Diritto e Fisco | Articoli

Raccomandata: cosa si può spedire?

31 ottobre 2017 | Autore:


> Diritto e Fisco Pubblicato il 31 ottobre 2017



Con la raccomandata è possibile inviare lettere, comunicazioni e documenti fino a due kg di peso. Non è mai possibile spedire denaro, preziosi e titoli.

La raccomandata consente di spedire in tutto il territorio nazionale, in modo sicuro e certificato, corrispondenza fino a due kg di peso. La ricevuta di spedizione ha valore legale per qualunque modalità di invio, così come l’avviso di ricevimento, che fa prova dell’avvenuta ricezione della raccomandata da parte del destinatario. La raccomandata è consegnata al destinatario, a un soggetto abilitato o a un delegato. In caso di assenza, il destinatario può ritirare la raccomandata presso l’ufficio postale indicato nell’avviso di giacenza, entro trenta giorni. Analizziamo più nel dettaglio cosa si può spedire con la raccomandata e quali sono le alternative che le Poste Italiane offrono nel caso in cui vengano superati i limiti della raccomandata.

Cosa si può spedire con la raccomandata?

Come appena ricordato, con la raccomandata è possibile inviare lettere, comunicazioni e documenti fino a due kg di peso. Superata questa soglia, bisognerà ricorrere ad altre forme di spedizione, come, ad esempio, il pacco postale (vedi successivamente).

Non è consentito spedire denaro, oggetti preziosi, carte di valore esigibili al portatore. Non sono in ogni caso ammessi invii di corrispondenza la cui spedizione risulti in contrasto con le disposizioni in vigore e quelli contenenti oggetti o materiali esplosivi, infiammabili o comunque tali da poter recare danno alle persone o alle cose, ivi compresi quelli che includono al loro interno batterie al litio (sfuse, imballate o contenute in dispositivi o in altri supporti).

Quando non si può spedire con la raccomandata: la Posta Assicurata

Nel caso in cui si debbano spedire su tutto il territorio nazionale oggetti di valore, documenti importanti, denaro (entro i limiti stabiliti dalla legge), oggetti preziosi, titoli o valori fino a due kg di peso, lo strumento ideale è Posta Assicurata, tra l’altro obbligatoria per le spedizioni di denaro, preziosi e titoli. In caso di assenza, il destinatario ha trenta giorni per ritirare l’Assicurata nell’ufficio indicato sull’avviso di giacenza. Rispetto all’ordinaria raccomandata, il vantaggio dell’Assicurata è che la spedizione è garantita (appunto, assicurata) fino ad un massimo di tremila euro contro rischi di smarrimento, furto e danneggiamento; contro i rischi di forza maggiore (incendi, alluvioni, terremoti, scioperi generali, ecc.), basta pagare un costo aggiuntivo pari al 50% del diritto di assicurazione previsto per il valore assicurato.

Quando non si può spedire con la raccomandata: il pacco postale

Con il pacco postale è possibile spedire su tutto il territorio nazionale oggetti di peso superiore ai due kg. Il pacco ordinario consente di inviare in tutta Italia oggetti fino a venti kg di peso, con una lunghezza massima consentita di un metro; è previsto un periodo di giacenza presso l’ufficio postale di sette giorni, dopodiché il pacco viene restituito al mittente. Il paccocelere, invece, alza la soglia del peso a trenta kg, il periodo di giacenza è di dieci giorni e i tempi di spedizione sono più veloci: il pacco arriva il giorno dopo l’accettazione in gran parte d’Italia e due giorni dopo in Calabria, Sardegna e Sicilia.


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI