorato: non possono essere contati periodi di lavoro che abbiano già dato luogo a un’altra prestazione di disoccupazione.

In parole semplici, se il lavoratore ha terminato la Naspi, o la Mobilità, nel marzo 2017, è stato riassunto il 1° maggio 2017 e licenziato il 30 settembre 2017, il periodo di riferimento utile alla nuova Naspi sarà maggio-settembre 2017, mentre i periodi di lavoro precedenti, pur se collocati negli ultimi 4 anni, non possono essere contati perché hanno già dato luogo a un altro trattamento. Il dipendente stagionale, avendo lavorato per 5 mesi interi, da maggio a settembre, avrà dunque diritto a 2 mesi e mezzo di disoccupazione.

A quanto ammonta la disoccupazione degli stagionali

L’indennità Naspi è erogata su base mensile; l’ammontare spettante si calcola in questo modo:

  • bisogna innanzitutto sommare le retribuzioni imponibili utili ai fini previdenziali degli ultimi 4 anni;
  • bisogna poi dividere la cifra ottenuta per il numero di settimane di contributi posseduti e moltiplicare il risultato per il numero 4,33 (per rapportare l’indennità al mese, perché un mese, per l’Inps, vale 4,33 settimane);
  • se l’importo mensile così ottenuto è pari o inferiore a 1.195 euro, la Naspi è pari al suo 75% (ad esempio se l’imponibile medio è pari a 1000 euro, la Naspi sarà pari a 750 euro);
  • se l’importo è superiore a 1.195 euro, l’indennità Naspi deve essere così determinata: 75% di 1.195 euro, più il 25% della differenza tra 1.195 euro ed il maggior importo, sino ad un limite massimo erogabile di 1.300 euro.

La disoccupazione viene diminuita del 3% ogni mese, a partire dal 4° mese.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube