Tech | Articoli

Come tracciare una persona su WhatsApp

23 Novembre 2018 | Autore:
Come tracciare una persona su WhatsApp

Conosci la funzione posizione su WhatsApp? Sai condividere la tua posizione attuale? È possibile conoscere la posizione di altre persone? Quali sono i vantaggi e i rischi?

Da un anno circa, l’applicazione di messaggistica WhatsApp ha introdotto nei suoi servizi la possibilità di ricevere e mandare la propria posizione. Poche persone utilizzano la funzione di rilevamento geografico e condividono con contatti e gruppi i loro spostamenti. Qualcuno potrebbe pensare di tracciare una persona su WhatsApp per controllare i suoi movimenti ma vi è sempre bisogno della condivisione della persona in questione. Tra vantaggi e rischi del servizio si colloca la nostra privacy.

Vuoi spiare gli spostamenti di una persona e conoscere in tempo reale la posizione in cui si trova? Ebbene, con WhatsApp è possibile monitorare i movimenti di chiunque in qualsiasi istante. Se hai paura che questo possa mettere a rischio la tua privacy, puoi stare tranquillo perché per spiare gli spostamenti di una persona devi avere il suo consenso.

Molti sanno che su WhatsApp è possibile condividere la propria posizione. In pratica si può inviare a qualcuno le coordinate in cui ci si trova per farsi raggiungere. Se ci spostiamo, però, dobbiamo rimandare la nostra posizione. Ora questo non è più necessario perché l’applicazione di messaggistica ha introdotto la nuova funzione “posizione attuale”.

In pratica possiamo condividere il posto dove ci troviamo con chiunque o far sapere a un familiare o un amico quando raggiungiamo un posto specifico. Un ragazzo, ad esempio, può condividere la posizione con la madre quando va a scuola e assicurarla che è arrivato senza doverla chiamare o messaggiare.

Come condividere la posizione su WhatsApp

Condividere la propria posizione su WhatsApp è molto semplice e intuitivo. Qualcuno si sarà imbattuto nella funzione per caso, alcuni non ne conoscono l’esistenza, altri stanno cercando una guida pratica per utilizzarla. Chiarita la funzione di posizione come volontaria condivisione della propria tracciabilità, ricercare e utilizzare il servizio prevede pochi passaggi.

Si deve innanzitutto aprire una chat con la persona o col gruppo con cui si vuole condividere la posizione. Toccando l’icona per gli allegati (su Android è l’immagine della graffetta mentre sull’iPhone è il simbolo +) apparirà sul display una finestra con varie opzioni di scelta, tra le quali la funzione “Posizione”. Cliccando sulla voce “Posizione” si aprirà una pagina di “Invia posizione” con molte funzionalità e la mappa con indicato il nostro rilevamento geografico da un pallino blu. Subito sotto la mappa si troverà la voce “Condividi posizione attuale” e cliccando apparirà la scelta del tempo per cui si vuole farsi monitorare. Il tempo di condivisione della posizione è di 15 minuti, un’ora o otto ore e ci permette inoltre di aggiungere un commento, con i relativi smile, per il contatto prima di inviare.  È possibile anche inviare la sola posizione con un alto grado di precisione, cliccando sulla voce “Invia la tua posizione”. Slittando verso il basso appariranno i luoghi nelle vicinanze della nostra posizione, con i posti rintracciati sulla mappa indicati con un pallino verde. Cliccando sul luogo citato si invierà la posizione del posto interessato al contatto. Inoltre, è possibile cercare un luogo vicino a noi con l’icona “cerca”, in alto a destra simboleggiata dall’immagine di una lente e a fianco l’immagine della freccia rotatoria permette di aggiornare il proprio rilevamento. Infine, si può conoscere l’indirizzo esatto della posizione cliccando sull’immagine del rettangolo aperto, in alto a destra che farà comparire via, numero, cap, città, provincia e nazione.

Inviando la “posizione attuale”, comparirà la finestra con la mappa nella conversazione con specificato il tempo di condivisione, le spunte per l’avvenuta consegna e lettura e la possibilità di interrompere la condivisione. Chiunque partecipi alla chat può vedere la nostra posizione sulla mappa e tracciare i nostri movimenti. In qualsiasi momento possiamo comunque terminare la condivisione della posizione.

È possibile ricevere la posizione da un contatto e tracciare i suoi spostamenti. Nella conversazione apparirà la finestra con la mappa e la sua posizione segnalata dall’immagine del profilo e le informazioni sul tempo di condivisione e la possibilità di visualizzare la posizione attuale. Cliccando su “visualizza posizione attuale” apparirà la mappa e il rilevamento. In alto a destra sarà possibile aprire un menu e scegliere tra “vista mappa”, “vista satellitare”, “vista terrestre” e “mostra traffico”. Ingrandendo sulla cartina avremo con un alto grado di precisione la collocazione esatta del nostro contatto e nella parte inferiore verrà indicato l’ora dell’aggiornamento. Se entrambi i contatti hanno condiviso la loro posizione, sulla mappa compariranno entrambi i rilevamenti della collocazione con le immagini dei profili.

Vantaggi e rischi per la privacy

La funzione posizione su WhatsApp ha benefici e rischi importanti. Poter condividere la propria collocazione geografica permette molte attività di gruppo e segnalazioni con un contatto. Nel caso in cui si decida di incontrarsi con il proprio gruppo, basterà che ognuno all’interno del gruppo condividi la propria posizione per aggiornarsi sul luogo in cui si trovano i partecipanti, evitando messaggi, attese e chiamate durante il tempo di arrivo al posto stabilito. In un momento di pericolo o di bisogno, poter inviare la propria posizione permette al contatto di monitorare gli spostamenti e raggiungerci senza complicazioni e difficoltà.

I rischi della condivisione della posizione sono riferiti alla privacy. La minaccia maggiore riguarda i Big Data e la nostra vita privata. Il tracciamento della posizione è possibile solo tenendo accesa la geolocalizzazione sul nostro smartphone, con la conseguenza di essere monitorati dalle grandi aziende informatiche mondiali che raccolgono dati sulla nostra privacy per azioni di marketing mirate.

La tracciabilità verso un contatto ha un tempo limitato e deve essere approvata. Per tracciare i movimenti di qualcuno su WhatsApp si deve avere il consenso dell’altra persona. Ma attenzione: qualcuno a nostra insaputa potrebbe aver attivato di nascosto la condivisione della posizione sul nostro smartphone per spiare i nostri movimenti. Meglio non perdere mai di vista il telefono e non farlo usare a nessun altro senza la nostra presenza.

A qualcuno questa nuova funzione potrebbe non piacere. Un partner geloso potrebbe costringere il compagno a condividere la sua posizione in modo da poterne spiare i movimenti. Anche un datore di lavoro potrebbe chiedere ai suoi dipendenti di condividere la posizione per monitorare i loro movimenti quando ad esempio sono in missione per lavoro.

Per concludere

In breve, per utilizzare la funzione di “condivisione posizione attuale” su WhatsApp è necessario aprire l’app, scegliere un contatto o un gruppo, aggiungere un allegato, scegliere la voce “Posizione” e condividere la posizione attuale per il tempo scelto. Per tracciare un contatto sarà necessario ricevere la condivisione e cliccare su “visualizza posizione attuale”. Il servizio è determinato dalla connessione Internet, dunque bisognerà avere una buona copertura di linea per non incorrere in aggiornamenti molto lenti.

Per concludere, sebbene la funzione di condivisione posizione di WhatsApp può essere molto utile, in altri casi qualche rischio per la privacy lo pone.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA