HOME Articoli

Lo sai che? Trattati UE: l’Italia potrebbe recedere unilateralmente?

Lo sai che? Pubblicato il 1 dicembre 2017

Articolo di




> Lo sai che? Pubblicato il 1 dicembre 2017

L’Italia potrebbe recedere unilateralmente da tutti i Trattati europei? Come potrebbe farlo?

Dal punto di vista giuridico la via assieme più breve e legalmente corretta per recedere da quella serie di obblighi che la cronaca di solito riconnette all’appartenenza dell’Italia all’Unione europea è quella che lo stesso Trattato sull’Unione europea prevede all’articolo 50 (come introdotto a seguito del Trattato di Lisbona in vigore dal 1° dicembre 2009).

Questa norma, azionata dal Regno Unito di Gran Bretagna ed Irlanda del Nord per recedere dalla sua adesione all’Unione europea, è azionabile ovviamente anche dall’Italia conformemente alle proprie norme costituzionali.

Ciò significa che in qualsiasi modo la maggioranza politica al Governo in Italia decidesse di far recedere l’Italia dall’adesione all’Unione europea, essa dovrebbe predisporre e pianificare un iter giuridico tale che:

– sia predisposta ed approvata, ai sensi dell’articolo 138 della Costituzione, una legge costituzionale che, eventualmente anche modificando l’articolo 117 della Costituzione nella parte in cui fa riferimento all’ordinamento comunitario, autorizzi il Governo della Repubblica a formalizzare dinanzi alle Istituzioni comunitarie (in particolare al Consiglio europeo) il recesso dell’Italia dall’Unione e ad avviare con le stesse l’iter necessario per addivenire all’accordo per definire le modalità del recesso (secondo quanto prescrive l’articolo 50 del Trattato sull’Unione europea e l’articolo 218, par. 3, del Trattato sul funzionamento dell’Unione europea, infatti, il recesso di uno Stato membro può essere unilaterale solo se entro due anni dalla presentazione dell’istanza di recesso al Consiglio europeo non si addivenga ad un accordo di recesso e non si chieda, di comune accordo, di prorogare il termine biennale);

– sia presentata al Consiglio europeo, nei termini e secondo le modalità e le forme stabiliti dalla legge costituzionale suddetta, la formale richiesta di recesso dell’Italia dall’Unione;

– sia avviata dal Governo italiano la trattativa per la stipula dell’accordo di recesso con l’Unione europea (trattativa di cui il Governo dovrà costantemente tenere informato il Parlamento anche perché il termine per la stipula dell’accordo di recesso è di due soli anni salva proroga concordata tra le parti);

– sia costituita un’apposita struttura interna (nelle forme anche di un eventuale Ministero ad hoc) che curi le trattative per la stipula dell’accordo di recesso sulla base di un mandato parlamentare costantemente aggiornato (mandato parlamentare che potrà assumere le forme, eventualmente, della originaria legge costituzionale e di eventuali successive leggi costituzionali o decreti leggi a seconda dell’andamento delle trattative per la stipula dell’accordo di recesso);

– parallelamente sia costituita un’apposita commissione (meglio se bicamerale ed integrata da rappresentanti delle Regioni) che in attesa della formalizzazione del recesso (che diviene operativo solo con la stipula dell’accordo di recesso ovvero con il decorso di un biennio, salva proroga concordata, dalla notifica al Consiglio europeo della intenzione di recedere) avvii l’analisi delle decine di migliaia di atti giuridici di matrice comunitaria (direttive, regolamenti, decisioni) per verificare quelli le cui norme siano operanti nell’ordinamento interno e decidere (attraverso il normale iter parlamentare legislativo) quali norme conservare vigenti (trasfondendole in nuovi atti legislativi interni che andranno a rimpiazzare le corrispondenti norme di derivazione europea) e per quali norme adottare invece le forme più idonee per farne cessare l’applicazione nell’ordinamento nazionale (curando per le une e le altre i delicati aspetti di applicazione alle fattispecie in essere al momento in cui il recesso sarà operativo);

– sia istituita una apposita commissione mista governativa e parlamentare per negoziare contemporaneamente la fine della contribuzione italiana al bilancio della Unione europea e la fine del versamento dei fondi europei nelle casse italiane;

– sia prevista attraverso, se necessario, la stessa commissione bicamerale sopra citata, la definizione delle normative più utili per attribuire le attività di controllo, tecniche o scientifiche effettuate dalle agenzie europee a corrispondenti nuove agenzie italiane o ad agenzie italiane già esistenti (si pensi ad esempio all’agenzia europea dell’ambiente, all’autorità europea per la sicurezza alimentare, all’agenzia europea per la sicurezza aerea ecc.);

Se al termine dei due anni previsti dall’articolo 50 del Tue l’accordo con l’Unione europea per definire le modalità di recesso (come sarebbe altamente auspicabile) fosse raggiunto, il recesso diventerebbe operativo all’atto dell’entrata in vigore della legge dal Parlamento nazionale che ne autorizzasse la ratifica come per ogni altro trattato di natura politica ai sensi dell’articolo 80 della Costituzione.

Con il recesso l’Italia non sarebbe più legalmente membro dell’Unione europea e sarebbe sciolta dal rispetto degli obblighi nascenti dall’appartenenza all’Unione europea (cioè da tutti gli obblighi derivanti dalle norme contenute nel Trattato sull’Unione europea e nel Trattato sul funzionamento dell’Unione europea e da tutti gli accordi, con annessi obblighi e doveri, stipulati dall’Unione europea o dall’Italia come membro dell’Unione europea).

Cesserebbero quindi di avere efficacia i Trattati di modifica degli originari Trattati europei (Lisbona, Nizza, Amsterdam, Maastricht) ed anche tutti gli accordi che siano espressione della Unione economica e monetaria che ha come moneta l’euro (fondata sull’articolo 3, par. 4, del Tue) e che costituiscano e regolino il mercato interno (instaurato in base all’articolo 3, par. 3, del Tue).

In conclusione:

1) si sconsiglia l’indizione con legge costituzionale di un referendum di indirizzo per sondare l’opinione popolare in merito all’uscita dall’Unione europea (per i problemi che un tale referendum porrebbe considerati i limiti contenuti nell’articolo 75 della Costituzione); se proprio la maggioranza politica necessitasse del sostegno popolare sarebbe opportuno prevedere un referendum confermativo della legge costituzionale indicata in apertura di consulenza (referendum da tenersi anche nel caso in cui tale legge costituzionale raggiungesse le maggioranze per le quali il ricorso al referendum viene escluso ai sensi dell’articolo 138 della Costituzione);

2) si precisa che l’eventuale problema posto dall’articolo 81 si risolverebbe cancellandone la modifica introdotta con legge costituzionale n. 1 del 2012 (se, cioè, si ritenesse che il vincolo del pareggio di bilancio attualmente vigente fosse un ostacolo alle politiche da attuare per affrontare la fase di recesso e di successiva stabilizzazione economica interna, il vincolo andrebbe rimosso con la stessa legge costituzionale di autorizzazione a formalizzare l’intenzione di recesso dall’Unione europea).

 

Articolo tratto dalla consulenza resa dall’avv. Angelo Forte

 


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI