Diritto e Fisco | Articoli

Sai quali sono i venti reati più denunciati in Italia?


Sai quali sono i venti reati più denunciati in Italia?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 11 novembre 2012



Ci si può anche fare un’idea, conoscendo il nostro popolo, di quali siano i reati più denunciati in Italia. Ma vedere le statistiche e i numeri fa un altro effetto. Andando a sbirciare, così, tra i dati pubblicati dall’ISTAT (aggiornati al 2010), abbiamo scoperto quali sono i delitti con presunti autori noti, più denunciati dai cittadini alle Forze di polizia.

20) Tentato omicidio.

Nel 2010, sono stati 78 i tentativi di omicidio.

19) Sequestri di persona

18) Incendi

17) Omicidi colposi

16) Sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione

15) Violenze sessuali.

Se confrontiamo il dato annuo (383 denunce nel 2010) con quello globale, i risultati sono sorprendenti.

Sono più di mezzo milione (520 mila), le donne dai 14 ai 59 anni che nel corso della loro vita hanno subito almeno una violenza tentata o consumata; si tratta del 2,9% del totale delle donne di 14-59 anni.

Circa la metà (9 milioni 860 mila) delle donne in età 14-59 anni hanno subito nell’arco della loro vita almeno una molestia a sfondo sessuale; si tratta del 55,2% del totale delle donne di 14-59 anni.

Sono 373 mila (il 3,1%) le donne di 15-59 anni che nel corso della vita lavorativa sono state sottoposte a ricatti sessuali sul posto di lavoro: in particolare l’1,8% per essere assunte e l’1,8% per mantenere il posto di lavoro o avanzare di carriera.

Secondo l’ISTAT, la quasi totalità delle violenze sessuali non viene denunciata dalla vittima, in particolare per le violenze subite dai non partner. Le ragioni più comunemente addotte per la mancata denuncia sono la paura di essere giudicate o trattate male, la vergogna, l’autocolpevolizzazione. Un ruolo importante è giocato anche dalla sfiducia nelle istituzioni;

14) Estorsioni

Anche questo è un dato allarmante. Il numero di estorsioni denunciato (409) è estremamente più basso rispetto al numero di attività commerciali che – specie nel meridione – subiscono passivamente questo delitto. È ovvio che gran parte delle vittime decide di non denunciare per sfiducia nelle istituzioni o per paura del ricatto.

13) Contraffazione marchi e brevetti

12) Danneggiamenti con incendi

11) Delitti informatici

10) Percosse

È un delitto che commette chiunque percuote taluno, se dal fatto non deriva una malattia nel corpo o nella mente.

 

9) Ricettazione

La ricettazione è un delitto commesso da chiunque, al fine di procurare a sé o ad altri un profitto, acquista, riceve od occulta denaro o cose provenienti da un qualsiasi delitto, o si intromette nelle stesse azioni e con gli stessi fini (per es. l’acquisto di un telefono rubato).

8) Ingiurie

Sono stati ben 5.676 i casi di ingiuria nel 2010.

Il reato punisce chiunque offenda l’onore o il decoro di una persona presente.

7) Violazione della normativa sugli stupefacenti

6) Minacce

5) Lesioni dolose

Si tratta del delitto commesso da chi cagiona ad altri una lesione personale, dalla quale deriva una malattia nel corpo o nella mente. Il reato è punito con la reclusione da tre mesi a tre anni.

4) Rapine

Sono ben 1.665 i casi di rapina, di cui, in ordine crescente, le più commesse sono

– rapine in pubblica via

– rapine in esercizi commerciali

– rapine in uffici postali

– rapine in banca

– rapine in abitazione.

3) Truffe e frodi informatiche

Si tratta di un reato in rapida ascesa: testimoni ne sono gli uffici di polizia postale, ormai costantemente intasati da utenti della rete e dei social network, vittime di condotte a volte estremamente dannose. Nel 2010, i casi denunciati sono stati ben 7.390!

2) Danneggiamenti

1) Furti

Si tratta, indubbiamente, del reato “preferito” dagli italiani, con ben 104.058 denunce di cui, in ordine crescente, le più inflazionate sono:

-furti di ciclomotori

– furti di motocicli

– furti di autovetture

– furti in esecizi commerciali

– furti in abitazione

 

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI