HOME Articoli

Lo sai che? Come diventare ufficiale giudiziario

Lo sai che? Pubblicato il 13 ottobre 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 13 ottobre 2017

L’ufficiale giudiziario è un funzionario pubblico, addetto all’ufficio notificazioni, esecuzioni e protesti: vediamo come accedere a questa professione.

Dedicarsi ai concorsi pubblici è al giorno d’oggi una delle scelte professionali più seguite dai giovani laureati (o diplomati, a seconda dei requisiti d’accesso del singolo bando) in quanto permette l’accesso ad una carriera a tempo indeterminato, quindi ad una tipologia contrattuale che comporta una serie di tutele non indifferenti (oltre al tempo indeterminato, si pensi alla malattia, alle ferie, alla tredicesima mensilità). Anche se negli ultimi anni le procedure di selezione nelle pubbliche amministrazioni sono drasticamente diminuite a causa del blocco del turn over, scegliere di studiare in attesa di un concorso pubblico è un percorso che viene intrapreso da molte persone, magari con la strategia di dedicarsi a materie la cui conoscenza possa rivelarsi utile per differenti procedure di reclutamento (un esempio fra tutti, il diritto amministrativo). Tra i concorsi pubblici e le carriere possibili, c’è anche quella dei funzionari pubblici, dipendenti delle pubbliche amministrazioni statali: al riguardo, vediamo come diventare ufficiale giudiziario.

Diventare ufficiale giudiziario: ruolo e funzioni

L’ufficiale giudiziario è un funzionario e pubblico ufficiale, dipendente pubblico del ministero della giustizia in forza presso ciascun tribunale e corte d’appello, ed addetto all’ufficio notificazioni, esecuzioni e protesti.

Tra i compiti che gli spettano rientra quindi anzitutto la notifica degli atti giudiziari, quali sentenze, decreti ingiuntivi, ordinanze di sfratto, intimazioni a comparire come testimoni in un procedimento.

L’ufficiale giudiziario è infatti anche un organo del processo esecutivo, pertanto porta ad esecuzione le sentenze dell’autorità giudiziaria ed altri titoli esecutivi, effettuando pignoramenti e sfratti e potendosi avvalere, nei casi necessari, dell’ausilio della forza pubblica e del pubblico ministero.

Diventare ufficiale giudiziario: il concorso e i requisiti

Intraprendere la professione di ufficiale giudiziario comporta il superamento di un concorso pubblico bandito dal ministero della giustizia e pubblicato sulla gazzetta ufficiale della repubblica italiana, 4a serie speciale concorsi. La pubblicazione del bando di concorso, che prevede prove scritte ed orali, non è regolare.

L’ammissione al concorso è subordinata a determinati requisiti di accesso che devono essere posseduti dal candidato al momento della presentazione della domanda di partecipazione alla selezione indetta. Come per tutti i concorsi nelle amministrazioni pubbliche, naturalmente, bisogna non aver riportato condanne penali e non avere procedimenti penali in corso. Per quanto riguarda i requisiti dal punto di vista del possesso di titoli di studio specifico, per diventare funzionario giudiziario U.N.E.P. (sigla dell’ufficio notificazioni, esecuzioni e protesti) occorre avere uno dei seguenti titoli di studio:

  • laurea in giurisprudenza;
  • laurea in economia e commercio;
  • laurea in scienze politiche.

Costituiscono inoltre titolo idoneo all’accesso al concorso per ufficiale giudiziario anche le lauree che siano equipollenti per legge ad una delle tre lauree elencate.

L’ultimo concorso bandito peraltro, è stato caratterizzato da una selezione che prevedeva la possibilità di accesso unicamente al personale interno già in funzione, una volta seguito un apposito corso di formazione online, predisposto per la procedura di concorso.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI