Diritto e Fisco | Articoli

I diritti dei bambini sui social network

11 ottobre 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 11 ottobre 2017



Come proteggere i minori nell’uso di internet.

I social network sono ormai entrati a far parte della vita quotidiana di tutti, non solo adulti ma anche adolescenti e bambini. Dato il loro utilizzo dunque è fondamentale che venga garantita la giusta protezione dei minori che usino questi mezzi di comunicazione, sia che lo facciano attivamente sia che, purtroppo, nel caso in cui le loro foto o immagini vengano utilizzate da altri per scopi illeciti, soprattutto alla luce del fatto che la pubblicazione su un social comporta che i contenuti postati siano accessibili ad una serie indefinita di soggetti.

La normativa nazionale attuale non prevede una disciplina specifica che tuteli i minori e stabilisca in forma compiuta quali siano i diritti online di bambini ed adolescenti.

Nel 2015 tuttavia la Camera dei deputati ha reso pubblica una dichiarazione dei diritti in internet, che comprende i principi di uguaglianza, dignità, libertà di ogni individuo anche online, e che può quindi trovare applicazione anche nei confronti dei minori.

Il nostro ordinamento, ad ogni modo, prevede una tutela dei diritti di bambine e bambini che può essere utilizzata anche per quanto riguarda l’utilizzo dei social network.

In relazione alla specifica protezione del minore, la principale fonte da citare è la Costituzione [1] che sottolinea come la Repubblica s’impegna a difendere l’infanzia e la gioventù, fermo restando il riconoscimento del loro diritto alla tutela della vita privata [2].

Non si deve poi tralasciare inoltre  il contenuto della Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza approvata nel 1989 [3], la quale prevede come debba darsi necessariamente preminenza agli interessi e alla dignità del minore, riconoscendo la rilevanza della funzione che esercitano i mass media e stabilendo che gli Stati debbano “vigilare affinché il minorenne possa accedere ad una informazione e a materiali provenienti da fonti nazionali ed internazionali se finalizzati a promuovere il suo benessere sociale” [4].

  1. Bambini e adolescenti hanno diritto all’accesso a social network che siano consoni alla loro età e che effettuino le dovute verifiche sulla veridicità dei dati forniti, onde consentire un monitoraggio efficace sui contenuti pubblicati e sulla liceità degli stessi.
  2. Bambini e adolescenti hanno diritto ad un utilizzo consapevole, ludico e ricreativo dei social network quali espressione della propria personalità ed espressività in quanto individui, nonché ad un uso responsabile – sia da parte loro che degli altri utenti – di ogni funzionalità che le singole piattaforme online permettano di utilizzare (giochi, condivisione di file, conversazioni).
  3. Bambini e adolescenti hanno diritto di espressione e libertà di parola nell’utilizzo dei social network, nel rispetto delle leggi nazionali ed internazionali e dei fondamentali diritti altrui.
  4. Bambini e adolescenti hanno diritto alla tutela della propria vita privata, della propria privacy [5] ed immagine sui social network, alla protezione dei dati che le riguardano, affinchè sia effettivo il rispetto della identità personale e della riservatezza.
  5. Bambini e adolescenti hanno diritto a che non vengano diffusi senza il loro consenso contenuti, immagini, file audio e video, siano essi originali o modificati digitalmente, ottenuti volontariamente o registrati illecitamente.
  6. Bambini e adolescenti hanno diritto ad essere protetti da abusi commessi sui social network nei loro confronti, in particolare, da comportamenti di cyberbullismo, incitazione alla violenza, all’odio o alla discriminazione (di genere, età, etnia, religione).
  7. Bambini e adolescenti hanno diritto ad una protezione efficace e ad un monitoraggio costante contro ogni forma di offesa, abuso, insulto, violenza verbale di cui diventino vittime sui social network.
  8. Bambini e adolescenti hanno diritto alla tutela della propria immagine e dell’uso che di questa venga fatto sui social network, alla tutela della loro reputazione on line, e a che le loro foto non siano oggetto di cessione non consentita a terzi per fini commerciali illeciti, pornografici, pedopornografici o lesivi dei diritti fondamentali dell’individuo.
  9. Bambini e adolescenti hanno diritto a chiedere ed ottenere la cancellazione dagli indici dei motori di ricerca dei riferimenti ad informazioni, immagini, video i quali, per il contenuto o per il tempo trascorso dal momento della loro raccolta, non abbiano più rilevanza pubblica (diritto all’oblio) o siano stati ottenuti senza il loro previo consenso (o di chi ne fa le veci).
  10. Bambini e adolescenti hanno diritto al riconoscimento del diritto all’oblio in particolare per le informazioni ed immagini lesive della loro persona e dei loro diritti pubblicate su internet e postate sui social network da altri e senza il loro previo consenso (o di chi ne fa le veci), con diritto in caso contrario al risarcimento del danno patrimoniale e non patrimoniale.
  11. Bambini e adolescenti hanno diritto ad avere dallo Stato una legislazione aggiornata e la previsione ed adozione di ogni provvedimento necessario a perseguire le condotte di chiunque attenti allo sviluppo della loro personalità e leda la loro immagine.

note

[1] Art. 31 Cost.

[2] Art. 2 Cost.

[3] Ratificata in Italia con la legge n. 176/1991.

[4] Art. 17 Convenzione.

[5] D.Lgs. n. 196/2003.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI