Diritto e Fisco | Articoli

Incidente in bici per una buca: risarcisce il Comune?

4 Novembre 2017
Incidente in bici per una buca: risarcisce il Comune?

Sono invalido totale con accompagnamento. Ho avuto un incidente con la bici (sono caduto in una buca in strada) e mi sono rotto il metatarso. Posso chiedere al Comune il risarcimento del danno?

È utile chiarire che la presenza di una buca sul manto stradale, non transennata o segnalata da appositi cartelli o avvisi, costituisce un’insidia o trabocchetto che provoca dei danni agli utenti di quella determinata strada, causando lesioni fisiche o materiali, per cattiva o mancata manutenzione dei luoghi adibiti al pubblico transito. Nelle situazioni che presentano dei danni da insidia, si profila una responsabilità in capo alla Pubblica amministrazione – nel caso che ci occupa in capo al Comune – la quale, in qualità di proprietaria o gestore del bene demaniale, è tenuta a risarcire i danni cagionati agli utenti a causa di sinistri stradali occorsi per omessa o insufficiente manutenzione della rete stradale. Entrando nello specifico, analizzando il caso che ci occupa, il Comune risponde di insidia stradale in base alla legge [1] che stabilisce che ciascuno è responsabile del danno cagionato dalle cose che ha in custodia, salvo che provi il caso fortuito, questo significa che il Comune ha il potere di vigilanza e di controllo sulla cosa, ossia sulla strada. Colui il quale intende far valere una responsabilità contrattuale o extracontrattuale della Pubblica amministrazione deve dimostrare il nesso causale tra l’evento dannoso e l’insidia o trabocchetto, derivante da situazioni di fatto, creatrici di un pericolo per l’utente della strada. In altre parole, il malcapitato utente della strada che, a bordo della propria bicicletta speciale, è incappato nella buca, non transennata né segnalata, sbilanciandosi e subendo la frattura del metatarso, in maniera assolutamente non prevedibile né evitabile, ha tutti i diritti di richiedere il risarcimento del danno subìto al Comune in quanto l’evento dannoso, cioè lo sbilanciamento e la conseguente frattura, si è verificato durante la normale circolazione a causa della mancata manutenzione del manto stradale e tale pericolo non era ravvisabile preventivamente in alcun modo. La presenza di una disabilità, ai fini di un risarcimento, può influire in maniera positiva in quanto è espresso dovere della Pubblica amministrazione rendere i luoghi soggetti al pubblico transito fruibili a tutti i cittadini indistintamente. Quanto detto viene confermato anche dalla giurisprudenza. La Corte di Cassazione [2] ha statuito che l’ente proprietario d’una strada aperta al pubblico transito risponde per difetto di manutenzione, dei sinistri riconducibili a situazioni di pericolo connesse alla struttura o alle pertinenze della strada stessa, salvo che si accerti la concreta possibilità per l’utente danneggiato di percepire o prevedere con l’ordinaria diligenza la situazione di pericolo. Per fare un esempio in materia penale, utile a comprendere meglio il caso che ci riguarda, la stessa Corte [3] ha statuito che in tema di omicidio colposo a seguito di incidente stradale, affinché le condizioni della strada assumano un’esclusiva efficienza causale dell’evento, è necessario che le sue anomalie assumano i caratteri dell’insidia e del trabocchetto di guisa che per la loro oggettiva invisibilità e la conseguente imprevedibilità, integrino una situazione di pericolo occulto inevitabile con l’uso della normale diligenza; qualora, invece, adottando la normale diligenza che si richiede a colui che usi una strada pubblica, la situazione di pericolo sia conoscibile e superabile, la causazione dell’infortunio non può che fare capo esclusivamente e direttamente a chi non abbia adottato la diligenza imposta.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Rossella Blaiotta


note

[1] In base all’art. 2051 cod. civ.

[2] Cass. sent. n. 23919 del 22.10.2013.

[3] Cass. sent. n. 34154 dello 06.09.2012.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube