Diritto e Fisco | Articoli

Come fare contestazione Paypal

3 Novembre 2017 | Autore:
Come fare contestazione Paypal

Nel caso di problemi con gli acquisti online, Paypal mette a disposizione un modo semplice e rapido di risolvere la controversia.

PayPal è una banca online americana (California) avente sede, per l’Europa, in Lussemburgo. Paypal è anche un circuito di pagamenti internazionali sviluppatasi soprattutto grazie all’e-commerce: chiunque può aprire un conto Paypal gratuitamente e utilizzare, al posto delle normali coordinate Iban, il proprio indirizzo email per inviare e ricevere denaro in modo semplice, rapido e sicuro. Paypal è utilizzato principalmente per gli acquisti in internet, in quanto rappresenta una forma di pagamento veloce e comoda. Può accadere, tuttavia, che durante la transazione possano esserci degli errori o che la merce acquistata sia diversa da quella desiderata. Vediamo come fare una contestazione Paypal.

Aprire una contestazione Paypal

È possibile aprire una contestazione entro centottanta giorni dalla data della transazione per tentare di raggiungere una risoluzione amichevole con il venditore. L’operazione non è difficile, basta seguire alcune semplici indicazioni. Innanzitutto, occorre accedere al proprio conto Paypal e cliccare su cronologia in cima alla pagina; dopodiché, bisogna selezionare la transazione oggetto di contestazione per aprirne i dettagli. Bisogna poi cliccare sulla voce Contatta il venditore, selezionare Contestazione oggetto e indicare le motivazioni della contestazione. Si ricordi che è possibile presentare una sola contestazione per ciascun pagamento PayPal.

Convertire una contestazione in reclamo

Se non è possibile giungere ad un accordo, si può richiedere l’intervento di PayPal convertendo la contestazione in reclamo entro venti giorni dalla data di apertura della pratica. Per fare ciò, bisogna:

  1. accedere al conto PayPal;
  2. in fondo alla pagina, sotto la voce “Ti potrebbe interessare…”, cliccare risolvi un problema nel Centro risoluzioni;
  3. selezionare Pratiche aperte nel menu a discesa e individuare la contestazione che si intende convertire in reclamo;
  4. cliccare Visualizza nella colonna Azione;
  5. scegliere Inoltra a PayPal;
  6. completare il modulo Termina le comunicazioni e converti in un reclamo;
  7. cliccare su Converti in un reclamo.

A questo punto, si può scegliere l’opzione di ricevere un rimborso parziale e chiudere il reclamo. Se la pratica non viene convertita in reclamo entro venti giorni, viene chiusa automaticamente e non può essere riaperta.

Chiudere una contestazione o un reclamo Paypal

Se l’acquirente riceve l’oggetto mentre la contestazione o il reclamo è ancora aperto, è sempre possibile chiudere la pratica. Una contestazione chiusa non può essere riaperta né convertita in reclamo. Nel caso del venditore, si può chiudere la pratica solo emettendo un rimborso totale a favore dell’acquirente: così facendo, la contestazione verrà chiusa automaticamente. Se viene offerto un rimborso parziale, invece, la contestazione sarà chiusa se l’acquirente lo accetta.

Ecco come chiudere una contestazione o un reclamo:

  1. accedere al conto PayPal;
  2. in fondo alla pagina, sotto “Ti potrebbe interessare…” cliccare Risolvi un problema nel Centro risoluzioni;
  3. selezionare Pratiche aperte nella casella a discesa e individuare la transazione;
  4. cliccare il numero della pratica nella colonna “N° pratica“.
  5. Se si tratta di un acquirente, cliccare chiudi contestazione; se venditore, cliccare Concedi un rimborso totale o Offri un rimborso parziale.
  6. cliccare chiudi contestazione.

Contestazione Paypal: i termini

Dopo sette giorni dal pagamento l’acquirente può aprire una contestazione per oggetto non ricevuto; può farlo fino a centottanta giorni dal pagamento. Ci sono venti giorni per trovare una soluzione bonaria. Se non si dovesse giungere ad un accordo, la contestazione può essere trasformata in reclamo: questo significa che l’acquirente, o il venditore, ha richiesto l’intervento di PayPal. Da questo momento, si hanno dieci giorni per rispondere e inviare i documenti giustificati richiesti. Entro trenta giorni Paypal assume una decisione sul reclamo.

Contestazione e reclamo Paypal: differenze

Da quanto sopra detto si capisce che c’è una netta differenza tra contestazione e reclamo. La prima consente di tentare una risoluzione amichevole con il venditore utilizzando la piattaforma PayPal. Pur senza intervenire, Paypal terrà traccia dei messaggi scambiati.

Se acquirente e venditore non riescono a raggiungere un accordo, l’uno o l’altro può convertire la contestazione in reclamo, chiedendo in questo modo a PayPal di stabilire l’esito della disputa. Paypal esaminerà il caso in base alle sue procedure, richiedendo informazioni aggiuntive quando necessario, e assumendo una decisione in circa trenta giorni. Una contestazione può essere convertita in reclamo entro venti giorni dalla data di apertura della pratica (e, in caso di reclamo per oggetto non ricevuto, purché siano trascorsi almeno sette giorni dal pagamento). Se la pratica non viene convertita entro il termine, viene chiusa automaticamente e non può essere riaperta.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

3 Commenti

  1. Paypal “giudica” senza averne titolo e capacità.

    Ho spedito della merce in Australia, ho il documento doganale con timbro di uscita della dogana di Lonate. L’acquirente SOSTIENE di non aver ricevuto nulla. La spedizione era, per richiesta sua, economica e non tracciabile, costata 50 euro, pagata con Paypal a XXX spedizioni.
    Paypal dà ragione all’acquirente dietro sua semplice asserzione di non aver ricevuto nulla e mi addebita il valore della merce più i 50 euro di corriere, perchè la spedizione non è arrivata a destinazione. Allo stesso tempo NON mi rimborsa i 50 euro pagati allo spedizioniere Sendiroo nonostante (appunto) la spedizione non sia arrivata a destinazione. Possibile che Paypal decida in modo insindacabile e farneticante, dei miei soldi? Grazie.

    1. Ti suggeriamo la lettura dei seguenti articoli:
      -Come faccio a ottenere un rimborso con Paypal https://www.laleggepertutti.it/411771_come-faccio-a-ottenere-un-rimborso-con-paypal
      -Che cos’è Paypal e come funziona https://www.laleggepertutti.it/293240_che-cose-paypal-e-come-funziona
      -Paypal: ultime sentenze https://www.laleggepertutti.it/396952_paypal-ultime-sentenze
      -PayPal: è davvero sicuro? https://www.laleggepertutti.it/23272_paypal-e-davvero-sicuro
      -Shopping online: 8 regole per fare acquisti in sicurezza https://www.laleggepertutti.it/446817_shopping-online-8-regole-per-fare-acquisti-in-sicurezza

  2. ciao volevo chiedere se paypal può “ribaltare” una decisione di un oggetto comprato su ebay e pagato con paypal.
    Vendendo su ebay una persona ha contestato l’oggetto e alla fine ebay ha dato ragione a me mentre paypal ha dato ragione al cliente.
    come è possibile?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube