HOME Articoli

Ditelo Voi Barbone non paga il conto: cosa fare

Ditelo Voi Pubblicato il 5 novembre 2017

Articolo di




> Ditelo Voi Pubblicato il 5 novembre 2017

Se un senzatetto non paga il conto incorre in responsabilità civile; se, però, occulta volontariamente la sua condizione, può rispondere di un reato.

Più volte le pellicole cinematografiche ci hanno proposto la gag della fuga dal ristorante: gli allegri commensali si siedono, mangiano, bevono e poi, al momento di pagare il conto, con un brillante pretesto, scappano via. Pochi sanno, però, che questo comportamento, oltre che costituire un illecito civile, può configurare addirittura un’ipotesi di reato. E se, invece di fare il furbetto, colui che si siede al tavolo del ristorante non può realmente permettersi di pagare? Inoltre, cosa fare se un barbone non paga il conto? Vediamolo insieme.

Barbone non paga il conto: l’insolvenza fraudolenta

Il codice penale punisce con la reclusione fino a due anni ovvero, in via alternativa, con la sola pena pecuniaria di 516,00 euro, chiunque, celando il proprio stato di insolvenza, contrae un’obbligazione con il proposito preciso di non adempierla [1]. Si tratta del delitto di insolvenza fraudolenta che, in buona sostanza, punisce colui che, fingendo di avere i mezzi per pagare, diventa debitore di una prestazione pur sapendo di non potervi far fronte. È il caso di chi si siede al tavolo del ristorante e, ostentando uno status di agiatezza, in realtà non ha il becco di un quattrino. Secondo la Corte di Cassazione, il reato si integra quando il soggetto ponga in essere una messa in scena tale da ingannare l’altra parte e non fargli capire quale sia il suo reale stato economico [2]. In poche parole, si tratta di una specie di truffa. Così, commetterà il delitto in questione chi, nel prendere alloggio in un albergo, non solo si limita a tacere circa il suo stato di insolvenza ma, presentandosi come un normale cliente, esibisce un biglietto da cui risulta titolare di un esercizio commerciale.

Pertanto, il clochard che si presenta al tavolo del ristorante sfoggiando un abbigliamento impeccabile e ostentando una situazione economica che non possiede, può incorrere nel reato sopra citato.  Il problema è che, in attesa dell’arrivo delle autorità, non è possibile trattenere il cliente contro la propria volontà, né è possibile obbligarlo a esibire documenti idonei alla sua identificazione, in quanto trattasi di una prerogativa prevista dalla legge per i pubblici ufficiali nell’esercizio delle loro funzioni (e solo eccezionalmente per altre categorie).

Barbone non paga il conto: l’illecito civile

È tuttavia difficile credere che un barbone possa ingannare in maniera così lampante il titolare di un ristorante; perciò, è molto più probabile che egli si sieda in un ristorante senza nascondere la sua reale condizione. Sia chiaro: esiste senzatetto e senzatetto; non per forza tutti indossano cenci. Comunque, presupponendo l’impossibilità di celare la propria situazione, cosa fare se un barbone non paga il conto?

In questo caso, non potrà trovare applicazione il reato di insolvenza fraudolenta in quanto il senzatetto non ha mentito. Ciò che sopravvive è la sola responsabilità civile: chi non paga il conto viene meno al contratto stipulato con il ristoratore al momento in cui siede al tavolo ed ordina dal menu. Gli strumenti da utilizzare, pertanto, saranno quelli classici del diritto civile: riscossione coattiva della prestazione ed eventuale risarcimento del danno. Il problema è che, trattandosi di persona indigente, sarà ben difficile (se non impossibile) riuscire ad ottenere qualcosa.

Per il ristoratore la fattura emessa costituirà una prova scritta del credito vantato che gli consentirà di agire giudizialmente per il recupero dello stesso, prima con ricorso per decreto ingiuntivo e, successivamente, con pignoramento.

note

[1] Art. 641 cod. pen.

[2] Cass., sent. 714/1971 del 06.03.1971.

Autore immagine: Pixabay.com


Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:
Informativa sulla privacy

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI