Diritto e Fisco | Articoli

Permesso di soggiorno anche in caso di matrimonio gay

23 Novembre 2012 | Autore:
Permesso di soggiorno anche in caso di matrimonio gay

Il matrimonio tra gay celebrato all’estero tra un cittadino italiano e uno straniero dà diritto a quest’ultimo di ottenere il permesso di soggiorno nel nostro Paese.

In generale, l’unione coniugale tra un italiano residente in Italia e uno straniero, anche se celebrata all’estero, consente a quest’ultimo di guadagnare lo stato di “familiare” di un cittadino dell’Ue; in forza di tale stato, egli può ottenere il permesso di soggiorno. Ciò vale anche per le coppie gay sposatesi in un Paese che non sia l’Italia (dove, ricordiamo, ciò è ancora vietato). In questo modo, il cittadino extracomunitario può ricevere il permesso di soggiorno.

A sancirlo in una nota [1] è il Ministero dell’Interno, che si è così uniformato all’orientamento prevalente adottato da tribunali e questure italiane.

L’ultimo caso è stato registrato pochi giorni fa nella Questura di Treviso: un quarantenne messicano, sposatosi a Città del Messico con un trevigiano, ha ottenuto la regolarizzazione poiché divenuto “parente” di un cittadino comunitario.

Ciò è possibile poiché, ai fini del rilascio del permesso di soggiorno, si tiene conto della nozione di famiglia contenuta nel diritto comunitario [2]: in essa non si fa riferimento al sesso dei coniugi e si sancisce il diritto dei cittadini Ue e dei loro familiari di circolare liberamente nel territorio degli Stati membri.

 

 


note

[1] Nota n. 8996 del 26.10.2012.

[2] Direttiva 2004/38/UE, recepita con d.lgs. 30/07, e art. 9 della Carta Europea dei Diritti dell’Uomo.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube