Diritto e Fisco | Articoli

Chi sceglie se costituire un solo condominio o più di uno?

12 novembre 2017


Chi sceglie se costituire un solo condominio o più di uno?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 12 novembre 2017



È la libera scelta dei condomini espressa negli atti di acquisto e nel regolamento condominiale a decidere se costituire più condomini distinti per ogni singolo edificio o se costituire un unico condominio.

Dalla lettura dei riferimenti alle norme del regolamento contenuti nella comunicazione dell’amministratore, sembrerebbe di capire che:

  • i condomini abbiano voluto scegliere di dare luogo alla formazione di un unico condominio (comprendente tutti i beni comuni e, cioè, sia quelli comuni a tutti gli edifici del comprensorio, sia quelli comuni solo ad alcuni degli edifici costituenti il comprensorio);
  • e non abbiano, invece, scelto di dare luogo a distinti condominii per ogni fabbricato (a cui si sarebbe poi affiancato un supercondominio avente ad oggetto i beni comuni a tutti i singoli condomini).

È la libera scelta dei condomini espressa negli atti di acquisto e nel regolamento condominiale a decidere se costituire più condomini distinti per ogni singolo ed autonomo edificio oppure se costituire un unico condominio. In ogni caso, i riferimenti fatti dall’amministratore all’uso del termine “condominio” e non “supercondominio” non sono di per sé e da soli decisivi senza avere verificato quali beni specifici comprenda il condominio indicato in regolamento.

Ad ogni buon conto:

  1. se anche si accertasse in modo incontestabile che si tratta di un unico condominio, la coesistenza in esso di parti comuni a tutti i condomini e di parti comuni solo ad alcuni condomini conduce la dottrina e la giurisprudenza a considerare come un “condominio parziale” quelle opere e quegli impianti destinati a servire alcuni soltanto dei condomini. E se l’assemblea deve deliberare su opere e beni che siano comuni solo ad alcuni dei condomini, allora occorrerà riferirsi solo ad essi per quello che riguarda i quorum necessari per la validità e approvazione delle delibere e a tabelle millesimali distinte per procedere alla corretta ripartizione delle spese. Per intenderci, e detto con le dovute cautele, il rapporto tra supercondominio e singoli condominii, non è poi molto diverso rispetto al rapporto che c’è tra condominio e condominio parziale.
  2. è sempre applicabile, nel caso di opere e impianti destinati a servire una parte dell’intero fabbricato, la norma secondo cui le relative spese di manutenzione sono a carico dei condomini che ne traggono utilità.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Angelo Forte


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI