HOME Articoli

Lo sai che? A chi ha il foglio rosa si può sospendere la patente?

Lo sai che? Pubblicato il 17 ottobre 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 17 ottobre 2017

Non si può né detrarre i punti né sospendere la patente a chi ha solamente il foglio rosa e consegue la patente in un momento successivo.

Il codice della strada associa, a numerose contravvenzioni, la sanzione accessoria della decurtazione dei punti dalla patente. Significa che, oltre alla multa pecuniaria vera e propria, il conducente subisce anche – come effetto immediato e automatico -la detrazione dei tanto amati “punti” senza almeno uno dei quali non si può circolare. Nei casi più gravi viene prevista la sospensione della patente. Ma che succede a chi ha il foglio rosa? Immaginiamo che un aspirante alla patente, in possesso del foglio rosa, commetta una infrazione stradale – ad esempio la guida in stato di ebbrezza – e un vigile lo multi: se alla contravvenzione viene associata la perdita dei punti, questi vengono detratti dalla patente “futura” (quando cioè sarà acquistata)? E se invece la sanzione consiste nella sospensione della patente è addirittura possibile negargli il rilascio della licenza di guida? La risposta è stata fornita dalla Cassazione in una sentenza di ieri. Cerchiamo dunque di capire se a chi ha il foglio rosa si può sospendere la patente.

Secondo la Corte «non può essere applicata la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida, per illeciti posti in essere con violazione delle norme sulla circolazione stradale, a chi li abbia commessi conducendo veicoli per la cui guida non sia richiesta alcuna abilitazione o, se richiesta, non sia stata mai conseguita, o a chi li abbia commessi con il foglio rosa, anche se successivamente la patente è stata conseguita».

La sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida, chiariscono i giudici supremi, «può intervenire solo se l’illecito è stato commesso da chi era in possesso della patente, al momento della commissione del fatto». «Il foglio rosa – conclude – non può ritenersi equivalente alla patente».

Lo stesso discorso vale per la sottrazione dei punti: anche tale sanzione non si applica a chi ha solo il foglio rosa.

In sintesi, chi ha il foglio rosa non può subire né la detrazione dei punti dalla patente, né la sospensione della patente.

note

[1] Cass. sent. n. 47589/17 del 16.10.2017.

Corte di Cassazione, sez. III Penale, sentenza 7 febbraio – 16 ottobre 2017, n. 47589
Presidente Amoresano – Relatore Socci

Ritenuto in fatto

1. Il Tribunale di Cosenza con sentenza del 16 giugno 2014, decidendo in sede di rinvio per annullamento della precedente sentenza di patteggiamento limitatamente all’omessa sospensione della patente di guida (sentenza n. 35384 del 2013, 4 sez.) applicava a S.S. la sanzione della sospensione della patente di guida per anni 1 e mesi 4.
2. S.S. ha proposto appello trasmesso a questa Corte, a mezzo del difensore, deducendo i motivi di seguito enunciati, nei limiti strettamente necessari per la motivazione, come disposto dall’art. 173, comma 1, disp. att., c.p.p..
2.1. Il semplice foglio rosa non può ritenersi patente di guida e quindi non poteva trovare applicazione la sanzione della sospensione della patente di guida. Inoltre il giudice non ha valutato i parametri soggettivi per la determinazione della misura della sanzione.
Ha chiesto pertanto la riforma della decisione.

Considerato in diritto

3. Il ricorso è fondato e la sentenza deve annullarsi senza rinvio limitatamente all’applicazione della sospensione della patente di guida che deve escludersi.
Con la decisione della Cassazione, sezione 4, n. 35384 del 2013 è stata annullata la precedente sentenza di patteggiamento per la mancata applicazione della sanzione della sospensione della patente di guida, relativamente al reato di cui all’art. 186 bis, comma 1, lettera A, del Codice della Strada (tasso di alcol 1,97 g/l). Nella decisione della Cassazione non si rappresenta il solo possesso del foglio rosa al momento della commissione del reato (circostanza, in fatto, che è risultata solo con la sentenza oggi impugnata del Tribunale).
Il Tribunale di Cosenza applicava la sanzione amministrativa della sospensione della patente di guida per anni 1 e mesi 4, rilevando come “la sanzione amministrativa accessoria della patente di guida (che si riferisce a qualsiasi titolo abilitativo alla guida, Cass. sez. F. n. 32806/11), non può essere applicata solo in ipotesi di inesistenza della patente o di altro titolo abilitativo alla guida, giacché mai conseguita (non potendo in tale caso esplicare la sua peculiare finalità special preventiva), ipotesi questa non ricorrente nel caso in esame nel quale il S. , già titolare di foglio rosa al momento dei fatti, ha successivamente conseguito regolare patente di guida”.
In fatto, quindi, è accertato che al momento dei fatti il ricorrente non aveva la patente ma solo il foglio rosa.
Il Tribunale applica la sospensione della patente di guida perché la stessa è stata successivamente conseguita.
Orbene “Non può essere applicata la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida, che discenda per legge da illeciti posti in essere con violazione delle norme sulla circolazione stradale, a chi li abbia commessi conducendo veicoli per la cui guida non sia richiesta alcuna abilitazione o, se richiesta, non sia stata mai conseguita; né, tanto meno, può essergli precluso, per un periodo corrispondente alla durata della sospensione, il diritto ad ottenerla nel caso in cui non ne sia ancora in possesso” (Sez. U, n. 12316 del 30/01/2002 – dep. 29/03/2002, Fugger, Rv. 22103901; vedi anche, nello stesso senso, Sez. 4, n. 36580 del 18/09/2006 – dep. 04/11/2006, Fiolo, Rv. 23537201 e Sez. 4, n. 19413 del 29/03/2013 – dep. 06/05/2013, Cotogna, Rv. 25508101).
La sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida (in dottrina queste sanzioni sono state definite come sanzioni di “una natura intermedia tra le sanzioni penali e le sanzioni amministrative”, per le quali si è proposta la denominazione di “sanzioni penali amministrative”, in contrapposto alle classiche sanzioni penali criminali) può intervenire solo se il reato è stato commesso da chi era in possesso della patente, al momento della commissione del fatto. Il foglio rosa non può ritenersi equivalente alla patente (abilitazione alla guida patente – conseguita solo successivamente al fatto reato).
Può quindi affermarsi il seguente principio di diritto: “Non può essere applicata la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente di guida, per illeciti posti in essere con violazione delle norme sulla circolazione stradale, a chi li abbia commessi conducendo veicoli per la cui guida non sia richiesta alcuna abilitazione o, se richiesta, non sia stata mai conseguita, o a chi li abbia commessi con il foglio rosa (nella specie la patente è stata successivamente conseguita)”.

P.Q.M.

Annulla senza rinvio, la sentenza impugnata limitatamente all’applicazione della sospensione della patente di guida che esclude.

Acquista un abbonamento annuale a tutte le sentenze di merito. Clicca qui


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

1 Commento

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI