HOME Articoli

Lo sai che? Piano di ammortamento mutuo

Lo sai che? Pubblicato il 1 dicembre 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 1 dicembre 2017

Mutuo: piano di ammortamento alla francese e all’italiana: come funziona?

Ogni contratto di mutuo prevede il cosiddetto piano di ammortamento, cioè il piano di rimborso delle rate del finanziamento concesso dalla banca (comprensivo di capitale e interessi).

La banca ha l’obbligo di indicare la forma di ammortamento e gli interessi applicati nel foglio informativo del prestito o del mutuo.

Vediamo nel dettaglio cos’è il piano di ammortamento e come possono essere calcolate le rate.

Mutuo: cos’è il piano di ammortamento?

Il piano di ammortamento è un piano dettagliato della restituzione del capitale prestato più gli interessi maturati dalla banca. In esso viene stabilito:

  • l’importo di ciascuna rata (capitale e interessi);
  • la data entro la quale tutto il debito deve essere pagato;
  • la periodicità di ciascuna rata (mese, trimestre, semestre),;
  • i criteri per determinare l’ammontare di ogni rata e il debito residuo.

Le rate di un piano di ammortamento sono composte da due elementi principali: la quota capitale e la quota di interessi.

La quota capitale è costituita dall’ammontare di denaro prestato dalla banca per l’acquisto dell’immobile, frazionato per il periodo scelto.

La quota di interessi è costituita dagli interessi da pagare alla banca per aver prestato il capitale. Questa quota varia per ogni rata perché il tasso di interesse viene applicato al capitale residuo del finanziamento.

Esistono diversi piani di ammortamento per la restituzione del capitale ma il più utilizzato è il piano di ammortamento cosiddetto “alla francese” con rate costanti per tutto il periodo di rimborso.

Piano di ammortamento alla francese

Nell’ammortamento alla francese le rate del mutuo sono costanti e gli interessi sono calcolati solo sul capitale residuo.

Per costruire il piano di ammortamento si calcolano, per ogni periodo:

  1. quota capitale: data dalla rata costante meno la quota interessi;
  2. quota interessi: data dal capitale residuo (periodo precedente) per il tasso di interesse (rapportato al periodo);
  3. capitale residuo: dato dal capitale residuo (periodo precedente) meno la quota capitale.

Sommando tutte le quote capitale, si ottiene il capitale iniziale oggetto del prestito; sommando tutte le quote interessi si ottiene il totale interessi da rimborsare (nel caso di un tasso fisso).

La caratteristica del piano di ammortamento alla francese è che la rata è costante con riguardo alla quota capitale, ma varia sempre la quota interessi. Quest’ultima, infatti, ha un’incidenza maggiore nelle prime rate con rilevanza decrescente ma mano che si paga il piano di ammortamento, per dare di conseguenza maggior rilievo alla quota capitale che aumenta.

Piano di ammortamento all’italiana

Un altro tipo di piano di ammortamento è quello “all’italiana” caratterizzato dalla quota di capitale costante. Ciò comporta che la rata, nel tempo, risulta essere decrescente, come del resto la quota di interessi, a differenza di quanto appena visto col piano di ammortamento alla francese dove alla quota capitale crescente corrispondono interessi decrescenti.

Nonostante il nome, il piano in questione è scarsamente utilizzato in Italia, dove viene data preferenza al piano alla francese.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI