Diritto e Fisco | Articoli

Notifiche delle cartelle esattoriali # 5: I vizi della notifica

13 novembre 2012


Notifiche delle cartelle esattoriali # 5: I vizi della notifica

> Diritto e Fisco Pubblicato il 13 novembre 2012



Vizi della notifica della cartella esattoriale: quando provocano l’inesistenza e quando la nullità della notifica?

Il mancato rispetto delle norme sulla notifica comporta un vizio nella notifica stessa che farà sì che la notifica non si consideri mai effettuata.

A riguardo però, alcuni di questi vizi possono essere sanati e altri no.

Vizi non sanabili

Vizi che non possono essere sanati (si parla, a riguardo, della cosiddetta “inesistenza” della notifica).

Si ha quando la notifica manchi del tutto o sia stata effettuata in modo assolutamente diverso da quello previsto dalla legge tale da non poter essere proprio ricondotta al modello legale.

È il caso, per esempio, in cui la notifica sia avvenuta nei confronti di una persona che non abbia attinenza o collegamento alcuno con il destinatario della notifica ed è a lui del tutto estranea [1].

Vizi sanabili

Vizi che possono essere sanati (si parla, a riguardo, di semplice nullità della notifica).

Si ha quando la notifica sia stata eseguita nei confronti del destinatario, mediante consegna in luogo o a soggetti diversi da quelli stabiliti dalla legge, ma che abbiano comunque un minimo collegamento con lo stesso destinatario [1].

In tali casi, la nullità viene sanata – e quindi la notifica si considera come valida – se l’atto ha raggiunto il proprio scopo e si possa desumere, dal comportamento del destinatario, che abbia comunque avuto conoscenza dell’atto (per esempio, l’aver presentato il ricorso contro la cartella di pagamento).

 

 

note

[1] Cass. sent. n. 27450/2005; Cass. sent. n. 16141/2005; Cass. sent. n. 11623/2003.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

7 Commenti

  1. Ho ricevuto una cartella da Equitalia nel mio vecchio indirizzò di residenza, a mezzo posta semplice…quindi neanche raccomandata; tale cartella riguarda multe che io in teoria non ho pagato due anni fa e di cui ne vengo a conoscenza solo ora ! Cosa posso fare per contestare questa cartella?
    Grazie

  2. Per i solleciti di pagamento Equitalia valgono le stesse regole previste per le cartelle di pagamento ( es, nome e cognome del responsabile del procedimento ecc)?

  3. L’equitalia ha inviato tramite tnt una cartolina di giacenza racc. presso il tnt. Chiamo al corriere il quale mi dice che doveva esserci anche una busta non intestata nella buchetta delle lettere in cui diceva che l’atto giace presso il comune ufficio urp. Questa busta bianca non c’è nella buchetta. Dico al corriere di consegnarmi di nuovo la raccomandata, mi risponde che non può perchè ha consegnato tutto al comune. Ora cosa devo fare prenderla dal comune con una lettera accompagnatoria in cui dico che mi è stato comunicato dal messo comunale che giace questa raccomandata o non la prendo affatto. Un altro atto intestato a mia figlia mai arrivata alcuna cartolina. Co
    sa mi consiglia di fare?

    1. L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

      Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale https://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
      Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

      A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

      Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

  4. Sono andato in pensione ad Aprile 2008, fino alla fine di Aprile sono stato amministrato dall’ Ente di appartenenza. Dal 1° Maggio fino a Dicembre compreso dal Centro Amministrativo dell’ Esercito dopodiché dall’ INPDAP.
    Dopo 4 anni e 11 mesi mi è arrivata dall’ ADE plico dove dice che devo pagare 2.900,00€
    di IRFEF non pagata dal Centro Amministrativo dell’ Esercito nel 2008. L’ Agenzia delle Entrate mi ha fatto dilazionamento per pagare 367,00€ ogni 3 mesi per 8 rate.
    Ho pagato le prime due rate dopodichè non ho più pagato per problemi finanziari.
    Quando è uscito lo scandalo dei Dirigenti privi di poteri, ho controllato da chi era stato firmato questo atto. Ho visto che questo atto è stato firmato per delega da un funzionario che compare nella lista dei Dirigenti privi di poterii cosi come il nome che ce sul timbro anche lui Direttore privo di poteri.
    Prima che veniva fuori questo scandalo di cui nessuno sapeva niente, io ho dovuto pagare le prime due rate, se questo scandalo dei falsi dirigenti non veniva fuori chissà quanta gente avrebbe continuato a pagare?
    Agenzia delle Entrate e Equitalia sono stati sempre enti ladroni legalizzati.
    Chissà quanta gente in tutti questi anni ha dovuto pagare questi Enti LADRONI senza sapere che le notifiche dell’ ADE erano state firmate da falsi Dirigenti.
    Perchè adesso lo stato non fa una legge a favore dei cittadini dicendo che tutti coloro che hanno pagato queste tasse per anni non gli vengono rimborsati visto che questo scandalo è venuto fuori solo adesso?
    Prima prendono e poi una volta scoperta la magagna non risarciscono.
    Stato LADRONEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE

  5. Ho avuto una sentenza negativa dalla commissione tributaria di Taranto, in merito a cartelle ( per debiti a me sconosciuti) che risulterebbero notificate a persone estranee alla mia famiglia, (dipendenti di un negozio difronte a casa mia), senza che ci sia la firma di un responsabile del procedimento, cartelle queste emesse a suo tempo da un agente privato SOGET. Ho pagato tutto con la riduzione del 25% circa due anni fa. La cosa non mi è passata anche perché parliamo di circa 52.000 euro e le chiedo ,cosa posso fare per appellarmi a questa imposizione e richiedere indietro il mio denaro?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI