Diritto e Fisco | Articoli

Quando una sentenza diventa irrevocabile?

18 ottobre 2017


Quando una sentenza diventa irrevocabile?

> Diritto e Fisco Pubblicato il 18 ottobre 2017



Cosa significa “sentenza passata in giudicato” e quando una sentenza diventa definitiva e non più impugnabile.

Anche i giudici possono sbagliare. Anzi, a giudicare dalle statistiche, ciò accade molto spesso. Tanto è vero che è elevato – rispetto a quello che ci si attenderebbe – il numero di sentenze che vengono riformate in Appello (ossia in secondo grado) o in Cassazione (ultimo grado di giudizio). «Se la giustizia può sbagliare, vuol dire anche che non è certa» starà certamente commentando tra sé il lettore. Su questo bisognerebbe spendere fiumi di parole e non è questa la sede più appropriata. Una cosa però è sicura: chi non si ritiene soddisfatto da una sentenza può, entro determinati limiti, chiedere l’intervento di un altro giudice che ne valuti la correttezza. Lo può fare per un numero di volte limitato (in Appello e, per determinati tipi di vizi, in Cassazione) e, soprattutto, entro un certo periodo di tempo. Quando sono esauriti tutti i mezzi di impugnazione o quando sono scaduti i termini per impugnare si dice che la sentenza diventa irrevocabile o, per usare una terminologica “legale”, «passa in giudicato». In altri termini, anche se clamorosamente errata e ingiusta, la sentenza è definitiva e non può più essere modificata. Ma procediamo con ordine e vediamo quando una sentenza diventa irrevocabile.

Quando si parla di una sentenza «passata in giudicato» o irrevocabile si intende una sentenza contro la quale sono stati esperiti tutti i mezzi di impugnazione o quando non sono più proponibili per il decorso dei termini. Ricordiamo che i termini per impugnare la sentenza sono:

  • 30 giorni per l’Appello;
  • 60 giorni per il ricorso in Cassazione.

Tali termini iniziano a decorrere da quando la sentenza viene notificata alla controparte. Poiché prima viene notificata la sentenza e prima decorrono i termini, e quindi prima diventa definitiva la pronuncia, è interesse di chi ha vinto la causa procedere alla notifica nei confronti della parte soccombente, affinché quest’ultima abbia meno tempo per improntare un’impugnazione.

Se la sentenza però non viene notificata il termine è di sei mesi.

Se questo termine cade durante il periodo che va dal 1° al 31 agosto, il conteggio si sospende e torna a decorrere dal 1° settembre. Ad esempio, una sentenza notificata il 16 luglio può essere impugnata fino al 15 settembre.

Un’esigenza di certezza dei rapporti giuridici determina la necessità che il provvedimento del giudice, con il quale il processo è – sia pure solo parzialmente – definito (sentenza), produca effetti non più suscettibili di modifica. Tale esigenza, però, va contemperata con l’esigenza di ottenere una migliore giustizia, rendendo sempre possibile la modifica del provvedimento stesso.

Pertanto il codice di procedura stabilisce [1] che si intende «passata in giudicato» la sentenza contro la quale non è più possibile alcun mezzo di impugnazione, il che – come detto – può avvenire in due casi:

  • o perché tutti i mezzi di impugnazione previsti dalla legge sono già stati esperiti;
  • o perché sono scaduti i termini per procedere all’impugnazione della sentenza.

La sentenza divenuta irrevocabile è:

  • incontestabile ad opera delle parti, le quali non potranno più impugnarla;
  • intoccabile anche da parte del giudice.

Anche se il codice parla di «sentenza», è chiaro che tale norma si riferisce a tutti i provvedimenti del giudice che passano in giudicato come ad esempio un decreto o un’ordinanza.

Non c’è bisogno che una sentenza diventi definitiva per essere vincolante e obbligatoria. Difatti già dopo la pubblicazione della sentenza di primo grado questa obbliga le parti ad adeguarsi al suo contenuto. Ciò vale anche se pende il giudizio di appello, salvo che il giudice di secondo grado non abbia – su ricorso della parte soccombente in primo – sospeso l’esecutività della pronuncia. Questo principio va sotto il nome di «immediata esecutività delle sentenze di primo grado».

Da un punto di vista sostanziale, la sentenza passata in giudicato ha degli effetti che non si ripercuotono sulla collettività (come può essere invece per una legge), ma solo tra le parti in causa. Inoltre, se una delle parti cede a terzi il proprio diritto (si pensi al diritto di proprietà su una casa oggetto di lite giudiziaria), il contenuto della sentenza vincola anche i successivi titolari (gli «aventi causa», secondo la dizione del codice). Non solo. La sentenza vincola anche gli eredi delle parti in causa, nel momento in cui diventeranno titolari del diritto controverso.

La «cosa giudicata» impone alle parti l’obbligo di osservare quanto stabilito dal giudice quasi come se fosse una legge vigente solo nei loro confronti.

Anche una sentenza definitiva però può cadere in prescrizione se chi ha vinto il giudizio non esercita il diritto riconosciutogli dal giudice entro 10 anni. Facciamo l’esempio di una sentenza che abbia accertato il credito di una persona nei confronti di un’altra. Se il creditore non compie un atto nei confronti del debitore (che può essere un precetto, un pignoramento o l’invio di una semplice messa in mora) per 10 anni consecutivi non potrà più fare nulla e il suo diritto di credito si prescrive per sempre.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI