Diritto e Fisco | Articoli

Acquisto auto usata: le verifiche da fare


Acquisto auto usata: le verifiche da fare

> Diritto e Fisco Pubblicato il 16 ottobre 2017



Come stabilire se l’auto di seconda mano ha avuto incidenti, se è stata rubata o se è in regola con l’assicurazione.

Acquistare un’auto di seconda mano su internet offre notevoli vantaggi, sia in termini di prezzo che di varietà di scelta. Alcuni portali consentono di ricercare l’occasione più conveniente tramite un motore di ricerca interno particolarmente ricco di proposte. Tuttavia le offerte online, rispetto all’officina, presentano lo svantaggio di esigere un minimo di cautela ed attenzione da parte dell’acquirente, il quale dovrà attrezzarsi da sé per comprendere se, dietro la proposta di vendita, si nasconde qualche fregatura. Potrebbe ad esempio avvenire che l’auto abbia subito diversi incidenti, nascosti all’offerente, e che sia stata successivamente riparata alla meno peggio per nascondere i problemi funzionali interni. Potrebbe invece succedere che il mezzo sia sottoposto a fermo amministrativo per debiti con l’Agenzia delle Entrate o che, addirittura, non sia di proprietà del venditore. È tuttavia possibile fare alcuni controlli preliminari per accertarsi che tutto sia in regola. Ecco dunque come muoversi e le verifiche da fare in caso di acquisto di auto usata.

Come sapere se l’auto usata è assicurata

Quando si acquista un’auto usata è necessario munirla di una polizza obbligatoria sulla responsabilità civile (cosiddetta rc-auto). L’acquirente ha due alternative: o sottoscrivere un nuovo contratto con la propria compagnia di assicurazioni oppure optare per la cessione del contratto di assicurazione del venditore alle stesse condizioni del vecchio proprietario. La pratica deve essere completata entro 7 giorni (per maggiori informazioni sulla procedura leggi: Acquisto auto da privato: assicurazione, come e quando). Questa seconda scelta è possibile solo se il mezzo è coperto da una polizza ancora valida. Quindi, la prima verifica da fare è comprendere se l’auto è assicurata o meno. Per eseguire tale verifica è sufficiente procurarsi il numero di targa e di polizza dell’auto che si vuole acquistare e fornirlo al proprio assicuratore. Questi, tramite una ricerca al computer, potrà verificare se il mezzo è coperto o meno dalla rc-auto. In alternativa ci si può recare alla Motorizzazione e chiedere una verifica tramite gli appositi terminali. Si tratta di informazioni pubbliche.

Come sapere se l’auto ha avuto incidenti stradali

Sempre fornendo al proprio assicuratore il numero di targa del veicolo che si intende comprare è possibile sapere se è stato interessato, in passato, da incidenti stradali. In questo modo si può confrontare le informazioni acquisite con quelle fornite dal venditore e verificare la serietà di quest’ultimo. Le assicurazioni posseggono un’anagrafe dei sinistri che funziona come archivio interno e che consente di rilevare eventuali incidenti stradali nell’arco di vita di un mezzo.

Chiaramente un’auto che ha subito svariati incidenti vale molto meno rispetto a un’auto dello stesso modello, di seconda mano, per come risulta dal listino usato.

Come sapere se l’auto è coperta dal bollo

Non è una verifica essenziale quella relativa al regolare pagamento del bollo auto. Difatti eventuali omissioni per il periodo precedente al passaggio di proprietà gravano unicamente sul vecchio proprietario (anche se, non poche volte, gli acquirenti si sono trovati a difendersi da avvisi di pagamento ingiustamente inviati al successivo titolare). La verifica può essere eseguita in un ufficio Aci indicando la targa del mezzo. Leggi anche Chi vende l’auto può trasferire il bollo sulla nuova? e Chi paga il bollo auto usata?

Come sapere se l’auto ha un fermo amministrativo

Altra verifica importante è sapere se il mezzo è sottoposto a fermo auto, ossia la misura cautelare che adotta l’Agenzia Entrate Riscossione tutte le volte in cui non si pagano le imposte (non solo il bollo quindi) o le sanzioni (ad esempio le multe stradali). La verifica si può fare presso il Pra, il pubblico registro automobilistico, dove il fermo amministrativo viene annotato. Bisognerà, anche in questo caso, fornire il numero di targa.

Come sapere se l’auto è rubata

Veniamo ora all’ultimo punto: come stabilire di chi è la proprietà dell’auto? Questa verifica consente anche di capire se si tratta di un’auto rubata. Anche in questo caso la verifica è molto semplice: basta fornire il numero di targa al Pra e chiedere un certificato di proprietà. In questo modo potremo comprendere se l’auto è effettivamente di chi la propone in vendita o se non è, magari, in comproprietà (ad esempio il coniuge) o in comunione con altri soggetti (ad esempio con gli eredi).

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI