Business | Articoli

Detrazione spese veterinarie: cosa conservare

1 marzo 2017


Detrazione spese veterinarie: cosa conservare

> Business Pubblicato il 1 marzo 2017



Medicine più facili per i nostri amici animali: l’Agenzia delle entrate semplifica le norme.

Da quest’anno le spese veterinarie saranno inserite nella dichiarazione precompilata. Sarà tutto automatico, per cui i contribuenti troveranno direttamente i dati relativi agli acquisti effettuati nelle farmacie, anche nel caso in cui si tratti di medicine per animali.

Anche i venditori al dettaglio di prodotti medicinali verinari sono infatti tenuti a comunicare al Sistema tessera sanitaria le spese sostenute dai contribuenti.

Norme più semplici: addio ricetta

La procedura è addirittura semplificata. Non occorrerà infatti conservare le ricette mediche, ma basterà lo scontrino: è quanto ha stabilito con una risoluzione l’Agenzia delle entrate

Quando posso detrarre le spese per gli animali?

L’Agenzia ha ribadito che è possibile detrarre il 19% delle spese veterinarie sostenute durante l’anno, fino ad un importo massimo di 387,34 euro e per la parte che eccede la franchigia di 129,11 euro. Tale importo è da considerarsi come “totale”: chi possiede più animali non ne potrà beneficiare per ogni animale, ma su tutte le spese mediche complessivamente sostenute.

Spese veterinarie non detraibili: quali sono

Inoltre non possono esser detraibili le spese per animali di allevamento o per animali da lavoro in pratiche agricole: la detrazione è infatti sugli animali da compagnia o per la pratica sportiva.

Come posso tutelare ulteriormente il mio amico a 4 zampe?

Sono sempre di più le persone che ricorrono ad un’assicurazione per tutelare anche il proprio amico a quattro zampe. Un mercato in forte crescita del quale vi abbiamo parlato recentemente in un nostro articolo, che vi consigliamo.

Posso detrarre le spese sugli antiparassitari?

Il ministero della Salute non ha classificato gli antiparassitari come dei medicinali, pertanto, fa chiarezza l’Agenzia, le spese sostenute per l’acquisto non possono rientrare nella detrazione del 19%. Lo stesso discorso va esteso per i mangimi speciali.

note

Autore immagine: Pixabay.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI