HOME Articoli

Lo sai che? Legge 104 e trasferimento del lavoratore: novità

Lo sai che? Pubblicato il 18 ottobre 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 18 ottobre 2017

Il lavoratore che assiste un disabile può essere trasferito solo in caso di straordinarie ragioni produttive.

Il lavoratore con la 104 ha diritto a scegliere la sede di lavoro più vicina al domicilio del disabile da lui assistito. Allo stesso modo non può essere trasferito dal datore di lavoro in un’altra sede dell’azienda senza il proprio consenso. Ciò vale anche se il trasferimento non comporta lo spostamento a una nuova unità produttiva o si realizza nell’ambito dello stesso Comune. Sono questi gli importanti chiarimenti forniti dalla giurisprudenza in questi ultimi anni e, più di recente, da una sentenza della Cassazione [1]. Ma procediamo con ordine e vediamo quali sono le novità in merito al trasferimento del lavoratore con la legge 104.

Divieto di trasferimento del lavoratore con la 104

Il lavoratore che, in base all’articolo 33 della legge 104/1992, assiste un familiare disabile non può essere trasferito da una sede di lavoro a una nuova su semplice decisione del datore di lavoro non concordata con il dipendente. Pertanto, il datore di lavoro non può trasferire un proprio dipendente se quest’ultimo cura e assiste un familiare portatore di grave handicap. Infatti, la necessità assistenziale nei confronti di quest’ultimo prevale sempre sulle esigenze di produzione e di organizzazione dell’azienda: esigenze che, altrimenti, avrebbero consentito al datore di lavoro il libero esercizio di tale potere (per un approfondimento: “Legge 104: permessi dal lavoro per portatori di handicap e familiari”).

Questo divieto si giustifica per via del ruolo centrale che ha la  famiglia nell’assistenza del disabile: lo prevede la nostra Costituzione, ma anche la Carta di Nizza, che salvaguarda il diritto dei disabili di beneficiare di misure rivolte al loro inserimento sociale. Lo stabilisce anche la Convenzione delle Nazioni Unite del 13 dicembre 2006 in materia di protezione dei disabili.

Il lavoratore con la 104 può scegliere il posto di lavoro, chiedere l’avvicinamento in un momento successivo e non può più essere trasferito senza il proprio consenso

Quando c’è divieto di trasferimento del dipendente con la 104?

Per far scattare il divieto di trasferimento è sufficiente che si verifichi un cambiamento geografico, anche se la sede di destinazione rientra nell’ambito della medesima unità produttiva. Pertanto il divieto riguarda anche i casi in cui il trasferimento non comporta lo spostamento a una nuova unità produttiva. Infatti il dato dirimente è costituito dal mutamento del luogo geografico di svolgimento della prestazione lavorativa.

Secondo una sentenza del Tribunale di Firenze [2], il concetto di trasferimento del lavoratore – vietato se questi è titolare della 104 – comprende anche i casi in cui lo spostamento avviene nell’ambito dello stesso Comune, quando questo comprende uffici costituenti diverse unità produttive.

Quando si può trasferire un lavoratore con la 104?

Gli unici casi in cui si può trasferire un lavoratore con la 104 si verificano quando il datore di lavoro dimostra la sussistenza di specifiche esigenze tecnico-produttive od organizzative, le quali impediscano una soluzione diversa dal trasferimento geografico del posto di lavoro. Inoltre, secondo la Cassazione [3], è possibile il trasferimento nel caso di incompatibilità ambientale del dipendente o in caso di definitiva soppressione del posto di lavoro (casi nei quali l’esigenza del datore di lavoro al trasferimento coincide con quella del lavoratore a non perdere la propria occupazione). Dunque se l’azienda motiva il trasferimento con ordinarie esigenze di natura organizzativa, il trasferimento necessita del consenso del dipendente. Se invece vi sono altre e più gravi necessità (come quelle appena elencate), può tornare a prevalere il diritto dell’azienda di spostare il lavoratore ad un’altra unità produttiva.

Il dipendente può scegliere la sede di lavoro più vicina

È diritto del dipendente con la 104 di scegliere, al momento dell’assunzione, la sede di lavoro più vicina al luogo di residenza o domicilio del familiare disabile. La scelta del posto di lavoro può essere esercitata anche in un momento successivo alla firma del contratto, con una richiesta di avvicinamento. Risultato: la richiesta di trasferimento con avvicinamento al domicilio del portatore di handicap può essere presentata in qualsiasi momento: all’atto dell’assunzione o anche dopo. Tali chiarimenti sono stati forniti da una recentissima ordinanza della Cassazione [4]. Leggi sul punto l’approfondimento: Spetta il trasferimento per assistere un genitore disabile?

Il diritto alla scelta del luogo di lavoro spetta anche se il lavoratore non convive con il disabile e con quest’ultimo coabita un’altra persona (ad esempio il badante).

Se il familiare non ha una invalidità grave

Sempre secondo la Suprema Corte [5], il lavoratore con la 104 non può mai essere trasferito in un’altra sede, salvo che vi siano esigenze indifferibili per l’organizzazione aziendale. Ciò vale anche quando l’invalidità del familiare “a carico” non è particolarmente grave.

note

[1] Cass. sent. n. 214015/2017.

[2] Trib. Firenze, sent. n. 39/2015.

[3] Cass. sent. n. 4265/2007; Cass. sent. n. 10252/1995.

[4] Cass. ord. n. 23857/17 dell’11.10.2017.

[5] Cass. sent. n. 25379/16 del 12.12.2016.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

15 Commenti

  1. Io conosco persone che usano la 104 per allungare le ferie, per sollazzarsi in mille modi, per fare un secondo lavoro,ecc. L’ultima moda è usufruire di lunghi periodi di 104 per sottoporsi alla chirurgia estetica. Il bello è che nessuno se ne accorge. Sto 6 mesi in 104 e mentre assisto il bisognoso miracolosamente mi si gonfiano le labbra e le tette, mi si liposugge l’addome e mi si riforma l’imene. Ma ha d’anda’ affanculo chi ha inventato questa legge del cazzo.

    1. È una legge molto giusta per chi ne ha veramente bisogno e credimi 3 giorni sono pochi per chi assiste un familiare ogni giorno…spero che chi si lamentano degli altri che ne usufruiscono non abbia mai bisogno di questa legge in particolar modo per un figlio..

      1. Vero….non auguro a nessuno di aver bisogno della Lg.104
        Come in tutte le cose, fatta la legge, trovato l’inganno!
        Peraltro, non credo sia difficile scoprire chi se ne approfitta ingiustamente! Il pesce puzza dalla testa!

      2. Sono assolutamente d’accordo! Bisogna passarci per credere! E davvero 3 giorni sono pochi per chi quotidianamente si prende cura (sul serio) di un famigliare ogni giorno!

    2. Io penso che molte xsone parlano senza sapere dietro cosa ci sta.c è un detto che dice se vuoi sapere la mia vita calza le mie scarpe e cammina.allora io a questa brava gente che contesta o guarda le 104 dico…a parte che nn viene rilasciato nulla se nn documenti tt il xcorso x usufruire della 104,a parte che nessuno regala nulla…..volete la 104?xfetto io ne faccio volentieri a meno basta che mio fgl stia bene la cedo volentieri ma dovete prendere anche l handicap x cui mi è stata accettata.o prendete tt il pacchetto o almeno abbiate la sensibilità di stare zitti.nn si critica senza pensare…

    3. Hai ragione, ma invece di lamentarti inizia a denunciare i fatti e le persone non la legge che per molte persone è necessaria

    4. Se tu sei sicuro di questo puoi direttamente denunciare la cosa al tuo datore di lavoro e alla finanza ………………ovvero devi avere la certezza che i permessi presi non servano per assistere il disabile

    5. Alessandro ti auguro di avere un giorno bisogno di ricorrere alla legge 204 e magari di trovare persone che la pensano come te.

  2. È fattibile, da parte del datore di lavoro, un cambiamento di mansione, anche con demansionamento, del lavoratore che usufruisce della legge 104?

  3. Quanto ve r…e se una persona ha la 104….nn è che la legge dice che il lavoratore deve stare con chi ha un problema 24 ore su 24 ore…e’ un permesso di 2-4 o 8 ore per 3 giorni al mese…e chi fa considerazione che le prende per fare quello o quell’altro e una persona…mentegatta…!!!

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI