Business | Articoli

IVA: c’è tempo fino a domani!

2 Marzo 2017
IVA: c’è tempo fino a domani!

Riaperti, ma solo per qualche giorno, i termini per la dichiarazione IVA. L’Agenzia delle entrate dà un nuovo termine.

Prorogato, ma solo per tre giorni, il termine per la presentazione della dichiarazione Iva.

Il comunicato dell’Agenzia delle Entrate

Ad annunciare il breve rinvio è l’Agenzia delle entrate con un comunicato stampa che fa respirare gran parte dei commercialisti e dei professionisti alla luce del breve mese di febbraio.

Il precedente termine: 28 febbraio

Per effetto delle modifiche di legge apportate [1], da quest’anno la dichiarazione Iva si sarebbe dovuta comunicare autonomamente entro il 28 di febbraio. Si sono però registrati dei notevoli rallentamenti nella rete di trasmissione, probabilmente provocati dall’enorme flusso di utenza, ragion per cui l’Agenzia ha deciso di prorogare di tre giorni l’invio della dichiarazione.

Nuovo termine perentorio: 3 marzo

Saranno considerate tempestive le dichiarazioni inviate entro domani, venerdì 3 marzo. Chi ha necessità di apportare modifiche, correggere errori e quant’altro, ha quindi tempo fino a domani per presentare una dichiarazione correttiva e apportare le relative correzioni, senza ricorrere a dichiarazioni integrative e senza pagare le relative sanzioni.

Un’occasione anche per correggere l’ambito soggettivo

Segnaliamo con l’occasione che lo scorso 24 febbraio è stato pubblicato il decreto attuativo delle modifiche apportate alla disciplina di legge[2], con il quale si sono apportate modifiche anche all’ambito soggettivo di applicazione del regime e alle modalità di esercizio dell’opzione. Potrebbe trattarsi quindi di un’occasione valida per correggere la dichiarazione.


note

[1] Combinato disposto della L. n. 190 del 2014 e del .D.l. n.192 del 2014.

[2] D.m. del 13.02.2017 attuativo delle modifiche apportate alla disciplina dalla legge 232/2016.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube