Business | Articoli

Airbnb offre lavoro: ecco le posizioni aperte

6 Marzo 2017
Airbnb offre lavoro: ecco le posizioni aperte

Nuovi posti di lavoro nella new economy, si va dai responsabili commerciali ai data scientist. Ecco tutti i dettagli.

Che i social media e la share economy siano la nuova frontiera del lavoro è ormai cosa nota. Si aprono nuove posizioni lavorative nei maggiori social media, da Facebook ad Airbnb. Vediamo i dettagli sul più grande network di affitti temporanei.

Lavorare con Airbnb

Airbnb, il portale che ha rivoluzionato il mondo della piccola ricettività, consentendo di affittare i propri spazi extra ad ospiti occasionali, cerca lavoratori.

Si aprono posizioni in Italia come:

  • Policy partnership associate: colui il quale si occupa di creare le partnership con gli enti pubblici e privati del settore del turismo, elaborare strategie innovative ed analisi del settore
  • Responsabile delle comunicazioni istituzionali, con esperienza di almeno 6 anni

Fuori dall’Italia si cercano:

  • Contract designer;
  • Data scientist;
  • It support manager;
  • Product content strategist 

Share economy: tipi di contratto aperti

I contratti saranno a tempo determinato ed indeterminato. Sul piatto ci sono 127 posti di lavoro, con sede operativa  a Milano.



Sostieni laleggepertutti.it

"La Legge per Tutti" è una testata giornalistica indipendente che da oltre 10 anni informa gratuitamente milioni di persone ogni mese senza il supporto di finanziamenti pubblici. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube